Quantcast
Home MarcheOrologi Panerai Luminor Panerai Submersible 1950 3 DAYS

Luminor Panerai Submersible 1950 3 DAYS

Il principio di base cui si ispira l’Officine Panerai Submersible è banale e privo di originalità. Tenendo presente che tutti i propri orologi sono serenamente impermeabili a pressioni fra le 10 e le 30 atmosfere, per fare un orologio subacqueo professionale basta attenersi alle norme che regolano la realizzazione di questa specifica tecnologia, creando sul tema una serie di variazioni relativa più che altro ai materiali e a dettagli estetici. Già. Ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo le profondità marine. Che per Officine Panerai sono un ambiente naturale.

Il movimento del Panerai Submersible 1950 3 DAYS

PANERAI SUBMERSIBLE 1950 3 DAYS

Cominciamo dal movimento. In tutte le versioni viene utilizzato il calibro P.9010 che è meccanico a carica automatica, con una grande autonomia (3 giorni) ottenuta grazie all’impiego di due bariletti. Il doppio «serbatoio» garantisce di fatto la miglior precisione per un periodo di tempo più lungo del solito, dal momento che quando l’autonomia sta quasi per finire (le ultime 10/15 ore prima dell’arresto per mancanza di energia residua) il bilanciere comincia ad avere comportamenti anomali che influiscono pesantemente sulla precisione. Maggiore autonomia, quindi, vuol dire conservare la miglior precisione possibile per un più lungo intervallo di tempo.

LEGGI ANCHE: Panerai Luminor 2

Il fondello del Luminor Submersible è chiuso a vite

Il Calibro P.9010 è inoltre sovradimensionato, per offrire garanzia di robustezza anche in situazioni estreme. Ben fatto, ma anche questo logico e banale, in fin dei conti. Per chi è in grado di fare movimenti meccanici di questo tipo.

Submersible Panerai: Titanio per il professionista delle immersioni

Per quanto riguarda la cassa, le variazioni sul tema sono tante e coprono praticamente tutte le esigenze: dall’acciaio all’oro, da un esclusivo tipo di vetro metallico (Bmg-Tech) al titanio, dai 42 ai 47 millimetri di diametro, basta andare a verificare sul sito di Officine Panerai per rendersi conto che la gamma è straordinariamente completa. Noi abbiamo scelto di puntare l’attenzione sul 47 millimetri in titanio (8.900 euro) perché, per molti versi, si tratta del modello più interessante, per la capacità di lavorare il titanio. Vale la pena di ricordare che, pur non essendo affatto raro, il titanio (il cui uso, fino agli Anni Sessanta, era riservato esclusivamente agli ambiti militari) è straordinariamente difficile da lavorare perché non è facile saldarlo, non è facile tornirlo e rifinirlo (le polveri di titanio sono così infiammabili da costringere a lente lavorazioni in bagno d’olio a temperatura controllata, con frequente cambio di utensili, che si consumano rapidamente), non è facile da sagomare.

Le foto non riescono a rendere giustizia al lavoro fatto dai tecnici della manifattura Panerai di Neuchâtel ma, sta di fatto che la cassa alterna satinature (per ridurre al minimo fastidiosi riflessi) diverse in base alla forma della cassa stessa, così articolata (e «leggera», nonostante dimensioni notevoli però ingentilite da un notevole lavoro di proporzionamento) con una ricchezza di lavorazioni rarissima nel caso del titanio. Un dettaglio, se vogliamo, ma che dimostra rispetto per chi non desidera solo uno strumento professionale, ma anche uno strumento professionale piacevole da usare. A proposito di dettagli. E vogliamo parlare dell’uso intelligente di SuperLuminova? Ce n’è tanto per ottenere la massima leggibilità ma, in più, di colori diversi.

LEGGI ANCHE: OFFICINE PANERAI 5 LAB-ID LUMINOR 1950 CARBOTECH

Verde a parte, la lancetta dei minuti e l’indice sulla lunetta girevole unidirezionale, per rendere più immediata, a forti profondità o comunque in situazioni di scarsa luminosità, la lettura dei dati sensibili per valutare la lunghezza dell’immersione. Intelligente, poi, il sistema di sganciamento rapido del cinturino: si agisce su un pulsante all’interno dell’ansa destra e il gioco è fatto, consentendo di passare rapidamente dal cinturino in caucciù (che in definitiva è quello che consente di adattarsi più rapidamente allo spessore dalla muta e al cambio di diametro del polso nelle diverse situazioni d’immersione) ad uno di quelli proposti da Panerai in una gamma di scelte che comprendono persino fibbie diverse. Il tocco finale è il sistema di correzione dell’ora, che consente di muovere solo la lancetta delle ore: rende più immediato anche il cambio di fuso o il passaggio dall’ora legale a quella solare. Banale. Ma banale come l’intelligenza e il rispetto, che sono merci rarissime.  

Dettagli: 

  • Il fondello del Luminor Submersible è chiuso a vite. Si notano, nella foto, il caratteristico ponte sulla corona, con una leva a L che consente una pressione controllata sulle guarnizioni, e il pulsante sull’ansa, per lo sgancio rapido del cinturino
  • Le dimensioni dell’orologio, sovradimensionato per garantire robustezza e leggibilità, sono mitigate da un’estetica che accomuna buon gusto e funzionalità. Rende però più difficile la realizzazione delle satinature sulla superficie del titanio
Sending
User Review
0 (0 votes)

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.