Patek Philippe Ref. 5170

LA CELEBRE REF. 5170 DI PATEK PHILIPPE SI RIFÀ IL LOOK, E VIENE PROPOSTA, GIÀ DALLO SCORSO ANNO, ANCHE IN QUESTA VERSIONE CON QUADRANTE BLU SOLEIL SFUMATO ABBINATO A UNA CASSA IN PLATINO

Il cronografo a carica manuale Patek Philippe è un riferimento per tutti gli appassionati di Alta Orologeria e, inevitabilmente, per tutti i fabbricanti di cronografi. Fino al 2010 la Casa ginevrina produceva questo prestigioso modello identificandolo con la Ref. 5070, animata dal calibro CH 27-70, che si basava sulla ebauche Nouvelle Lémania 2300, realizzata appositamente per Patek. La nuova referenza, che risponde per l’appunto dal 2010 al nome di 5170, viene invece animata dal calibro di manifattura CH 29-535 PS, depositario di ben sei brevetti. Sintetizzando, questi ultimi riguardano in primo luogo il profilo dei denti delle ruote del meccanismo del cronografo, ottimizzato per ridurre attriti e l’eventualità di un salto della lancetta cronografica all’avvio del cronografo.

Secondo poi si è intervenuti sul coperchietto posto sopra la ruota a colonne: la sua posizione può infatti essere regolata tramite un eccentrico e va ad agire sulla posizione dell’estremità della bascula di rinvio, rendendone la regolazione più precisa. Inoltre, è stata migliorata la sincronizzazione tra innesto e freno, eliminando una delle leve che solitamente interagisce con la ruota a colonne. Il quarto brevetto riguarda la rimessa a zero del cronografo, e in particolare i suoi martelli, che sono autoregolati. Gli stessi martelli sono stati poi resi in- dipendenti, ovvero sono liberi di ruotare su uno stesso asse tra pietre (quinto brevetto) e ciascun martello va ad appoggiarsi sulla rispettiva camma a cuore per mezzo della sua molla. Il sesto brevetto, infine, riguarda la camma del contatore dei minuti, che è stata traforata, in maniera tale da ammortizzare gli urti nel momento della rimessa a zero. Il calibro CH 29-535 PS costituisce quindi lo stato dell’arte del know-how Patek Philippe nel campo dei crono- grafi tradizionali a innesto orizzontale.

PATEK PHILIPPE REF. 5170 PRESENTATO NEL 2017, LE NOVITÀ RIGUARDANO TUTTE L’HABILLAGE DELL’OROLOGIO.

Recensione Patek Philippe Ref. 5170

La Ref. 5170 di Patek Philippe nella versione con cassa in platino, quadrante blu e indici costituiti da diamanti taglio baguette, presentata lo scorso anno (prezzo di 88.907 euro). Il quadrante blu è rifinito a effetto soleil, che si ottiene tramite un pennello di setole metalliche e una pasta abrasiva, creando raggi che si propagano dal centro fino ai bordi del quadrante.

Per la prima volta in assoluto il cronografo a carica manuale Patek viene dotato di una cassa in platino, in abbinamento (altra soluzione inedita) a un quadrante blu soleil sfumato, che diventa nero nella zona della scala tachimetrica. La presenza della scala tachimetrica rappresenta essa stessa una novità: infatti nelle precedenti varianti, quando presente, attorno al quadrante trovava posto la scala pulsometrica. Gli indici, inoltre, sono costituiti da diamanti taglio baguette (doppio dia- mante a ore 12), per un totale di circa 0,23 carati, e rappresentano an- ch’essi una soluzione nuova per la collezione.

Lo spessore del Patek Philippe 5170P è piuttosto contenuto per un cronografo (siamo sugli 11 millimetri).

Lo spessore è piuttosto contenuto per un cronografo (siamo sugli 11 millimetri). La corona è zigrinata e personalizzata, mentre i pulsanti crono sono rettangolari e sottoposti a doppia finitura superficiale, lucida e satinata.

Nel catalogo della Casa elvetica, questa versione in platino va ad affiancare le due in oro rosa (non è più in produzione quella in oro bianco), sul cui quadrante non è presente la scala tachimetrica. Per il resto, le linee guida del design di questo eccellente crono- grafo restano invariate. I due contatori a ore 3 e 9 (con lancette a losanga), i pulsanti rettangolari e l’oblò in zaffiro posizionato sul fondello. A proposito dei pulsanti cronografici, da notare è la doppia finitura degli stessi, con la parte a contatto con le dita che è lucida e le altre superfici che sono invece satinate, creando un piacevole contra- sto visivo. Una differenza sostanziale rispetto alla versione in oro rosa riguarda invece le lancette, che non so- no a foglia, bensì di tipo Dauphine. Concludendo, in questa preziosa variante con cassa in platino e indici in diamanti la Ref 5170 di Patek Philippe mantiene inalterato il suo indubbio fascino, aggiungendo un tocco di esclusività in più a un cronografo che è un classico dell’Alta Orologeria.

CRONOGRAFO REF. 5170P-001

Patek Philippe Complications Chronograph 5170P-001

Il fondello mostra il calibro manuale CH 29-535 PS, depositario di ben 6 brevetti e ottimamente rifinito dai maestri orologiai Patek. Si può notare, sulla destra, il Sigillo Patek Philippe, così come in alto al centro la ruota a colonne, “nascosta” dal suo coperchietto.

Cassa in platino; corona zigrinata, personalizzata e chiusa a pressione; pulsanti crono rettangolari; vetro zaffiro legger- mente bombato; fondello serrato a vite e dotato di oblò in vetro zaffiro. Impermeabilità garantita fino alla pressione di 3 atmosfere.

Quadrante sfumato blu soleil partendo dal centro e nero nella zona della scala tachimetrica; lancette Dauphine sfaccettate e con settore luminescente, indici con diamanti taglio baguette applicati (pari a circa 0,23 carati), minuti crono al 3, secondi continui al 9, secondi crono al centro (lancetta a filo).

Movimento meccanico a carica manuale, calibro Patek Philip- pe CH 29-535 PS (diametro 29,6 mm, spessore 5,35 mm), 269 componenti, 11 ponti, 33 rubini, 28.800 alternanze/ora, riserva di carica (a cronografo disinnestato) di 65 ore; bilanciere Gyro- max, ruota a colonne, spirale Breguet, Sigillo Patek Philippe; platina decorata a perlage, ponti a côtes de Genève e rifiniti ad anglage.

Il cinturino in coccodrillo a squame quadrate cucito a mano viene abbinato ad una chiusura déployante in platino regolabile, personalizzata.

Dimensioni: Diametro da 39,4 mm; larghezza, corona compresa: 43 mm; al- tezza, anse comprese: 47 mm; spessore: 11 mm. Peso comples- sivo: 122 g.

PREZZO: 88.907 EURO

Opinione

La Referenza 5170 di Patek Philippe è un riferimento nel campo dei cronografi, tra quelli a carica manuale in particolare. Il suo design squisitamente rétro ricorda i cronografi degli anni ’40 e ’50, ma al suo interno trova posto uno dei movimenti meccanici più avanzati della Casa. Questa esclusiva variante con cassa in platino e quadrante blu sembra pensata apposta per far sognare gli appassiona- ti di bella orologeria.

Sending
User Review
0 (0 votes)