Lubrificante per orologi – Come lubrificare orologio meccanico

Lubrificazione degli orologi

Gli Oli sono fondamentali per garantire precisione e durata negli orologi con meccanismo meccanico.

La durata degli oli, in orologeria, dipende più dal loro invecchiamento che dal «consumo», visto che l’orologio è una macchina cinematica lenta e a regime costante.

Perché lubrificare un orologio meccanico

Lubrificazione degli orologi

L’olio all’interno del meccanismo è fondamentale perchè permette alle superfici di contatto più scorrevoli, diminuendo quindi l’attrito e di conseguenza l’usura degli ingranaggi. 

Quindi, anche un orologio fermo andrebbe sottoposto a manutenzione almeno ogni 5/7 anni. Questa manutenzione costa cara perché l’intero orologio deve essere smontato, ogni sua componente lavata e controllata, quindi il tutto viene rimontato, lubrificato e sottoposto a controlli e regolazioni che durano qualche giorno.

In orologeria si usano olii di sintesi spesso sviluppati e prodotti all’interno della manifattura. Anche per questo il loro costo può arrivare a centinaia d’euro la goccia. Del resto se ne produce pochissimo: l’intera Svizzera degli orologi non arriva a consumare trenta litri d’olio ogni anno. I lubrificanti vecchi perdono le proprie caratteristiche e quindi impediscono l’agevole movimento degli assi nei perni, rallentando il moto e consumando, per frizione, sia la punta del perno sia la sede in cui il perno stesso si muove.

Se avete tra le mani un orologio di valore e non siete degli esperti vi consigliamo di affidarvi ad una orologeria esperta per non rovinare il segnatempo.

Quale lubrificante usare? Innanzitutto bisogna sapere che l’olio da utilizzare è spesso indicato dalla casa dell’orologio in quanto viene consigliato quello più adatto a quel determinato meccanismo.

E’ fondamentale inserire la giusta quantità d’olio in un orologio, in quanto:

  • se messo in modo eccessivo si disperderà nelle meccanica
  • se messo troppo poco dovrete poi intervenire ben presto per aggiungerne dell’altro. 

Per intervenire sull’usura degli ingranaggi, dovuta appunto agli attriti, e alla conseguente lubrificazione vi consigliamo di di fare una revisione circa ogni 2 anni, quindi con la sostituzione dell’olio e di cercare di proteggere l’orologio dagli agenti esterni e dall’aria (con una cassa impermeabile).

Di seguito un video tutorial per la lubrificazione meccanica:

Olio per lubrificare ingranaggi orologi

In commercio esistono anche degli ottimi lubrificanti per orologi a buon prezzo per chi vuole fare del fai da te. Ecco alcune proposte di Amazon:

Per qualsiasi dubbio, vi consigliamo di non esitare e di consultare il vostro orologiaio di fiducia. 

 

Altri articoli
Oris ProPilot X Calibre 400 Laser: uno spettacolo di luci unico e senza precedenti

Da quando è stato lanciato nel 2022, il ProPilot X di Oris, dotato del Calibro 400 e realizzato interamente in titanio, ha ospitato una serie di quadranti eccezionalmente colorati. La sua prima versione ha conquistato gli appassionati con un delicato rosa pastello dalla texture finemente granulosa. Poi, all’inizio di quest’anno, è arrivato “Kermit” con il suo quadrante verde che ha colpito nel segno, catturando cuori e menti. Durante la Dubai Watch Week, Oris ha proseguito nel suo viaggio cromatico con il lancio del ProPilot X Calibre 400 Laser, che si distingue per un quadrante creato, come si può intuire, con la tecnica laser.

Leggi Tutto »
Longines Master Collection GMT in oro Giallo e Rosa

Longines è consapevole di avere un’idea vincente tra le mani. Appena entrati nel 2024, il brand ha già annunciato l’intenzione di arricchire ulteriormente la Master Collection, reintroducendo un modello GMT che mancava nella serie da diversi anni. Questa mossa anticipa quello che probabilmente sarà un anno molto promettente per Longines.

Leggi Tutto »
4 risposte
  1. Lubrificato movimento pensile con sbloccate rapido tipo svitol …continua fermarsi!
    Come rimediare ?
    Grazie

  2. Ciao Florin ti consiglio di recarti dal tuo orologiaio di fiducia o da un esperto.

  3. Buongiorno Carmine
    Siamo un laboratorio di restauro del Fortepiano e ci piacerebbe avere un tuo suggerimento
    nel nostro lavoro abbiamo un problema di attrito tra un perno di ferro \acciaio che è all’interno del gambetto di legno del martello
    i perni che noi troviamo negli strumenti antichi sono di ferro ,se non sono troppo usurati li lasciamo
    quelli che troviamo in commercio adesso sono in acciaio
    questo perno ruota all’interno di una forcella in ottone che permette tutto il movimento rotatorio del martello verso le corde
    spesso questo movimento è lento e il martello non ripete bene
    tanti anni fa usavamo il Ballistol un olio usato per lubrificare le armi,ma lo abbiamo abbandonato perchè si ossidava
    hai qualche suggerimento
    possiamo inviarti unma foto così da capire meglio quello che ho cercato di spiegarti ?

  4. Ciao, Capisco il problema che state affrontando con l’attrito tra il perno di ferro o acciaio e il gambetto di legno del martello. L’attrito può effettivamente influenzare negativamente la performance del fortepiano, rallentando il movimento del martello e influenzando la sua capacità di ripetere le note in modo efficace.
    Un’opzione potrebbe essere quella di utilizzare un lubrificante di alta qualità, specificamente formulato per applicazioni meccaniche di precisione. Prodotti come l’olio al silicone o l’olio di teflon possono essere utilizzati in queste situazioni. Entrambi offrono eccellenti proprietà di lubrificazione e resistono alla formazione di ruggine e ossidazione.
    Tuttavia, bisognerebbe fare attenzione a non usarne troppo, poiché ciò potrebbe finire per attirare polvere e detriti, che potrebbero ulteriormente ostacolare il movimento del martello. Inoltre, è importante assicurarsi che il lubrificante non entri in contatto con le corde del fortepiano o con altre parti che potrebbero essere danneggiate.
    Vi suggerisco di consultare un esperto di manutenzione di fortepiani per avere un consiglio più specifico e adatto al vostro caso particolare.
    Spero che queste informazioni siano di aiuto. Buon lavoro!
    Cordiali saluti, Carmine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.