La collezione Doxa SUB 300β si presenta con un’estetica contemporanea, caratterizzata da una raffinata lunetta in ceramica

Con il lancio del SUB 300β Sharkhunter lo scorso agosto, DOXA ha introdotto una nuova variante del suo design iconico. Questa variante non sostituisce le versioni classiche, ma le completa, offrendo un profilo più raffinato, in parte grazie all'introduzione di una lunetta in ceramica. Dopo il successo di questo modello, DOXA ha ora espanso la gamma con una collezione completa di SUB 300β. Questa serie comprende 5 versioni principali, che possono essere combinate con diverse opzioni di bracciali e cinturini, risultando in un totale di 15 referenze uniche. Il simbolo β, che sta per "beta", segnala una deviazione dal comune, un passo verso l'innovazione.

Doxa SUB 300β

Questa nuova fase segna un salto verso un’estetica più raffinata e moderna, allontanandosi dallo stile puramente strumentale e robusto. La collezione Doxa SUB 300β reinventa il design classico, arricchendolo con un tocco urbano, pur mantenendo le immancabili prestazioni subacquee, un marchio di fabbrica di Doxa. Il SUB 300, ideale per le immersioni, si distingue ora anche sulla terraferma: un orologio che combina tecnicità, resistenza e affidabilità con un design che si fa notare ovunque. La nuova collezione Doxa SUB 300β offre una reinterpretazione più snella e contemporanea di un’icona senza tempo.

Recensione della nuova collezione Doxa SUB 300β

Doxa SUB 300β

Per anni, gli appassionati hanno atteso un orologio come questo da Doxa: un robusto diver strumentale, fedele all’eredità dell’iconico SUB 300 degli anni ’60, con la sua caratteristica cassa a forma di barile, la lunetta girevole metallica no-deco, e tipicamente accompagnato da quadranti in tonalità arancione o nero, privi di qualsiasi eccesso. Questa eredità non è affatto dimenticata, poiché il classico SUB 300 continua a essere il cuore pulsante di Doxa, il suo modello simbolo, un’icona che rimane fedele a se stessa. Ma Doxa non si è limitata a riposare sui propri allori. Negli ultimi anni, il marchio ha ampliato il suo catalogo con proposte innovative: dal SUB 300 Carbon, audace e all’avanguardia, al più accessibile SUB 200, dal potente SUB 600T a un cronografo SUB 200, e addirittura alla rinascita del Doxa Army, segnando così la sua evoluzione oltre il classico SUB 300.

Al di là di tutto, c’è un altro orologio che merita particolare attenzione: l’eccezionale Doxa SUB 300β Sharkhunter, con la sua combinazione di oro e ceramica. Questo modello, il primo a fregiarsi del simbolo β nel nome, ha inaugurato una nuova era per Doxa, esplorando nuovi materiali e adottando un approccio più urbano. Questo orologio non è stato concepito solo per le immersioni; è stato pensato come un compagno sportivo versatile, adatto a ogni situazione della vita quotidiana, non solo sott’acqua – almeno, così afferma il marchio. Il SUB 300β Sharkhunter ha rappresentato una novità controversa e inaspettata per Doxa, una svolta radicale rispetto a ciò che ci si aspettava dal marchio.

Doxa SUB 300β

La nuova collezione SUB 300β, con le sue varianti in acciaio e ceramica, appare più come un’evoluzione naturale piuttosto che una rivoluzione totale rispetto al concetto originale del 300. È un cambiamento sicuramente positivo.Il nuovo Beta di Doxa offre un’esperienza che unisce contemporaneamente sensazioni di familiarità e novità. Più snello, raffinato, strutturato e moderno, si distingue per i suoi contrasti accattivanti.

Doxa SUB 300β

Mentre si basa sul design del SUB 300T, non riprende l’estetica vintage del SUB 300 con il suo vetro bombato e dettagli retrò. In questo senso, è più affine al modello utilizzato come base tecnica per il Doxa Army. La cassa in acciaio mantiene il design a botte iconico del marchio, con dimensioni generose in larghezza (42,50 mm) ma contenute in lunghezza (44,50 mm). Il Beta è anche più sottile di un SUB 300T, con uno spessore di 11,95 mm rispetto ai 13,65 mm del modello precedente, pur mantenendo intatte le sue eccellenti capacità subacquee.

Doxa SUB 300β

Il SUB 300β di Doxa mantiene tutte le qualità essenziali per un orologio subacqueo: un vetro zaffiro piatto e antiriflesso, fondello e corona a vite, oltre a una valvola di sfogo per l’elio posizionata a ore 9. Conforme al nome, è resistente all’acqua fino a 300 metri, attestando la sua robustezza nonostante le recenti evoluzioni. Quale è la novità più evidente? La lunetta, che ora è realizzata in ceramica, al pari della corona.

Ma non temete: conserva la tipica doppia scala Doxa, il profilo dentellato e la rotazione unidirezionale. Questa modifica conferisce al SUB 300β un aspetto visivamente distinto rispetto ai modelli SUB 300 tradizionali, con un contrasto marcato, specialmente evidente nel modello Searambler con il suo quadrante chiaro. A seconda della versione, la scala tachimetrica esterna è accentuata con colori arancione, giallo o turchese, aggiungendo un ulteriore tocco di stile.

Doxa SUB 300β

Nel suo stile caratteristico, Doxa lancia il SUB 300β come una collezione variegata con diversi colori disponibili. Tre di queste versioni sfoggiano un quadrante nero impreziosito da accenti vivaci: arancione per il modello Professional, giallo per il Divingstar e turchese per l’Aquamarine. Si aggiungono a queste il Searambler con il suo sofisticato quadrante argentato e il Caribbean in un elegante blu navy, quest’ultimo disti

ntivo per la sua lunetta bicolore in nero e blu. L’unico modello che non figura in questa gamma, a differenza delle altre collezioni Doxa, è la Sharkhunter, nome riservato per l’edizione speciale in oro e nero.

Doxa SUB 300β

In linea con la sua offerta versatile, Doxa equipaggia il SUB 300β con diverse opzioni di cinturino: un cinturino in caucciù FKM abbinato al colore del quadrante, disponibile nelle tonalità nero, bianco (quest’ultimo specifico per i modelli Caribbean e Searambler) o in altre colorazioni vivaci, oltre al classico bracciale in acciaio inossidabile “beads of rice”. Entrambe le opzioni di cinturino includono una chiusura pieghevole con estensione per adattarsi sopra la muta da sub. All’interno dell’orologio, Doxa sceglie di affidarsi al collaudato movimento automatico Sellita SW200, che offre una riserva di carica di 38 ore.

Opinioni e prezzi dei Doxa SUB 300β

Beta, o β, è più che una semplice lettera dell’alfabeto greco per Doxa: rappresenta una rinascita, un’evoluzione. Il brand, con il suo forte legame con i modelli storici, si trova in una posizione peculiare riguardo al modo migliore per evolversi.

Doxa SUB 300β

In questo senso, trovo dei parallelismi con Tudor, ma essendo Doxa un marchio di dimensioni più contenute, la sfida di innovare risulta ancora più complessa. Mi sono spesso interrogato su come un brand possa superare la propria “dipendenza dal retro” e introdurre novità senza allontanare la propria base di fan fedeli. La collezione Sub 300β, a mio avviso, illustra l’approccio di Doxa a questa sfida. In generale, sembra essere un lancio di successo, capace di appagare coloro che sono stanchi delle riedizioni di vecchi modelli e, allo stesso tempo, di attirare nuovi appassionati. Arriva un momento in cui è necessario guardare avanti.

Tutti questi modelli sono disponibili immediatamente sul sito web di Doxa e presso i rivenditori autorizzati. I prezzi sono fissati a 2.410 euro per i modelli con cinturino in FKM in gomma e a 2.450 euro per quelli con bracciale “chicchi di riso” e estensione per la muta. Credo sia un prezzo equo per un orologio subacqueo moderno, performante e accattivante di un marchio rinomato come Doxa. Sono curioso di conoscere le vostre opinioni su come il Sub 300β possa attrarre sia nuovi potenziali clienti sia i fan di lunga data. Come sempre, vi invito a condividere i vostri pensieri nei commenti.

Per esplorare ulteriori dettagli o per effettuare un acquisto, è possibile visitare il sito web doxawatches.com.

Potrebbe interessarti anche:

Altri articoli
Formex “Baby” Reef da 39.5mm Automatic Chronometer 300M: Ridotto nelle dimensioni ma più raffinato nel design.

Nel corso del tempo, ho avuto l’opportunità di indossare e recensire diversi orologi Formex e, in ogni singolo caso, sono rimasto favorevolmente impressionato. Ogni modello mi è sempre apparso straordinariamente ben realizzato e dotato di caratteristiche eccellenti. Tuttavia, il Reef era un orologio di una certa presenza, con il suo diametro di 42 mm. Ora, Formex introduce il Reef 39,5 mm Automatic Chronometer 300M in una versione ridimensionata. Non solo, il marchio ha anche affinato le finiture del Reef con questi nuovi modelli. Un orologio che già rasentava la perfezione è ora diventato effettivamente perfetto?

Leggi Tutto »
Seiko Prospex Black Series: i nuovi modelli King Turtle, Speedtimer e Sumo Diver

Non sorprende che gli orologi completamente neri siano diventati così popolari. Ecco perché, quando Seiko ha lanciato la Black Series per la sua linea Prospex qualche anno fa, l’obiettivo era quello di conferire un aspetto audace e moderno ai suoi modelli tradizionali. Ora, la rinomata azienda orologiera giapponese ha ampliato la Black Series con l’introduzione di tre nuovi modelli: il King Turtle, il Sumo e il Solar Speedtimer.

Leggi Tutto »
2 risposte
  1. Non se ne sentiva la mancanza.
    Prezzo eccessivo, rispetto al 300T ed al (molto più iconico) 300

  2. Ciao Teo, l’obiettivo della casa è stato quello di rendere un orologio iconico e verticale per i Sub in un modello molto più adatto per l’uso quotidiano. Ovviamente gli aggiornamenti visivi si pagano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.