Home Curiosità Breitling Chronomat: storia di un mito dagli anni ’40 ai giorni nostri...

Breitling Chronomat: storia di un mito dagli anni ’40 ai giorni nostri [AGGIORNATO]

3965
CONDIVIDI

Gli orologi Breitling Chronomat, con il regolo-calcolatore, sono stati brevettati nel 1941, proprio mentre la guerra infuriava in Europa e in altre parti del mondo distaccandosi con il suo splendido design dalla sovrabbondanza di orologi di ispirazione militare del periodo. L’enfasi del Chronomat su ingegneria e matematica, scienza e industria sembrava offrire la speranza per un futuro in cui la guerra sarebbe finita.

Orologi Breitling Chronomat: cronografi che hanno fatto la storia

Nonostante lo si reputi il primo orologio con regolo-calcolatore, il Breitling Chronomat è stato però il secondo. Il Mimo-Loga, un non-cronografo, è stato introdotto nel 1941 prima della Breitling. Il Mimo-Loga, tra cui una versione successiva venduta sotto il nome del famoso brand Girard-Perregaux, è praticamente sconosciuto oggi.

Nel 1952, l’utilità eccezionale e il successo del Chronomat ha ispirato la nascita di quello che è diventato il più famoso Breitling di tutti, il Navitimer, un cronografo con regolo-calcolatore riprogettato per i piloti dell’aviazione civile. Il Chronomat ha continuato a essere prodotto in molte forme, tra cui una versione del primo orologio cronografo automatico (Breitling chronomat automatic) alla fine del 1960 e un quarzo non cronografo nel corso del 1970. Poi, nel 1980 è completamente rinato in una forma molto diversa, come l’orologio di un pilota e senza il regolo-calcolatore. Questa nuova versione è stata progettata grazie al contributo dei piloti dell’aviazione militare italiana.

Il Chronomat è rimasto uno degli modelli di maggior successo degli orologi Breitling per oltre 60 anni. Contrariamente alla credenza generale, non è il Navitimer, ma il Chronomat, che negli ultimi anni ha dimostrato di essere il modello più popolare di Breitling e il più scelto nel mercato.

Storia ed evoluzione del Breitling Chronomat: dal 1940 al 1942

1940

L’orologio Breitling richiede un brevetto per la progettazione di una lunetta girevole con un regolo-calcolatore circolare esterno con scala incorporata sotto il cristallo e sulla lunetta stessa. Il brevetto specifica anche alcuni aspetti tecnici delle scale interne ed esterne e come essi possono essere utilizzati per i calcoli.

1941

Il Chronomat viene prima pubblicizzato nel corso del 1941 e, pertanto, potrebbe essere rilasciato per la vendita nello stesso anno. Certamente si tratta di un prototipo nel 1941, diverso in molteplici aspetti dall’orologio che sarebbe stato dedicato alla vendita al pubblico nel corso dell’anno successivo.

1942

È generalmente accettato che il Chronomat abbia fatto il suo debutto di vendita pubblica nel 1942 e questa è la data citata per molti anni da parte della società ‘Breitling’. Il regolo-calcolatore del Chronomat si è reso famoso come ‘Type 42‘, per differenziarlo dal ‘Type 52’ montato sul Chronomat Navitimer presumibilmente nel 1952 (NB: alcuni esperti Breitling ritengono che il lancio effettivo del Navitimer è stato più tardi del 1952). Il Chronomat del 1942 è considerato da molti collezionisti come uno dei più attraenti Breitling mai fatti, un vero classico.

1946-chronomat-600
1940 Breitling Chronomat ref 769

È presente un cerchio rosso con scala 0 – 100 al centro del quadrante che può essere utilizzato per la lettura del centesimo di minuto. La croce svizzera e il numero 217012 (Breitling chronomat 217012) sul quadrante si riferiscono al brevetto del governo svizzero che è stato concesso nel 1940.
Il movimento è il Venus 175, 17 rubini sprovvisto di protezione contro gli urti e inizialmente il movimento non è firmato né ‘BREITLING’ né con le tre lettere Breitling per il codice del movimento, ‘WOG’.

Venus 175 con strisce di Ginevra in un primo Chronomat
Venus 175 con strisce di Ginevra in un primo Chronomat
Venus 175 dal 1946 il movimento Chronomat firmato sia 'BREITLING' e 'WOG'
Venus 175 del 1946 il movimento Chronomat firmato sia ‘BREITLING’ e ‘WOG’

La referenza 769 è disponibile anche con un quadrante nero in entrambe le versioni, sia la versione luminosa sia non luminosa. Rispetto alla versione con quadrante silver, il black-dial è stato prodotto e venduto in numero decisamente minore.

Una prima versione del non luminoso nero della linea Chronomat ref 769, probabilmente del 1942
Una prima versione del non luminoso nero della linea Chronomat ref 769, probabilmente del 1942
 1945 Chronomat ref 769 (la lancetta dei secondi potrebbe non essere originale)

1945 Chronomat ref 769 (la lancetta dei secondi potrebbe non essere originale)

L’orologio Chronomat è stato concepito e poi promosso come un modello per scienziati, ingegneri, matematici, ovverosia per i tempi e i calcoli finanziari. Non è stato specificamente progettato per i soldati o i piloti dell’aviazione.

1945 pubblicità per il Chronomat ref 769  La traduzione: SCIENZA - SPORT  scala tachimetrica  pulsometro  telemetro cronometro  COMMERCIO - INDUSTRIA  prezzo di costo, i tassi di interesse  Regola del Tre  Divisione  Moltiplicazione  Breitling  Cronografo con regolo-calcolatore
1945 pubblicità per il Chronomat ref 769
La traduzione:
SCIENZA – SPORT
scala tachimetrica
pulsometro
telemetro
cronometro
COMMERCIO – INDUSTRIA
prezzo di costo, i tassi di interesse
Regola del Tre
Divisione
Moltiplicazione
Breitling
Cronografo con regolo-calcolatore

Il Chronomat era disponibile anche con cassa in oro 18 carati. Spesso, ma forse non sempre, il movimento Venus 175 in questa versione è stato rifinito in maniera più attenta e timbrato ‘PREMIER’.

1946 Chronomat ref 769 a 18 carati
1946 Chronomat ref 769 a 18 carati

Versioni Chronomat Breitling con tre sotto-registri

Nel corso del 1940 due rarissime versioni del Chronomat sono stati rilasciati con tre sotto-registri. Il meno complicato dei due è alimentato dal movimento Venus 178.

Chronomat del 1946 con sotto-registro 12 ore
Chronomat del 1946 con sotto-registro 12 ore

Il top di gamma è stato il Moon Chronomat. Questa versione presentava tre sotto-registri con fasi lunari e ulteriori complicazioni, come ad esempio il sotto-registro 12 ore citato prima. Al suo interno è presente il movimento Venus 184. Un esemplare di questo rarissimo orologio si trova nel museo Breitling USA nel Connecticut.

Pubblicità per il Chronomat Moon Phase, un orologio meraviglioso!  (E anche un meraviglioso e storico esempio di elaborazione grafica del 1940
Pubblicità per il Chronomat Moon, un orologio meraviglioso! (E anche un meraviglioso e storico esempio di elaborazione grafica del 1940)
Un annuncio dal 1947 mostra Csar Romero, una star di Hollywood sotto contratto con la 20th Century Fox, con un Chronomat e altri due Breitling.
Un annuncio dal 1947 mostra Csar Romero, una star di Hollywood sotto contratto con la 20th Century Fox, con un Chronomat e altri due Breitling.
Dettaglio della pubblicità del '47. Le lancette di ore e minuti di questa forma sono tra le più rare.
Dettaglio della pubblicità del ’47. Le lancette di ore e minuti di questa forma sono tra le più rare.
Pubblicità che mostra un Chronomat ref 769 del 48 e un regolo-calcolatore
Pubblicità che mostra un Chronomat ref 769 del 48 e un regolo-calcolatore
Dettaglio della pubblicità di sopra, del 1950. Questo quadrante, se è stato davvero mai prodotto, è molto ma molto raro.
Dettaglio della pubblicità del 1950. Questo quadrante, se è stato davvero mai prodotto, è molto ma molto raro.

Orologio Breitling Chronomat Ref 769 del 1950 ca.

Il quadrante del Chronomat con numeri arabi ora è stato sostituito da indici lucidi applicati con doppio indice alle ore 12. Il numero di brevetto svizzero +217012 sul quadrante era stato “ridisegnato” curvo. Il modello era ancora la referenza 769 e il movimento è rimasto il Venus 175.

1950s-ca-chronomat-ref-7691950scachronomatref769side 1950scachronmomatmovt 1950schronomat-400 ca1950schronomat-769-rolled chronomat-769-rolled-gold-b 1950cachronomat18krose-600Circa fine del 1950 a circa 1969 – Chronomat ref 808

Il quadrante è di nuovo ridisegnato e i pulsanti in precedenza rettangolari sono ora rotondi. La corona più spessa e si trova anche su altri modelli Breitling. La croce svizzera e il numero di brevetto per il regolo-calcolatore vengono spostati sul fondello.

Questo Chronomat ref 808 ha un numero di serie del 1966. Eppure, la 'freccia' a 12 ore è stato rilasciata nella metà del 1962. Questo è un mistero per l'autore e la ricerca continua.
Questo Chronomat ref 808 ha un numero di serie del 1966. Eppure, la ‘freccia’ a 12 ore è stato rilasciata nella metà del 1962. Questo è un mistero per l’autore e la ricerca continua.

chronomat808-back chronomat-ref-808-movt-600
Chronomat ref 808 con indice a ‘freccia’ alle ore 12 de 1962

Nella metà del 1962 un nuovo Chronomat, specificatamente la referenza 808,è stato pubblicizzato con una linea aggiornata: aveva un indice a “freccia” a ore 12 e alcuni altri piccoli cambiamenti.

 Un annuncio sul numero di luglio 1962 della rivista AOPA pilota mostra il nuovo design per l'arbitro 808. Il Chronomat viene ora promosso come adatto per i piloti - che sembra strano in quanto è in diretta concorrenza con Navitimer di Breitling.

Un annuncio sul numero di luglio 1962 della rivista AOPA mostra il nuovo design per la referenza 808. Il Chronomat viene da questo momento promosso come adatto per l’aviazione – ciò sembra strano in quanto è in diretta concorrenza con il Navitimer di Breitling stessa.
Questo ref Chronomat 808 acquistata nel 1967 ha una lunetta in rilievo come quello della AOPA pubblicità.
Questo Chronomat 808 ha una lunetta in rilievo come quello della pubblicità AOPA.

1967-chronomat-600

 Circa fine degli anni '60, Chronomat ref 808 con quadrante di colore nero  (lancetta dei secondi non originale)

Circa fine degli anni ’60, Chronomat ref 808 con quadrante di colore nero
(lancetta dei secondi non originale)
Chronomat ref 808 con quadrante argentato (nota puntini luminosi in posizione esterna)
Chronomat ref 808 con quadrante argentato (nota indici luminosi in posizione esterna)

Il Chronomat “Big Case” del 1968 e modello 1969

Un tipo completamente nuovo di cassa con un nuovo meccanismo brevettato per la lunetta è stato sviluppato per il Chronomat (e i cronografi Navitimer e Cosmonaute). Il primo Chronomat ad essere stato rilasciato per la vendita è la versione manuale, la referenza 818.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

La ref 808 continua nella produzione e inizialmente il 818 sarà alimentato dal Venus 175, esattamente come il 808 e l’ancora più anziana referenza 769. Si pensa che più tardi alcuni esemplari del 818 del 1970 abbiano avuto il movimento Valjoux 7733.

La referenza è stata presentata in pubblicità con le opzioni per il quadrante bianco o il quadrante nero di Breitling, anche se il “bianco” è in realtà più colore avorio. L’unica cassa disponibile era quella in acciaio, dunque era esclusa l’opzione del full gold.

chronomat-ref-818-600 1968cachronomat818-600-white 1968-chronomat-ref-818-600 chronomat818back-600

Si pensa la prima versione automatica del “Big Case” potrebbe essere stata messa a disposizione del pubblico verso la fine del 1968, ma molto più probabilmente la vendita inizia dal 1969. La ref automatica 1808 è alimentata un movimento con microrotore e corona a sinistra. Inizialmente questo movimento è noto come calibro 11, ma dopo un anno o su per giù è  stato leggermente modificato e chiamato calibro 12.

1973-ca-chronomat-chrono-ma

Anni ’70 – referenze 7808 e 8808 

Intorno al 1973 la referenza 7808, un orologio a carica manuale con datario, si aggiunge alla gamma Chronomat così come la ref 8808, un sistema automatico in una cassa di dimensioni più “apprezzate”. Il “Big” reff. 818 e 1808 continuano nella produzione. L’808 è ufficialmente fuori produzione.

Ref 7808 con il manuale Valijoux 7740
Ref 7808 con il manuale Valijoux 7740
Ref 8808 con cal. 12
Ref 8808 con cal. 12

Anni ’70 e i Chronomat non cronografi

Nel corso degli anni ’70, per la prima volta, sono stati prodotti Chronomat non cronografi. Ci sono tre modelli che hanno tutti il regolo-calcolatore Chronomat, ma non hanno la funzione di cronografo. Due sono al quarzo , il 9108 in una cassa enorme come il Big Case, e il 9808 in una cassa “normale”, come la ref 7808. Entrambi hanno una finestra per il datario a ore 3. C’è anche un non-cronografo automatico, la ref 108, in una cassa simile alla ref 8808 ma con la corona sulla destra. Questo automatico non-crono ha una finestra per il datario a ore 6 come la ref 8808.

1975-chronomat-ref-108-600 chronomat-ref-9108-6001978

Tutta la produzione cessa in casa Breitling. La società è messa in vendita e viene acquistata dal signor Ernest Schneider. Dal 1980 i nuovi modelli Breitling inizieranno a essere rilasciati, ma fino al 1984 che il Chronomat non riapparirà – e lo farà come un orologio totalmente diverso e rinnovato che sarà il precursore di tutti i moderni Chronomat.

(Nota: durante gli anni ’80 le referenze dei modelli Breitling verranno scritte in diversi modi, il Chronomat ad esempio è stato indicato con le ref 81950, 81 950 o 81,950 e per comodità il modulo 81950 sarà quello che utilizzeremo in questo articolo)

Anni ’80: la nuova gestione dell’azienda e i nuovi Chronomat

L’avvento degli orologi elettronici ha contribuito, purtroppo, per una grande parte, alla scomparsa di molte aziende di orologi svizzeri tra cui la vecchia società Breitling, e sin dalla prima metà degli anni ’80 sta diventando evidente che non vi è ancora un mercato in crescita per gli orologi meccanici. Molti proprietari non vogliono orologi LED, LCD o al quarzo, che ai loro occhi non hanno il fascino e l’attrazione tecnica degli orologi con movimento meccanico. Pur continuando il loro forte contributo nell’evoluzione degli orologi al quarzo, Breitling ha anche iniziato a sviluppare modelli meccanici innovativi. I famosi “cavalieri” Breitling disposti sulla ghiera, conosciuti anche come “Rider Tab” sono stati inventati dal capo della società nel 1982, il quale ha anche preso la decisione di utilizzare il movimento meccanico Valjoux 7750 per la prima volta su un Breitling. Entrambe queste caratteristiche sono ancora in uso oggi in molti Breitling, anche se il movimento ha subito enormi miglioramenti da allora.

Progettazione "Rider Tab" originale di Ernest Schneider, 23/10/82. Foto da Breitling
Progettazione “Rider Tab” originale di Ernest Schneider, 23/10/82. Foto da Breitling

Questo nuovo orologio è stato modificato con la consulenza e con i commenti della forza aerea Pattuglia Acrobatica Nazionale Frecce Tricolori (P.A.N.).

Il più importante cambiamento di design fatto per il nuovo orologio è che i pulsanti e la corona sono resi più facile da utilizzare con i guanti nella cabina di guida. C’è anche un piccolo restyling della lunetta e dei Rider Tab dei minuti 0/60 (quello ad ore 12, per intenderci meglio). Questo nuovo orologio è stato chiamato Navitimer Chronomat ed è completamente diverso dai Chronomat precedenti.

Navitimer Chronomat del 1984, ref 81950
Navitimer Chronomat del 1984, ref 81950

Al posto del vecchio “Type 42” ha una lunetta girevole con quattro rider tab (uno ogni 15 minuti), di facile presa con i guanti nella cabina di guida. Essi forniscono anche una misura di protezione per il cristallo. I rider 15 e 45 minuti possono essere facilmente ruotati per creare un conto alla rovescia se necessario. I grandi indici bianchi per le ore e lancette abbastanza larghe forniscono un facile visibilità a colpo d’occhio.

Breitling 81950

Il logo con le ali sul quadrante del Chronomat è lo stesso di quello già trovato sui primi Navitimer al quarzo degli anni ’80. Si compone di un disegno derivato dalle ali del motivo dell’AOPA e di una linea ondulata che indica l’acqua per mostrare continuo interesse nella progettazione di orologio subacquei. Sul retro della cassa è rappresentato il velivolo Aermacchi MB-339A utilizzato dal team Frecce Tricolori.

1st-81950-back-600Il design del nuovo Chronomat è una miscela interessante tra ultra-moderno e tradizionale,. Lo stile “a spicchi” della corona e dei pulsanti si rifà alle corone di orologi adatti ai piloti degli anni 30 e 40 ed è progettato per essere facile da afferrare e utilizzare quando si indossano i guanti.

Foto laterale 81950
Foto laterale 81950

Oltre ad essere resistente ad una profondità di 100 m il Navitimer Chronomat  è stato testato con forze d’accellerazione di 20G, di gran lunga superiore a quello che ogni pilota potrebbe sopportare. È alimentato dal Valjoux 7750 17-rubini, un movimento con cronografo automatico.

Valijoux 7750
Valijoux 7750

Nel corso del 1984 una versione speciale del Chronomat con il logo Frecce Tricolori sul quadrante viene rilasciata ai membri del team acrobatico.

1984chronomatfreccetricolori600In breve tempo le ali del logo Breitling vengono ridisegnate e le onde marine vengono sostituite da un àncora. Questo diventa il nuovo logo Breitling.

81950 con nuovo logo
81950 con nuovo logo

Questo orologio è quello che ha ottenuto maggior successo e maggior numero di vendite per Breitling. C’è qualcosa di meravigliosamente rinfrescante su questa versione iniziale che esteticamente, a dispetto di tutti i più recenti sviluppi e miglioramenti, forse non è mai stato superato. (Tuttavia, il movimento non subisce molti miglioramenti.)

Breitling Chronomat 81950

Inizialmente il fondello raffigurante il MB-339A Aermacchi viene utilizzato per gli orologi con il nuovo quadrante. Più tardi sugli orologi con numeri di serie superiori la lettera “A” viene stampata dopo “81950” (breitling chronomat 81950). Più tardi ancora un fondello incorpora la nuova grafica del logo Breitling per la ref 81950.

first-81950-wings-back-600
Chronomat Moon Phase dal 1985 al 1989

Breitling si rende conto rapidamente che il nuovo Navitimer Chronomat si sta rivelando popolare anche tra acquirenti non piloti e comincia ad ampliare le caratteristiche del modello; e cosa meglio di un riferimento al top della gamma del primo Chronomat degli anni ’40, ovvero il Chronomat Moon Phase. 

Nel 1985 una versione speciale viene preparata in cui il registro ore trascorse del 7750  è sostituito da una complicazione con fasi lunari (non un ‘semplificata’ fasi lunari bloccato la data come si trova in alcuni orologi minori). Tuttavia, il Chronomat a fasi lunari non è stato prodotto in vasta scala e oggi rimane molto raro.

chronomatmoon81950-6001986

Entro due anni dall’introduzione del Chronomat moderno, le variazioni dei materiali del quadrante e della cassa cominciano a moltiplicarsi. (Alla fine, negli anni 90, il numero di opzioni sarà di ben più di mille Chronomats differenti disponibili!).
Il Navitimer Chronomat nel catalogo dell'86.
Il Navitimer Chronomat nel catalogo dell’86.

I colori quadrante disponibili per il 1986 sono: nero, bianco/oro su i sotto-registri, nero con i sotto-registri oro, bianco con i sotto-registri oro. La cassa è disponibile in “bi-colore” o acciaio normale. Poi cinturino imbottito/cucito in pelle o bracciale roulleaux.

81950-black-diag-600 81950bc-side-6001989

Nel corso degli anni ’80 Breitling ha preso un forte interesse nella produzione di orologi per i diportisti, ma dal momento che la nuova società Breitling è stata costituita nel 1979 sono stati tutti al quarzo. Solo una versione, il Chronomat Yatching, è alimentata da un automatico. 

Come il Chronomat precedente, con la complicazione delle fasi lunari, il Chronomat Yachting mantiene lo stesso riferimento del modello, 81950.

Il Chronomat Yachting ha un movimento modificato Valjoux 7750 con uno speciale conto alla rovescia al posto dei soliti minuti a ore 12. Breitling descrive questa complicazione come “una apertura di conto alla rovescia 10 minuti e doppia indicazione del minuto finale prima della partenza della gara”.

Chronomat Yatching 81950
Chronomat Yatching 81950
Fondello Chronomat Yatching
Fondello Chronomat Yatching
Documentazione fornita
Documentazione fornita
Pubblicità per il Chronomat Yatching
Pubblicità per il Chronomat Yatching

La versione Yachting continuerà ad essere fatta fino alla metà degli anni ’90:
ref 81950 Chronomat Yachting nel 1989
ref B13047, precedente ref 81,950 stampata anche sul fondello nel 1991
ref A13047 Chronomat Yachting nel 1991 
ref A13048 Chronomat Yachting nel ’93-’94
ref A13050 Chronomat Yachting nel 1995.

Chronomat ref 13.047- Dal 1990 al 1993

Nel 1990/91 le referenze dei modelli Breitling si aggiornano. Il Chronomat cambia da 81.950 a 13.047 con un prefisso per il materiale della cassa: “A” sta per “acier”, ovverosia acciaio in francese; B per “bi-colore”, cioè in acciaio con dettagli oro. La versione 18 carati diventa la K13047.

Inizialmente orologi vengono prodotti sia con la nuova sia con la vecchia referenza di riferimento incisa sul fondello.

81950b13047dial-600Quadrante e cassa delle nuove referenze, con doppia incisione sul fondello

Quadrante e cassa delle nuove referenze, con doppia incisione sul fondello

Chronomat ref 13048 – ca. 1993-1994

Breitling Chronomat b13048 – Logo Breitling sul termine della lancetta dei secondi, con la scritta “1884” sul quadrante.

Di seguito il Breitling chronomat 1884:

La ref D13048 Chronomat ha una lunetta 18 carati
La ref D13048 Chronomat ha una lunetta 18 carati

Breitling Chronomat a13050 – ca. 1994-1999

“TACHYMETER” sul quadrante.
18 carati oro giallo o bianco sul logo Breitling. 
Indici con numeri arabi o semplici indici non numerati.

des
Chronomat ref B13050, quadrante guilloché con indici a bastone e logo con oro giallo 18 kt
ics
Ref A13050 con numeri arabi e logo oro bianco 18 kt

Una edizione limitata del 1994 viene rilasciata per celebrare il 10° anniversario del Chronomat moderno. Questo ha il logo Breitling di oro giallo 18 carati sul quadrante. Ha una speciale incisione sul fondello in dell’Aermacchi MB-339A utilizzato da Frecce Tricolori che è apparso sul retro della cassa nel 1984.

1994-10th-anni-600 1994-10th-anniback-6001995

Un’edizione speciale della ref 13050 viene rilasciata per celebrare il 40° anniversario delle Frecce Tricolori, 1955-1995. Tuttavia una ricerca sul sito web dell’Aeronautica Militare Italiana rivela che le Frecce Ticolori sono state costituite nel 1961, quindi per il momento questo modello “40th Anniversary” rimane un mistero!

1995-frecce 1995-frecce-backUn’edizione speciale del ref 13050 con Breitling for America sul quadrante giallo e “NOT FOR SALE” sul retro della cassa è dato ad alcuni concessionari americani. Si ritiene che questi siano stati distribuiti tra il 1995 e il 2000, ma le informazioni disponibili sono lacunose.

2000-b-for-a-600 bfora2-back2-600 2000-b-for-a-back-600

1996

Mentre il Chronomat continua a proliferare con oltre 1000 diverse combinazioni, Breitling crea una ulteriore versione speciale, The Blackbird, che è fedele all’originale Navitimer Chronomat del 1984. Si tratta di un orologio che è palesemente dedicato ai piloti. È il nome dell’aereo progettato da Kelly Johnson, il Blackbird SR-71.

Blackbird SR-71
Blackbird SR-71
Chronomat Blackbird A13050
Chronomat Blackbird A13050
Cassa spazzolata del Blackbird A13050
Cassa spazzolata del Blackbird A13050
Fondello A13050 Blackbird
Fondello A13050 Blackbird

Il Breitling Blackbird con la sua cassa ha alcune somiglianze con i primi Chronomat moderni del 1984. Anche se nominato Blackbird sul quadrante è un Chronomat con la solita referenza. Più tardi una versione in edizione limitata in blu composta da 250 orologi, chiamata Bluebird, viene prodotta.

1997

Una serie limitata di 500 esemplari viene rilasciata per celebrare il 50° anniversario dalla fondazione della US Air force (USAF) nel 1947. Prima di questa data era conosciuta come la US Army Air Force (USAF).
1997-chronomat-usaf

Nel corso del 1997 quadranti e lancette vengono aggiornati e nuovi nomi sono annunciati per le versioni standard del Chronomat, anche se la referenza di ispirazione del modello rimane la 13050. La lancetta dei secondi ora ha una punta a freccia e le lancette dell’ora e dei minuti sono più spesse e appuntite. I numeri all’interno dei contatori sono ora in corsivo.

A seconda della forma degli indici delle ore, il vostro Chronomat ora rientra in una delle due categorie. La versione con indici a bastoni sul quadrante è chiamata Chronomat GT. 

a13050La versione con quadrante con numeri arabi si chiama Chronomat Vitesse. Si tratta di un nome che è stato utilizzato in precedenza per un cronometro Breitling progettato nei primi anni del 20° secolo.

La versione inglese (miglia) del Breitling "Vitesse" nel catalogo 1928 -  c'era anche una versione continentale (chilometri)
La versione inglese (miglia) del Breitling “Vitesse” nel catalogo 1928 –
c’era anche una versione continentale (chilometri)

Il Chronomat Vitesse ha i numeri in corsivo per dare una sensazione dinamica della velocità (“Vitesse” in francese sta per “velocità”).

Chronomat Vitesse ref B13050 con indici numerici  in corsivo
Chronomat Vitesse ref B13050 con indici numerici in corsivo
Fondello Vitesse B13050
Fondello Vitesse B13050
Vitesse in oro 18 carati
Vitesse in oro 18 carati
Fondello 18 kt
Fondello 18 kt

Chronomat ref 13350 – ca. 1999-2000

È lo stesso della ref 13050, ma è certificato come un cronometro e viene fornito con un certificato COSC numerato che fornisce il numero di serie impresso nel fondello ridisegnato. Di seguito il Breitling chronomat a13050:
Chronomat GT B13350
Chronomat GT B13350
Fondello ridisegnato con certificato COSC del B13350 GT
Fondello ridisegnato con certificato COSC del B13350 GT

Chronomat 2000 Ref 13352 – ca. 2000-2004

La parola CHRONOMAT sul quadrante viene sostituita da CHRONOMETRE. La lunetta è stata modificata e adesso presenta segni incisi più ampi degli altri ogni 5 minuti e un font diverso per i numeri delle Rider Tab.

Le versioni GT e Vitesse sono state eliminate; i Chronomat adesso hanno tutti indici a bastone in un nuovo design del quadrante.

Ref A13352
Ref A13352

2002

Compare la versione con numeri arabi della ref 13352. Ha bordi sottili intorno ai contatori.

chronomat-ref-a13352-600

Una sezione trasversale mostra alcuni dettagli del segnatempo nella sua complessità e nelle sue finiture. Breitling è nota per l'alta qualità della sua progettazione e produzione. Foto Breitling
Una sezione trasversale mostra alcuni dettagli del segnatempo nella sua complessità e nelle sue finiture.
Breitling è nota per l’alta qualità della sua progettazione e produzione. Foto Breitling

Ref Blackbird 13353 – dal 2002 a 2004

Per la prima volta il Blackbird ha una referenza diversa rispetto allo standard Chronomat; il nuovo Blackbird per l’anno 2003 è la ref A13353. Questo orologio non è elencato nel catalogo come “Chronomat Blackbird”, ma come un modello separato all’interno della linea Windrider (che include il Chronomat e diversi altri modelli). Il Blackbird ha iniziato a diversificarsi dal Chronomat (una mossa che negli anni a venire determinerà la completa separazione dal Chronomat avendo un movimento diverso). Per il momento, anche se sostanzialmente si stratta sempre dello stesso orologio, ha una cassa con diametro di 39,8 millimetri non molto più ampia del Chronomat Standard.

blackbird-a13353-600Chronomat ref 13.356- 2004 in poi

Il Chronomat Evolution appare per la prima volta a Basilea nel mese di aprile 2004, ma non è generalmente disponibile nei negozi per diversi mesi. La sua prima apparizione in catalogo è nel Breitling Chronolog 2005 emesso ad ottobre 2004.

L’Evolution è più grande di diametro, spessore e peso rispetto ai modelli precedenti ed è più che altro una derivazione dall’originale Chronomat del 1984.

2004chronomatevolution-600Come molti aggiornamenti di orologi Breitling che hanno un seguito fedele, inizialmente il nuovo orologio è impopolare tra i già clienti Breitling. Nel giro di un anno o giù di lì l’Evolution è molto più accettato tra la maggior parte dei clienti, adesso potenziali acquirenti entusiasti di questa ultima versione del Chronomat. Una cosa che non è mai stata messa in dubbio è la qualità; si tratta di orologio progettato superbamente, con un movimento preciso e robusto. Ecco le caratteristiche tecniche più nel dettaglio:

Movimento:
automatico, Calibro Breitling 13 (sulla base del Valjoux 7750)
certificato COSC di cronometro
28.800 VPH
25 rubini 

Cassa:
in acciaio, bicolore; oro giallo o bianco 18 carati
43,7 millimetri di diametro, spessore di 17.1mm, 22mm tra le anse
pulsanti cronografo e corona a vite
lunetta unidirezionale
Vetro zaffiro incurvato con trattamento antiriflesso in entrambi i lati
resistente all’acqua fino a 300 M (in precedenza 100 M) 

Quadrante:
con numeri arabi o indici a bastoni

Opzioni bracciale/cinturino:
bracciale Pilot con lo stesso materiale della cassa (dunque acciaio, bicolore o interamente in oro)
cinturino in pelle di coccodrillo
cinturino in gomma PRO DIVER

C’è anche un Chronomat Evolution Frecce Tricolori in edizione limitata a 1000 orologi.

frecce-tricolori-a133562006

Il Chronomat continua ad essere chiamato “Chronomat Evolution”. Così come la versione con indici a bastoni e numeri arabi. c’è una nuova versione con numeri romani.

Breitling chronomat 44 – Il nuovo Blackbird dalla fine del 2006 ha un movimento diverso, il B44, e di conseguenza un quadrante diverso dal Chronomat. Il Blackbird probabilmente non può più essere considerato una versione del Chronomat, anche se la cassa ha lo stesso aspetto dell’Evolution e ha la stessa larghezza di 43,7 millimetri.

Breitling Chronomat 44 B01 – 2009 in poi

il primo orologio che sarà annunciato con il nuovo movimento in-house Breitling B01 è il Chronomat. Questo modello è chiamato “Chronomat B01” e ha una serie di differenze stilistiche dall’Evolution, ma è palesemente chiaro che si tratti sempre di un Chronomat – di fatto una evoluzione dell’Evolution.

orologio chronomat-b01

Movimento B01 a 47 rubini.
Movimento B01 a 47 rubini.

Adesso, nel 2016, sono presenti infinite versioni del Chronomat consultabili sul sito Breitling: è possibile anche notare come ci siano nuove linee direttamente derivate dal Chronomat, com ad esempio il Breitling Avenger e le sue versioni, o il Montbrilliant di palese riferimento ai chronomat degli anni 40 e ’50.

Modelli 2017

Tra i modelli presenti nel catalogo che meritano assolutamente di essere citati troviamo il:

Chronomat 44 GMT

 

Breitling Chronomat 44 GMTIl modello GMT presenta un movimento meccanico a carica automatica con calibro Breitling B04, con 47 rubini, 28,800 a/h e una, riserva di carica di circa 70 ore e con a doppio fuso orario. L’impermeabilità è di 200 metri, troviamo quindi una cassa in acciaio (le edizioni limitate sono anche in oro) da 44 mm, vetro zaffiro antiriflesso ai lati fondocassa a vite, (nell’edizione limitata è in vetro zaffiro) e corona a vite a 2 giunti. 

Chronomat 44 Raven

Breitling Chronomat 44 Raven automatico

Il modello Raven è dedicato al mondo delle corse ed è infatti certificato ufficialmente come cronometro. Il fondello a vite è bellissimo, dal quale si può vedere in tutto il suo splendore il calibro Breitling 01, che permette al cronografo di calcolare: 1/4 di secondi, 30 minuti, 12 ore, con 47 rubini con riserva di carica di 70 ore. 

Molto bella la cassa in acciaio nera con i contrasti arancioni e il vetro zaffiro (anche il fondello) incurvato.

Chronomat 44 Breitling Blacksteel

Orologio Chronomat 44 Blacksteel

Il Chronomat 44 Breitling Blacksteel invece è dedicato all’aviazione, infatti sul quadrante è possibile notare le lancette rosse al fine di ricordare il cruscotto dell’aereo. 

Anche qui troviamo il fondello a vista e il calibro Breitling 01 come il modello precedete. 

N.B.: L’ARTICOLO ORIGINALE È IN INGLESE (LA NOSTRA REDAZIONE HA APPORTATO SOLO AGGIORNAMENTI) ED È CONSULTABILE AI SEGUENTI LINK:

https://forums.watchuseek.com/showthread.php?t=9103

https://forums.watchuseek.com/showthread.php?t=13334

NOI DI RECENSIONIOROLOGI.IT CI SIAMO PRESI LA LIBERTA’ DI TRADURLO E DI METTERLO A DISPOSIZIONE DEI NOSTRI LETTORI. TUTTI I DIRITTI APPARTENGONO AD ALAN TROTT ©.

P.s.: noi di RecensioniOrologi.it cercheremo di aggiornarlo ad ogni nuova versione con il passare del tempo.

Dettagli
Orologi Breitling Chronomat,
Nome Articolo
Orologi Breitling Chronomat,
Descrizione
Storia, curiosità e tutti i modelli degli orologi Breitling Chronomat, brevettati nel 1941 ed oggi simbolo di alta orologeria.
Autore
RecensioniOrologi.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here