BLOG OROLOGI: MAGAZINE DEDICATO A RECENSIONI OROLOGI, OPINIONI E NOVITÀ NEL MONDO DELL’OROLOGERIA

Rado DiaStar Original: tutto il fascino degli anni Sessanta al polso

In occasione del 60° anniversario del “primo orologio antigraffio al mondo”, il DiaStar 1 di Rado del 1962 viene rilanciato sia in serie “originale” in tre colori di quadrante sia con una speciale “Edizione Anniversario” in Ceramos, creata in collaborazione con il designer svizzero Alfredo Häberli.

L’obiettivo è quello di mantenere la forte personalità del suo predecessore, aggiornandolo allo stesso tempo.

DiaStar Original Watches

Questo orologio dal design sorprendente inaugurò l’uso senza precedenti del metallo duro in un segnatempo dell’epoca, “stabilendo così la reputazione del marchio come pioniere e vero riferimento nel settore dell’orologeria in termini di longevità e design inimitabile”.

Più concretamente, questo segnatempo nasce dalla volontà del brand di “trasformare purezza e bellezza in un orologio caratterizzato da longevità e solidità ineguagliabili”. Qualcosa di raro all’epoca in cui gli orologi erano spesso realizzati con metalli preziosi o acciai relativamente fragili.

Rado DiaStar Original

Questa premessa ha messo alla prova le capacità e la fantasia dei progettisti Rado: in teoria, le eccezionali proprietà fisiche del metallo duro, ovvero la sua capacità di resistere a compressioni estreme e la sua resistenza all’ossidazione oltre che alle sollecitazioni termiche e meccaniche, ne hanno fatto un materiale adatto per una cassa dell’orologio resistente ai graffi.

Tuttavia, in pratica, il metallo duro si è rivelato estremamente difficile da lavorare e il marchio ha dovuto usare tutta la sua audacia per riuscirci… Alla fine, il design rivoluzionario di questo modello ha mostrato come l’uso di un nuovo materiale potesse portare alla creazione di un “nuovo ideale estetico”.

In effetti, il design del Rado DiaStar – e di tutte le successive creazioni Rado -, sottolinea le qualità intrinseche dei materiali utilizzati dal brand fino ai giorni nostri; se l’uso di nuovi materiali nell’industria dell’orologeria è oggi comune, allora non era così, essendo questa industria una delle più conservatrici…

Questo segnatempo ha coronato, anche cristallizzato, anni di prove e sperimentazioni dedicate allo sviluppo di nuove forme e rivestimenti.

Rado Diastar Vintage
Rado Diastar Vintage

Rado alla fine si è rivolto a una lega di carburo di tungsteno chiamata “Hardmetal“. Parliamo quindi di materiale composito a base di carburo di tungsteno e un legante metallico, il metallo duro viene stampato su una pressa ad una pressione di 1.000 bar per formare un modello grezzo che viene poi lavorato in un forno sottovuoto a 1.450°. Questo processo ha permesso di ottenere un’incredibile durezza compresa tra 1.400 e 2.000 Vickers e una lucentezza dopo la lucidatura con polvere di diamante, aggiungendo una brillantezza incomparabile. Ancora una volta, ciò era tutto nuovo all’epoca.

Per essere coerenti con la solidità della cassa, gli ingegneri di Rado hanno dovuto lavorare anche sulla qualità del vetro dell’orologio che, anch’esso, doveva essere estremamente resistente, altrimenti sarebbe diventato il tallone d’Achille di questo orologio ultra solido.

La soluzione trovata fu l’uso del famoso vetro zaffiro, oggi molto noto. E da allora, il Rado DiaStar e tutti i successivi orologi Rado sono stati dotati di questo tipo di vetro.

Proprio come nel 2012, Rado celebra quindi un nuovo decennio per il suo DiaStar nel 2022 con una collezione prodotta in edizione speciale immaginata con il designer Alfredo Häberli. La cassa (38×45), impermeabile fino a 100 metri, offre una parte centrale in acciaio lucido associata a una lunetta in Ceramos lucido con superficie esterna conica spazzolata radialmente. La corona è in acciaio come il logo dell’ancora opaco.

Ceramos è un materiale composito con le proprietà di durezza della ceramica e la resistenza di una lega metallica. Con un contenuto di circa il 90% di carburo di titanio, il materiale è un po’ più leggero del suo predecessore “metallo duro”, ma ha le stesse qualità di resistenza ai graffi, secondo Rado.

Il quadrante circolare grigio metallizzato spazzolato è protetto da un vetro zaffiro esagonale sfaccettato con rivestimento antiriflesso sul lato interno. Presenta indici a punti pieni di Superluminova di colore naturale e lancette delle ore e dei minuti rodiate. Notiamo ovviamente la presenza dell’ancora mobile di colore argento su fondo grigio metallizzato che indica che questo Rado ha un calibro meccanico (dorato in questo caso).

Come tale, è il calibro Rado R764 (placcato in oro), automatico, 3 lancette, day/date al 6, 25 rubini, riserva di carica di 80 ore, spirale antimagnetica Nivachron™, supera gli standard di precisione nei test da 3 a 5 posizioni, sfondo del datario e del giorno della settimana abbinato al colore del quadrante con stampa bianca.

La parure di grande successo è indossata su un bracciale in maglia milanese che ovviamente rievoca gli anni Sessanta. I cinturini hanno il sistema EasyClip che li rende rapidamente intercambiabili per un look e un’atmosfera diversi.  Viene fornito con un cinturino in tessuto grigio aggiuntivo, fibbia pieghevole in acciaio spazzolato e pulsanti lucidi.

Rado DiaStar Original Blu Rado DiaStar Original Grigio Rado DiaStar Original Verde

Il DiaStar Original , d’altra parte, viene fornito con un quadrante grigio (Ref. R12160213), blu (Ref. R12160103) o verde (Ref. R12160303), tutti al prezzo di 1.350 euro. Sono dotati di un vetro zaffiro sfaccettato a strisce parallele e montati su un bracciale in acciaio inossidabile lucido e spazzolato.

Gli altri tre nuovi modelli DiaStar Original sono dotati di un bracciale in acciaio e hanno un aspetto più tradizionale. Ma quando dico “tradizionale”, intendo la tradizione futuristica degli anni ’60 che è ancora molto attuale nel 2022. La referenza blu, grigia e verde mostrano quadranti spazzolati in due direzioni.

E la lucentezza metallica prende vita sotto il vetro zaffiro a sfaccettature parallele con rivestimento antiriflesso all’interno. Muovendo l’orologio si ottiene un mini spettacolo riflettente (ma non troppo riflettente), vibrante e otticamente affascinante. Qui, il tradizionale indicatore giorno/data si trova nel suo habitat naturale a strisce verticali.

Tutti questi orologi hanno una lunetta in Ceramos e una cassa centrale, un fondello e una corona in acciaio. Häberli ha ridisegnato il lato della cassa e il risultato è un DiaStar più sottile e sottile. I tre nuovi brillanti modelli DiaStar Original misurano 12,1 mm di spessore, contro i 12,6 mm dei modelli della collezione attuale.

Per maggiori informazioni vi invito a consultare il sito ufficiale www.rado.com

Voglio concludere questo articolo con le dichiarazioni rilasciate dal CEO di Rado Adrian Bosshard, con il quale concordo pienamente: “Questo prodotto iconico è assolutamente unico sia nella forma che nel design. La scelta del materiale della cassa – metallo duro prima e ora Ceramos nella nuova collezione – rende l’orologio praticamente indistruttibile. È davvero un orologio per tutta la vita“.

Ciao e alla prossima recensione, Carmine.

Vi potrebbero interessare inoltre:

Dettagli
Rado DiaStar Original:
Nome Articolo
Rado DiaStar Original:
Descrizione
In occasione del 60° anniversario , Rado, in collaborazione con il designer svizzero Alfredo Häberli , ha creato una nuova versione del DiaStar, che si basa fortemente sull'originale senza rinunciare all'estetica contemporanea. Il risultato: la Rado DiaStar Original 60-Year Anniversary Edition .
Autore
RecensioniOrologi.it
Recensioniorologi.it
Logo
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie