Tudor Black Bay P01: Recensione e Prezzo

Gli anni ’50 e ’60 sono stati un periodo di sperimentazione selvaggia da parte della Marina degli Stati Uniti, e questo conta solo i progetti declassificati di cui siamo effettivamente a conoscenza. Prendi ad esempio il Convair Sea Dart, un prototipo di caccia supersonico decollato da aliscafi. L’aereo si comportava quasi come una barca, con le ali che toccavano l’acqua durante il rullaggio fino a quando non aumentava la velocità sufficiente per uscire dall’acqua.

È stato progettato per aggirare il dover lanciare caccia supersonici dalle corazzate. Dopo che un prototipo si è disintegrato durante i test e ha ucciso il pilota collaudatore, il programma è stato annullato. Quando si trattava di orologi, si stava verificando lo stesso tipo di sperimentazione. Davvero.

Dettagli tecnici del Tudor Black Bay P01

Recensione Tudor Black Bay P01

  • Brand: Tutor
  • Referenza: BLACK BAY P01 Ref.70150
  • Dimensioni della Cassa: 42 mm
  • Materiale cassa: in acciaio con finitura satinata
  • Cinturino: Pelle marrone e caucciù
  • Movimento: Automatico con calibro MT5612 (COSC)
  • Quadrante: Nero
  • Lunetta: girevole bidirezionale
  • Corona: a vite
  • Fondello: a vite
  • Resistenza all’acqua:  200 metri
  • Prezzo: 3.760 euro

Recensione Tudor Black Bay P01

Il nuovo Tudor Black Bay P01 nasce da un prototipo degli anni ’60 che è stato progettato con un meccanismo di chiusura a lunetta molto insolito al suo interno. Negli anni ’60, le tolleranze sugli orologi non erano quelle che sono oggi. All’epoca, il meccanismo che consente alle cornici di ruotare in genere non era così robusto e ben progettato. Una lunetta fuori posto potrebbe effettivamente causare un problema per quanto riguarda il tempismo e, quando si tratta di equipaggiamento navale, potrebbe potenzialmente significare un vero problema.

Black Bay P01 con calibro di Manifattura MT5612

Il programma “Commando”, come lo chiamava in codice Tudor, è stato inizialmente creato come uno sforzo di ricerca e sviluppo per mitigare qualsiasi tipo di opportunità per la lunetta accidentalmente fuori posto. La ricerca è culminata in un progetto per il quale Rolex ha depositato un brevetto nel 1968. Hanno optato per un meccanismo che si trovava tra le alette e hanno utilizzato la tensione per bloccare la lunetta in posizione di riposo, bloccandola essenzialmente in posizione fino a quando il “cappuccio” non è stato manualmente disimpegnato e la lunetta bidirezionale poteva girare liberamente. Come il Convair Sea Dart, il programma è stato cancellato per un motivo o per l’altro. Presumibilmente era una risposta troppo complicata a un problema che richiedeva una soluzione semplice. Ma fa tutto parte della curva di sviluppo: grano al mulino, come si suol dire.

Il cinturino è un ibrido in pelle marrone e caucciù con chiusura pieghevole

La Marina alla fine sviluppò un’affidabile tecnologia delle catapulte che aiutò a lanciare con successo caccia supersonici dalle portaerei e Tudor alla fine eliminò i difetti che rendevano sciatte le cornici. Hai azionato la lunetta del Black Bay? È magnifico.

A volte ci vuole un po’ di sperimentazione per arrivare a un design raffinato e affidabile. Questo è stato certamente il caso del prototipo Tudor, e almeno è venuto solo a scapito della bellezza. Tieni presente che l’orologio è stato realizzato per la Marina: all’esercito americano non importa davvero che aspetto abbia qualcosa finché funziona. Sappiamo che c’era sicuramente bisogno di una lunetta di bloccaggio; non dimenticare che Omega ha anche avuto una sua interpretazione delle lunette di bloccaggio con il meccanismo utilizzato nel Ploprof. Anche lo Squale Tiger ha usato una configurazione simile. L’unica differenza è che i suddetti orologi sono effettivamente entrati in produzione. Ci vuole un tipo speciale di collezionista per dirti che il Ploprof è bellissimo (io sono uno di loro), ma sembra che Omega abbia avuto un discreto successo con la moderna ristampa Ploprof, e allora?

TUDOR BLACK BAY P01 REFERENZA: 70150

Come molte cose degli anni ’60, ci sono molte persone che pensano che questo orologio avrebbe dovuto rimanere nascosto negli annali della storia dei Tudor – che forse è stata una mossa sbagliata per Tudor produrre qualcosa di così controverso.

E se questo orologio non fosse stato promosso come la più grande uscita di Tudor a Baselworld, e invece lo avessero rilasciato tranquillamente senza alcun clamore? Penso che il tempismo abbia molto a che fare con la risposta generale.

È difficile prendere un orologio fatto per un pubblico molto selezionato e appenderci tutto il tuo marchio alla più grande fiera del settore. Ma ci sono solo così tanti colori o materiali in cui Black Bay può entrare. Questo orologio non diluirà in alcun modo il nome Tudor e, se non altro, rafforza l’identità principale di Tudor come marchio che ” s storicamente ha fornito ai militari subacquei risoluti.

 

Orologio realizzato alla fine degli anni ’60 per la US Navy

Ora che abbiamo stabilito il contesto dietro questo orologio e perché non dovrebbe essere necessariamente bello, parliamo di come appare e di come si sente.

Le dimensioni del Black Bay P01 gridano subito “anni ’60”. Direi che urla anche “prototipo”, ma non tutti gli orologi iniziano come un prototipo a un certo punto? Penso che abbia un profilo della cassa orizzontale simile – sans crystal – come il Rolex Deep Sea Special Prototype. Il Black Bay P01 è più alto di quanto sembri nelle immagini. Anche Tudor aveva un prototipo originale “commando” degli anni ’60 in mostra al loro stand. Può essere visto come una mossa sottile di Tudor per sedare tutte le controversie sull’esistenza o meno dell’orologio. Ma poiché entrambi erano nello stesso posto allo stesso tempo, posso confermare che il design del case della versione Black Bay è molto fedele all’originale.

A ore 12 troverai il meccanismo “artiglio” che blocca la lunetta in posizione. Si apre con un flip simile all’azione di un fliplock su una chiusura di fascia alta. Per aprirlo, fai pressione sul bordo esterno dell’artiglio finché non si apre con uno scatto. Una volta aperto, si riposa finché non lo riabbassi.

Anche se l'”artiglio” delle sei sembra identico a quello delle 12, non è funzionale. Un artiglio attivo è tutto ciò che serve per fissare la lunetta. Penso che il secondo potrebbe essere lì per coerenza visiva. Non sono sicuro di come funzioni sul prototipo, ma sembra che possa essere una buona pratica di ridondanza rendere operativi entrambi gli artigli nel caso in cui uno fallisca.

Nonostante la presenza del meccanismo dell’aletta di bloccaggio, c’era abbastanza articolazione nelle estensioni dell’aletta per avvolgermi il polso e ridurre la grande cassa da 42 mm a qualcosa che sembra certamente alto, ma in termini di larghezza non si usura come un disco da hockey. La larghezza dell’ansa è di 20 mm, quindi ci sono molte opzioni quando si tratta di scegliere il cinturino. Personalmente mi piacerebbe vederlo su alcune maglie, perché penso che sia super comodo e che le unghie degli anni ’60 stiano bene. Una robusta NATO, solo un po’ più spessa del tessuto su cui arriva, potrebbe anche fare il trucco.

Corona di carica del Black bay p01a vite

È completamente diverso dall’indossare un normale Black Bay. Puoi indossare un normale Rolex Sub simile al Black Bay, oppure puoi indossare il Deep Sea Special Prototype. Questo è più vicino a quest’ultimo. Non è un orologio difficile da indossare, ma siamo onesti, nulla di ciò che sto facendo richiede una lunetta bloccata e sicura. È una novità e, ironia della sorte, probabilmente giocherei ancora di più con la lunetta ora che c’è un altro passaggio nel suo funzionamento. Ho spiegato come la lunetta abbia fatto molta strada dagli anni ’60, ma soprattutto, i movimenti sono andati ancora oltre.

E il P01 esegue l’MT5612, che, in un’iterazione o nell’altra, è presente nella gamma Black Bay e si è dimostrato affidabile. Con un orologio come questo, non c’è motivo di inserire un movimento che sia altro che semplice e affidabile.

Questa è la filosofia del design originale, comunque. Il Black Bay P01 è visivamente polarizzante? Totalmente. Ma nel complesso la linea Black Bay è così ben consolidata e l’anno scorso Tudor ci ha regalato abbastanza veri e propri piaceri del pubblico che non importa se escono con qualcosa che non è un successo immediato. Secondo me, Tudor si è guadagnato il permesso e la libertà di prendersi del tempo per sperimentare.

Questo è esattamente quello che stavano facendo alla fine degli anni ’60, sperimentando. Chiediamo sempre casse più piccole ed esecuzioni vintage fedeli alle specifiche, ma Tudor ci offre qualcosa di ancora più difficile da trovare: un’accurata riproduzione di una filosofia anni ’60. Ho il sospetto che Tudor non stia puntando sul fatto che questo sia un successo commerciale; è solo un esperimento, come è sempre stato.

Prezzo del Tudor Black Bay P01

Come avrete letto questo modello, in vendita da luglio 2019, sarà disponibile al prezzo di listino di 3.760 euro.

Un prezzo giusto e consigliato per coloro che hanno un budget inferiore a 5.000 euro e che vogliono portarsi a casa un orologio dalle indubbie qualità tecniche/prestazionali e con una storia alle spalle di un certo livello.

  • Fonte foto: www.hodinkee.com
Dettagli
Data Recensione
Nome Orologio
Tudor Black Bay P01
Autore
51star1star1star1star1star

Nessun commento ancora.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie