Omega Speedmaster Storia: tutta la verità e curiosità dei protagonisti

La Nasa ha sempre voluto che i suoi uomini indossassero l’orologio nelle missioni. E l’Omega Moonwatch Speedmaster fu d’aiuto anche in un momento drammatico. Cercherò in questo articolo a rendervi partecipe a quella che è una delle Storie più belle nel panorama dei segnatempo.

Per celebrare il 50° anniversario dell’allunaggio Omega ha creato un nuovo Speedmaster in oro Moonshine, in edizione limitata di 1.014 pezzi. Ispirato a una precedente serie speciale del 1969, il nuovo cronografo è animato dall’inedito calibro 3861 a carica manuale. Fedele al primo crono nel ‘59, la Casa ha realizzato l’anello della lunetta bordeaux, questa volta in ceramica. Il fondello reca l’incisione: 1969-2019, il numero dell’edizione limitata in bordeaux, e la scritta Master Chronometer.

Orologio icona: Omega Speedmaster storia

Lanciato da Omega nel 1957, lo Speedmaster è stato il primo cronografo a visualizzare una scala tachimetrica sulla lunetta, stabilendo un punto di riferimento estetico nel regno dei cronografi che deve ancora tramontare. Progettato per misurare i tempi trascorsi e la velocità con funzioni di cronografo e tachimetro, lo Speedmaster è stato uno dei tre orologi professionali lanciati dal marchio svizzero, insieme al Seamaster e al Railmaster, offrendo un orologio di alta precisione, resistente all’acqua e di facile lettura e usa.

Nel 1958, la NASA iniziò la sua incursione nell’esplorazione spaziale con equipaggio, mettendo gli Stati Uniti e l’URSS in un duello tecnologico e patriottico per conquistare lo spazio. Il presidente John F. Kennedy puntava ancora più in alto e nel suo discorso al Congresso nel 1961 disse: “Credo che questa nazione dovrebbe impegnarsi a raggiungere l’obiettivo, prima che questo decennio finisca, di far atterrare un uomo sulla Luna e riportarlo sano e salvo la terra. Nessun singolo progetto spaziale in questo periodo sarà più impressionante per l’umanità o più importante per l’esplorazione dello spazio a lungo raggio”.

omega moonwatch Speedmaster Professional

Il viaggio inaugurale “non ufficiale” di Omega nello spazio avvenne nel 1962 a bordo del polso di Walter Schirra durante i voli orbitali del programma Mercury. Il CK 2998 Speedmaster indossato da Schirra a bordo del Sigma 7 nel 1962 era, infatti, il suo orologio personale, quando gli astronauti non erano dotati di segnatempo ufficiali dalla NASA. Tutto questo sarebbe cambiato nel 1964 a seguito di una petizione degli astronauti per i dispositivi di cronometraggio di backup nelle loro missioni.

Il direttore delle operazioni dell’equipaggio di volo, Deke Slayton, ha emesso una nota interna chiedendo “un cronografo altamente durevole e preciso da utilizzare per gli equipaggi di volo Gemini e Apollo”, e le ruote sono state messe in moto per una serie di test per selezionare un candidato vincente per il lavoro.

La scelta dell’orologio Omega Speedmaster Luna

Storia orologio Omega speedmaster Moonwatch

Omega Speedmaster Moon Watch

Secondo James H. Ragan, ingegnere di progetto della NASA in pensione e autore della sezione su Speedmaster e NASA in Moonwatch Only – il più ampio resoconto dell’evoluzione del Moonwatch negli ultimi 60 anni – le prove sono state “progettate letteralmente per testare gli orologi fino alla distruzione ”. Esponendo gli orologi a enormi oscillazioni di temperatura, da 93ºC a -18ºC, urti violenti di 40 g, alta e bassa pressione, umidità, un ambiente corrosivo di ossigeno, rumore e vibrazioni, l’unico orologio a sopportare la tortura è stato lo Speedmaster di Omega.

Dichiarato “Volo qualificato per tutte le missioni spaziali con equipaggio” dalla NASA, lo Speedmaster fece il suo primo viaggio ufficiale nello spazio il 23 marzo 1965, al polso di Virgil Grissom e John Young durante la missione Gemini III e di nuovo il 3 giugno durante la prima passeggiata spaziale americana , giustiziato dall’astronauta Edward White. Per adattarsi alle spesse tute imbottite degli astronauti, il braccialetto d’acciaio dello Speedmaster è stato sostituito con un lungo cinturino in velcro. Dopo una prestazione impeccabile nello spazio, lo Speedmaster era pronto per la missione Apollo 11 che avrebbe effettivamente posto fine alla Corsa allo Spazio e concretizzato l’ambizioso obiettivo del presidente Kennedy di far atterrare un uomo sulla Luna.

L’Apollo 11 è decollato il 16 luglio 1969 dal Kennedy Space Center in Florida. Quattro giorni dopo, il comandante Neil Armstrong e il pilota Buzz Aldrin fecero atterrare il modulo lunare Eagle sulla superficie della Luna, nel Mare della Tranquillità, mentre Michael Collins rimase in orbita nel modulo di comando Columbia. Incollati ai loro televisori, 600 milioni di telespettatori sulla Terra hanno guardato Armstrong scendere la scala del modulo lunare e lo hanno sentito pronunciare le parole immortali: “Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità”. Unendosi ad Armstrong sulla superficie della Luna circa 20 minuti dopo, Aldrin rimase sbalordito dal vergine terreno lunare, che descrisse come una “magnifica desolazione”. Ma non erano soli. Legato alla tuta spaziale di Aldrin c’era il robusto e affidabile Speedmaster, che da questo giorno epico nel 1969 sarebbe diventato noto come “Moonwatch“.

Omega Speedmaster Moonwatch Storia: Perché fu fondamentale?

Storia dell'orologio Omega Speedmaster in dotazione per la missione Apollo 11 del 1969

Omega Speedmaster anni 70

Durante la travagliata missione Apollo 13 del 1970, l’orologio Speedmaster di Omega si è rivelato un vero toccasana. A seguito dell’esplosione di una bombola di ossigeno di riserva, che ha danneggiato i meccanismi di cronometraggio elettronico a bordo, il comandante James Lovell ha utilizzato il suo cronografo meccanico Speedmaster a carica manuale per cronometrare lo sparo critico dei razzi di rientro, consentendo il ritorno sicuro del suo equipaggio in pianeta Terra. In riconoscimento del ruolo cruciale svolto dal cronografo Speedmaster nella missione Apollo 13, Omega ha ricevuto il premio “Snoopy” nell’ottobre 1970, il più alto riconoscimento assegnato dagli astronauti della NASA.

Lo Speedmaster è stato anche testimone di un altro momento di enorme simbolismo geopolitico. Durante la missione Apollo-Soyuz del 1975, quando il razzo Apollo si attraccò con la Soyuz dell’Unione Sovietica nello spazio per una stretta di mano, gli astronauti americani furono lieti di scoprire che anche i cosmonauti sovietici indossavano cronografi Speedmaster. Con l’avvento del programma Space Shuttle nel 1978, lo Speedmaster è stato selezionato come orologio ufficiale e nel 1984 ha accompagnato Bruce McCandless sul suo scooter spaziale, segnando la prima passeggiata spaziale senza vincoli.

Fedele compagno degli astronauti più di 50 anni dopo essere stato indossato per la prima volta nello spazio, è difficile pensare a un orologio con una carriera più eccitante e valorosa dello Speedmaster di Omega. Rivisitato durante i suoi 60 anni di vita, possedere uno Speedmaster Moonwatch ricorda quel giorno indimenticabile del 1969 quando due uomini e uno Speedmaster fecero il loro primo passo sulla Luna, scrivendo così uno dei capitoli più emozionanti della storia del 20° secolo.

L’evoluzione dello Speedmaster negli anni ’70

Lo Speedmaster si sviluppa negli anni Settanta, quando il marchio Omega decide di utilizzare il quarzo per migliorare le prestazioni dei propri orologi da polso di lusso. Inizialmente, questo orologio non ebbe il meritato successo, perché gli intenditori lo ritenevano non degno dell’alta orologeria svizzera. Con il tempo, però, è diventato un cronometro da collezione, anche se non è facile trovarlo. Ecco qual è la sua evoluzione.

Questa storia parte nel 1972, con due varianti dello Speedmaster Mark II. Il riferimento è al BA 145.0034 in acciaio e alla versione in oro MD 145.0034. Queste due versioni hanno una pecca: pur mantenendo il calibro manuale 861, le prestazioni ci perdevano nella sfida alla profondità marina. Infatti, mentre il modello base garantiva 12 atmosfere, le prestazioni di questi due modelli erano dimezzate.

Anche se può sembrare un dettaglio, non lo è mai quando si parla di orologeria da polso. Infatti, in quegli anni partiva la sfida agli orologi che meglio resistevano alla pressione sott’acqua.

Speedmaster Ref. 145.022-69

In alto un raro Speedmaster Ref. 145.022-69, movimento calibro 861, anse ad elica, realizzato dal 1968 al 1978.

Per vedere il marchio a fuoco di Speedmaster, però, sarà necessario aspettare l’anno successivo, con la Ref. ST 145.022.

Dello stesso periodo è lo Speedsonic. Questo modello si presenta come la novità per via del calibro 1255 al diapason. Questo calibro “sperimentale” mantiene comunque la precisione assoluta obbligatoria per i modelli di lusso. Il problema di questo calibro è che si ferma e si rompe facilmente e un diapason fermo va dato per morto, quindi va sostituito nel caso.

In più, questo orologio si può scegliere in due varianti: una con cinturino in cuoio (Ref. ST 188.0002) e l’altra con quello in acciaio (ST 388.0800, “Langouste”) , quindi si parte con una forma di personalizzazione dell’orologio tutt’altro che scontata.

Dello stesso anno ci sono la Ref. ST 176.0009 (scheda nel prossimo paragrafo) e la Ref. ST 378.0801. Con quest’ultimo modello, c’è già un passo nella Storia dello Speedmaster, perché nasce per festeggiare i 125 anni di attività del brand e perché nel mondo del collezionismo è una chicca. Solo 2000 sono i pezzi usciti dalla fabbrica.

Storia Omega Speedmaster: Le innovazioni fino allo spazio

Un rarissimo Speedmaster “FIFA” Ref. ST 11003-2, a carica automatica del 1979.

In alto un rarissimo Speedmaster “FIFA” Ref. ST 11003-2, a carica automatica del 1979.

La sperimentazione di Omega si completa nel ’74 con il distaccatore automatico per il calibro 861. Così, i modelli di quell’anno mostrano l’orario completo delle 24 ore, più le particolari casse tonneau galbé/biseauté (= dipende dal modello).

Infine, l’anno dopo, Omega festeggia le sfide dei primi astronauti nello spazio con la Ref. ST 145.022. Anche qui, si tratta di pezzi di alto collezionismo. 500 i pezzi realizzati, riconoscibili dallo stemma blu Apollo-Sojuz sopra il nome del brand, ore 12.

Dettagli
Omega MoonWatch Speedmaster
Nome Articolo
Omega MoonWatch Speedmaster
Descrizione
La vera storia e leggenda dell'orologio Omega Speedmaster che andò sulla luna
Autore
RecensioniOrologi.it
Recensioniorologi.it
Logo

Nessun commento ancora.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie