Audemars Piguet Diver Royal Oak Offshore

Nata nel 1993, la collezione Royal Oak Offshore era al momento del lancio probabilmente uno dei modelli di maggior impatto che il mondo dell’orologeria avesse mai visto. Audace e provocatorio, divenne rapidamente un punto di riferimento per tutti gli altri futuri orologi di lusso ultra-sportivi.

Dopo i modelli cronografici, Audemars Piguet ha creato nel 2005 un altro importante orologio, il Royal Oak Offshore Diver (prima intitolato Royal Oak Offshore Scuba). Offerto in colori vivaci e fantastiche combinazioni di materiali, il Diver ha subito un profondo aggiornamento all’inizio di quest’anno, con una nuova collezione che abbiamo scoperto qui . Ed è giunto il momento per il Royal Oak Offshore Diver aggiornato

Recensione Audemars Piguet Diver Royal Oak Offshore

Audemars Piguet Royal Oak Offshore Diver da 42mm Ref. 26703st

Se il nome Royal Oak Offshore Diver è apparso nel 2010, questa specifica sotto-collezione è stata avviata nel 2005, con il lancio dell’Offshore Scuba. Seguendo le orme del fratello cronografo, un orologio nato nel 1993 e soprannominato “The Beast”, AP ha deciso di fare qualcosa di un po’ più innovativo rispetto alla semplice creazione di una versione a 3 lancette di questo orologio inaugurale. Quindi, anche se l’Offshore Diver aveva molto in comune per quanto riguarda il design, ha anche portato un tema acquatico nella collezione, qualcosa che era chiaramente nuovo per AP ai tempi. La prima generazione di Royal Oak Offshore Diver in acciaio inossidabile (ref. 15703ST) è apparsa nel 2010, seguita nel 2015 dalla seconda generazione di ROO diver (ref. 15710ST), che è arrivata con un fondello trasparente e piccoli aggiornamenti visivi.

A marzo di quest’anno, Audemars Piguet ha lanciato la terza generazione di Royal Oak Offshore Diver. Visivamente, la maggior parte degli elementi di design emblematici sono stati mantenuti, come il diametro di 42 mm, la lunetta ottagonale rialzata, la flangia girevole interna per la misurazione del tempo di immersione, la corona aggiuntiva a ore 10 e, naturalmente, il motivo “Mega Tapisserie”. Questo ROO Diver di terza generazione potrebbe essere visto come una profonda evoluzione piuttosto che una rivoluzione. Eppure, per molti aspetti, è un nuovo orologio, in particolare quando si tratta di meccanica.

Royal Oak Diver: il subacqueo di pregio per giovani danarosi

Audemars Piguet Royal Oak Offshore Diver

La nuova referenza 15720ST mantiene le dimensioni di 42 mm del Royal Oak Offshore Diver standard, insieme al suo insolito layout a due corone, al fondello del display, a 300 metri di resistenza all’acqua e a un set di funzioni ora/data.

Disponibile dal lancio in “Trailblazing Khaki”, “Navy Blue” e “Pristine Grey”, ogni versione ha una cassa in acciaio e viene fornita con un secondo cinturino in modo che i proprietari possano provare il nuovo sistema di cambio rapido appena uscito dalla scatola. Il sistema è completamente integrato nella parte posteriore delle due anse intermedie corte utilizzate per abbinare il cinturino alla cassa. Basta premere il pulsante e rilasciare il cinturino.

Audemars Piguet prevede di offrire una gamma di cinturini e, oltre al paio fornito con l’orologio, il marchio ha già un trio di cinturini in pelle di vitello conformi al nuovo design intercambiabile.

All’interno, e che costituisce uno degli elementi più importanti di questo aggiornamento, troviamo il moderno calibro 4308 di Audemars Piguet, un movimento automatico splendidamente rifinito con secondi centrali, datario, frequenza di 4 Hz e riserva di carica di 60 ore. Visibile attraverso il fondello a vista del Royal Oak Offshore Diver, il 4308 presentava anche un rotore di carica in oro rosa 22k con finitura nera.

Il movimento del Audemars Piguet Royal Oak Diver

calibro AP 4308

L’orologio è dotato di un nuovo movimento automatico un indicatore della data che salta istantaneamente. Il Calibro 4308 è progettato e realizzato internamente a Le Brassus ed è dotato di un sistema di regolazione brevettato. Nessun dettaglio è stato pubblicato da AP, ma l’affermazione è che il nuovo meccanismo porta stabilità e precisione durante la regolazione della funzione dell’orologio. Forse questo è un riferimento alla tendenza della lancetta dei minuti a sobbalzare quando si spinge la corona nel vecchio calibro 3210, altrimenti superbo. Ma fino a quando non avremo conferma da AP, possiamo solo ipotizzare.

La finitura del movimento è eccellente . Se giudicato come un orologio subacqueo strumento, è eccezionalmente buono. Se giudicata come un’offerta di alta orologeria , è comunque molto molto buona. Non manca nulla. Dalla “ Côtes de Genève ”, “trats tirés” e grana circolare. L’esecuzione è raffinata, sicura e molto ben eseguita. Di particolare pregio estetico è la nuova massa oscillante dedicata in oro rosa 22 carati annerito.

La robustezza del ponte del bilanciere del 3120 è mantenuta nel nuovo movimento e, sebbene non abbiamo avuto l’opportunità di un test a lungo termine, non vediamo avvertimenti sul fatto che questo nuovo movimento sarà un cavallo di battaglia, nonostante sia elegante e bello.

Audemars Piguet Diver Royal Oak Offshore Opinioni

s1_15720ST.OO.A009CA.01.jpg.transform.apcarouselh

Come esercizio per l’evoluzione di un design già di successo e qualificato, il nuovo 15720ST sembra una versione sottile e ponderata della forma del Royal Oak Offshore Diver. Il modello originale con quadrante nero, annunciato nel 2010, è stato a lungo un orologio da sogno per me, e queste nuove versioni sembrano altrettanto attraenti, soprattutto considerando le interessanti colorazioni (Pristine Grey per me, per favore) e i cinturini intercambiabili.

Ognuno dei tre può essere vostro già a maggio, supponendo che voi abbia 27,000 euro e un buon amico alla boutique. Ma per favore, promettimi solo che se ne prendete uno, lo farete anche a fare una nuotata ogni tanto. Dopotutto, non vorresti essere scortese con il tuo ROOD, giusto?

Tag:
1 Commento
  • Marino Lombardi
    Marzo 14, 2018

    Sì è spiegato delle 8 masse poste sul bilanciere del calibro Audemars Piguet 3120.
    Ma per muoverle e quindi regolare il tempo su un cronocomparatore (strumento specifico degli orologiai riparatori ) come si può agire? Occorrono delle informazioni tecniche, come reperirle ?

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie