BLOG OROLOGI: MAGAZINE DEDICATO A RECENSIONI OROLOGI, OPINIONI E NOVITÀ NEL MONDO DELL’OROLOGERIA

Valjoux 7750: il più diffuso movimento cronografico al mondo

Come è nato il Valjoux 7750? E perché è ancora così diffuso oggi? Vi illustrerò la storia di questo movimento classico, dalle sue umili origini, alla sua scomparsa precoce, fino alla sua resurrezione negli anni ’80 e ai suoi sviluppi moderni.

Come l’ETA/Valjoux 7750 è diventato il movimento cronografico più famoso di sempre

Valjoux 7750

Valjoux (che sta per Vallée de Joux, una località storicamente importante per l’industria svizzera) era un produttore di movimenti meccanici, specializzato in cronografi. I movimenti dell’azienda hanno alimentato per decenni i prodotti di alcuni dei marchi più prestigiosi (Patek Philippe, Audemars Piguet, Rolex o Vacheron Constantin per citarne alcuni).

Oggi, a seguito di successivi consolidamenti di produttori di movimenti nell’industria orologiera svizzera, Valjoux è stata assorbita dalla Swatch Group, più precisamente dalla potente ETA.

Il Valjoux 7750 è stato creato all’inizio degli anni ’70 come risposta dell’azienda all’avvento del cronografo automatico, per mettersi al passo con i suoi concorrenti dopo l’introduzione di movimenti come lo Zenith El Primero, il Calibro 11 di Heuer/Hamilton/Breilting o il Lemania 1040.

In effetti, se gli orologi da polso cronografici esistono dall’inizio del XX secolo, fino al 1969 erano tutti dotati di movimenti a carica manuale. Negli anni Sessanta è arrivato il momento per il cronografo di modernizzarsi, aggiungendo la praticità e la comodità della carica automatica.

Spesso indicato come uno dei primi movimenti creati con l’ausilio del computer, il Valjoux 7750 è stato progettato da Edmond Capt. È basato sul cronografo manuale Valjoux 7730 (a sua volta derivato dal Venus 188).

Come tale, presenta un comando a camme e leva anziché una ruota a colonne per azionare le diverse funzioni del cronografo. Il meccanismo di frizione è invece un pignone oscillante. L’idea era quella di creare un cronografo automatico solido, resistente ed economico. Introdotto nel 1974, la sua produzione sarà presto interrotta a causa della crisi del quarzo.

Storia del Valjoux 7750

Valjoux 7750 prezzo

Tutto è iniziato con Edmond Capt, un vero veterano dell’orologeria. Capt, che ha guidato lo sviluppo dei calibri 7750, ha anche progettato più di 30 altri movimenti di orologi durante la sua vita. Un orologiaio esperto in tutti gli aspetti del suo mestiere. Ma soprattutto, un orologiaio che metteva il cuore e l’anima nel suo lavoro.

L’inizio è stato immensamente promettente: Il Valjoux 7750 viene lanciato nel 1973 e diventa subito un top seller. In particolare, clienti importanti come Orfina, partner di Porsche nell’orologeria fino al 1978, catapultarono le vendite a 100.000 unità all’anno in soli due anni dall’inizio della produzione. La gente era incoraggiata, il successo prometteva di durare.

Ma non fu così. Dopo poco più di due anni, la produzione si è improvvisamente fermata. Dopo il lancio a razzo, le speranze di Capt per il futuro furono improvvisamente stroncate da un’impennata globale. Al punto che gli fu ordinato di distruggere i piani di costruzione e le parti e le macchine rimanenti per il calibro 7750.

Cosa era successo?

Con lo sviluppo della crisi del quarzo, il mondo aveva improvvisamente richiesto all’Estremo Oriente orologi a batteria. Futuristici. Precisi. Convenienti. Come un’epidemia di peste, la crisi del quarzo ha bloccato l’industria mondiale degli orologi meccanici. I loro orologi erano improvvisamente troppo costosi, antiquati e ingombranti, e considerati obsoleti.

Per (troppi), la battaglia è sembrata essere stata definita troppo presto: gli orologi al quarzo sostituiranno completamente gli orologi meccanici. Rinunciare alla vittoria significava rinunciare al proprio calibro e lasciarlo sprofondare per sempre nell’irrilevanza. Per Capt, questo era semplicemente impossibile. In segreto, resistendo alle istruzioni dei suoi superiori, salvò e conservò con cura i piani di costruzione e le attrezzature per i posteri.

Valjoux 7750 movimento

A metà degli anni Ottanta, un altro cambiamento di mentalità globale riportò gli orologi meccanici all’interesse del pubblico e alla ribalta. Tuttavia, poiché la maggior parte dei progetti e delle macchine erano stati distrutti nella più totale rassegnazione qualche anno prima, le competenze e le attrezzature erano difficili da reperire.

La Swatch Group, fondata nel 1983 e artefice della rinascita dell’orologio meccanico, ricordava i tempi passati e in particolare i promettenti inizi del calibro 7750.

Di conseguenza, solo due anni dopo, nel 1985, ETA, una figlia dello Swatch Group, riprese la produzione del modulo cronografico meccanico. L’impresa è stata possibile solo grazie alla fede incrollabile di Capt in un futuro per le sue creazioni meccaniche e alla sua perseveranza attraverso la crisi. L’intervallo di tempo tra la scomparsa e la resurrezione del calibro 7750 è stato di appena un decennio.

La produzione è stata ripresa quindi a metà degli anni Ottanta, quando la domanda di movimenti meccanici è tornata a crescere, fino a diventare il cronografo meccanico più diffuso nell’industria svizzera.

In quasi mezzo secolo, il 7750 ha superato la prova del tempo dimostrando di essere un movimento robusto, preciso e affidabile. Se la sua architettura non è considerata la più nobile, supera quella di molti cronografi interni di alto livello… Come molti dei calibri di punta dello Swatch Group, con la scadenza dei diritti sono stati creati diversi cloni di questo calibro collaudato, in particolare la famiglia Sellita SW-500 e alcune aziende cinesi producono movimenti 7750 cinesi, come lo Shanghai 3LZF2.

Esistono persino delle iterazioni dotate di un sistema di ricarica per il movimento e anche dotate di ruota a colonne, ad esempio quelle di La Joux-Perret. Swatch-ETA ha persino sviluppato una propria versione con ruota a colonne per Longines.

Tuttavia, se messo a punto correttamente, il 7750 soddisfa gli standard del Cronometro COSC ed è presente in molti marchi di orologi di qualità, come TAG Heuer.

Valjoux 7750 scheda tecnica

  • MARCA: ETA, Valjoux, Famiglia ETA 7750
  • ALTEZZA: 7,90 mm
  • RUBINI: 17, 24, 25
  • RISERVA: 54 ore
  • FREQUENZA: 28.800 A/h
  • AVVOLGIMENTO: Avvolgimento automatico del rotore centrale, in senso orario, unidirezionale
  • DIAMETRO: 30,00 mm
  • COMPLICAZIONI: Cronografo a 2 pulsanti, sistema a camme, Cronografo, Data, Giorno, Stop dei secondi
  • LANCETTE: lancetta del cronografo delle 12 ore alle 6:00, lancetta del cronografo dei 30 minuti alle 12:00, lancetta centrale dei 60 secondi, lancetta centrale delle ore, lancetta centrale dei minuti, finestrella della data alle 3:00, finestrella del giorno alle 3:00, lancetta dei piccoli secondi alle 9:00

La funzione cronografo si avvia, si arresta e si riavvia con il pulsante a ore 2. Si azzera con il pulsante a ore 4. L’azzeramento avviene con il pulsante a ore 4:00.

Il movimento può essere caricato manualmente con la corona in posizione 1. Ruotare la corona in senso orario per caricare la molla.

Le ruote del giorno e della data avanzano con la corona in seconda posizione (una tacca in fuori). Ruotando la corona in senso orario, la ruota della data avanza di un giorno. Ruotare la corona in senso antiorario per far avanzare la ruota del giorno.

L’avanzamento rapido del giorno e della data mediante la corona non è possibile tra le ore 20.00 e le 2.00 del mattino.

La regolazione dell’ora avviene con la corona in terza posizione (estratta completamente). Ruotare la corona in senso orario per far avanzare le lancette dei minuti e delle ore e in senso antiorario per farle retrocedere.

Per acquistare il calibro o parti di esso vi suggerisco Ebay (qui per maggiori informazioni).

Caratteristiche del Valjoux 7750

movimento Valjoux 7750

Il calibro ETA/Valjoux 7750 è uno dei movimenti cronografici automatici più riconoscibili e ampiamente utilizzati. Era basato sul calibro Valjoux 7733 a carica manuale, che a sua volta era basato sul Venus 188. Oggi fa parte della linea “Mecaline” dei movimenti ETA.

È stato introdotto ufficialmente nel mondo degli orologi intorno al 1973/1974, ma dopo la prima produzione, il calibro non è stato prodotto di nuovo fino al 1985 (grazie agli orologi meccanici che hanno guadagnato popolarità ancora una volta). Il 7750 è stato parzialmente progettato su un computer, il primo per l’industria dell’orologeria.

Il 7750 è dotato di un modulo automatico a carica automatica collegato alla parte superiore del movimento. Funziona con un’unica ruota a doppio scatto, che si carica in una sola direzione. Il 7750 misura 30 mm di diametro e 7,9 mm di spessore.

La maggior parte degli esemplari moderni del calibro 7750 ha 25 rubini. Le prime versioni avevano 17 rubini. Esistono altre versioni con 24 rubini.

Se nel movimento del vostro orologio calibro 7750 sono presenti parti in plastica, non allarmatevi. Non significa che avete un orologio falso! La leva di azzeramento (leva di arresto) sulla ruota cronografica centrale è realizzata in plastica su molti 7750.

Chronoswiss è stata la prima azienda orologiera a iniziare a utilizzare una leva di arresto in metallo, che successivamente anche ETA ha iniziato a utilizzare. Secondo ETA, le parti in plastica non devono essere pulite durante la manutenzione.

Utilizzo del Valjoux 7750 nel mondo orologiero

calibro Valjoux 7750

Dagli anni ’80, molti noti marchi di orologi hanno giurato fedeltà a questa icona. Uno sguardo alle sue proprietà rivela perché il calibro è stato così popolare dopo essere sopravvissuto alla crisi del quarzo.

Un grande vantaggio rispetto ai cronografi con ruota a colonne, lo scappamento a leva coulisse permetteva una produzione più rapida ed economica in grandi quantità. Altri calibri a leva coulisse, come il Lemania 5100, hanno gareggiato con il Valjoux 7750 in un testa a testa. Il nostro protagonista ha finito per vincere, perché il minor costo di produzione si è tradotto in prezzi più favorevoli e ha ripristinato la fiducia nel valore degli orologi meccanici per i clienti ancora sensibili al prezzo.

Inoltre, il movimento di base costituisce una piattaforma ideale per ulteriori modifiche. Che si tratti di finissage, sostituzione di singoli componenti o aggiunta di interi moduli, il Valjoux-Evergreen si è trasformato in una tela d’ispirazione per i marchi di orologi creativi.

Alcuni produttori di movimenti, tra cui Alfred Rochat & Fils per Chrono Swiss e La Joux-Perret (per una manciata di marchi) si sono spinti fino a modificare la concezione originale del calibro come movimento a leva coulisse aggiungendo una ruota a colonne. Numerosi marchi di orologi, come Longines, Omega, TAG Heuer, Bremont, Panerai, Montblanc, Sinn e altri ancora, utilizzano la base di questo calibro, perchè conoscono bene la flessibilità e dell’affidabilità di questo calibro.

Era solo questione di tempo perché altre alternative entrassero nel mercato, dato che il gruppo Swatch limita artificialmente la disponibilità dei suoi concorrenti. L’SW500, ad esempio, la replica di Sellita dell’ambito calibro, ha un grande seguito. Inoltre, molti movimenti provenienti dall’Estremo Oriente sono progettati tenendo conto dei piani di costruzione del Valjoux originale.

Un calibro 7750 non modificato è immediatamente identificabile in un orologio. Il giorno della settimana e la data sono collocati a ore 3, mentre i tre contatori cronografici sono posizionati a ore 6, 9 e 12. Oltre alle varianti Tricompax con i consueti tre quadranti, sono molto comuni le varianti Bicompax con due quadranti e, naturalmente, la complicazione delle fasi lunari.

Tissot A05.231
Tissot A05.231

Tissot ad esempio (altro marchio dello Swatch Group), l’ETA-Valjoux 7750 è oggi la pietra miliare delle sue collezioni di cronografi meccanici, che alimentano gli orologi del marchio con un rapporto qualità-prezzo impressionante: poco meno di 2.000 euro per il Telemeter 1938. Osservando l’orologio, non è difficile notare diverse evoluzioni sul fronte del movimento.

Innanzitutto, è scomparsa la tradizionale disposizione del quadrante 7750 con 12-6-9 registri. Molti marchi sono più inclini alla classica configurazione ETA 7753 3-6-9 o, in questo caso, a una disposizione bi-compax equilibrata e di ispirazione vintage. Girando l’orologio, anche il movimento mostra alcune delle evoluzioni attuate nel corso degli anni.

Oggi, la nomenclatura ETA-Tissot si riferisce al calibro A05. Presentato qualche anno fa, l’A05 è un aggiornamento del 7750 che presenta, in particolare, una riserva di carica potenziata di 68 ore rispetto alle 48-54 ore precedenti, su un’architettura Valjoux tradizionale. Si tratta di una strategia analoga a quella adottata dal gruppo per il calibro Powermatic 80.

Osservando il bilanciere, l’A05.231 – l’ultima iterazione del 7753 in uso presso Tissot – integra due recenti evoluzioni. Innanzitutto, è dotato di una spirale Nivachron antimagnetica. I campi magnetici sono ovunque nel nostro mondo moderno e le parti interne di un orologio possono essere magnetizzate, in particolare la spirale, le cui spire si uniscono quando sono magnetizzate.

L’uso del Nivachron (un’alternativa al silicio) comporta un miglioramento sostanziale in termini di precisione e affidabilità. In secondo luogo, l’A05.231 presenta un bilanciere a inerzia variabile, senza indice di regolazione. Un aggiornamento simile è stato implementato sul Powermatic 80. Per regolare il ritmo dell’orologio, invece di far scorrere un regolatore per modificare la lunghezza attiva della spirale, gli orologiai lavorano con l’inerzia del bilanciere, ruotando le viti asimmetriche sulle razze del bilanciere.

Infine, la decorazione del movimento è molto più bella rispetto alle versioni precedenti del 7750. È piuttosto tradizionale, in particolare con il perlage e il rotore traforato, personalizzato per il marchio. Naturalmente, la finitura è industriale, poiché non ci si può aspettare una decorazione a mano estesa per un orologio di questo prezzo, ma il risultato è piuttosto gradevole.

Per consultare tutti modelli, anche orologi vintage, con calibro 7750 vi consiglio il sito di Ebay (qui per scoprire tutte le offerte), dove è possibile fare ottimi affari.

Varianti del 7750

Come per altri movimenti ETA, il 7750 è disponibile in versione elaborate. Oltre al calibro base 7750, la gamma attuale comprende anche le varianti 7751, 7753 e 7754.

  • 7750 (12/6/9 contatori con giorno/data al 3)
  • 7751 (12/6/9 quadranti con lancetta centrale della data, giorno/mese al 12, fasi lunari al 6)
  • 7753 (3/6/9 contatori con data al 4)
  • 7754 (12/6/9 quadranti con data al 3 e lancetta GMT)

Esistono anche i calibri 7760 (12/6/9 quadranti con giorno/data) e 7765 (12/9 quadranti con data) a carica manuale.

Opinioni del Valjoux 7750

Sebbene il Valjoux 7750 si stia avvicinando a grandi passi al suo 50° compleanno, non è nemmeno lontanamente in declino. Al contrario, i produttori di orologi di ogni tipo si affidano a questo cavallo di battaglia da generazioni. Che si tratti di un orologio entry-level da 1.000 euro o di un cronografo di lusso da 10.000 euro, l’ETA Valjoux 7750 gode di una popolarità senza ostacoli.

Anche se è e sarà sempre un oggetto di massa e puramente pratico, deve essere riconosciuto come il calibro cronografico meccanico di maggior successo al mondo. Inoltre, l’aver permesso la rinascita del cronografo meccanico nei primi tempi dopo la crisi del quarzo è un’eredità gigantesca.

Dettagli
Valjoux 7750
Nome Articolo
Valjoux 7750
Descrizione
Calibro cronografico leggendario, uno dei movimenti più utilizzati nel settore, l'ETA-Valjoux 7750. Questo preciso e collaudato cavallo di battaglia è stato creato nei primi anni Settanta. Nei suoi 50 anni di storia, il calibro Valjoux si è naturalmente evoluto, con diverse varianti, funzioni e layout. Anche il movimento è stato aggiornato nel quadro di un'ottimizzazione continua, in particolare incorporando le moderne tecnologie per evolvere in sincronia con i tempi.
Autore
RecensioniOrologi.it
Recensioniorologi.it
Logo
Altri articoli
6 risposte
  1. Io ho il 7751 comperato nel 1990 ,va ancora da Dio e spacca quasi il secondo quando e regolato.

  2. Ho un hamiton comprato più di 25 anni fa che monta il 7750 non hai perso un colpo. Comunque articolo veramente ben scritto, grazie e buon natale ????

  3. Eh si, sono cavalli da battaglia.
    Grazie e buon Natale anche a te :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie