Seiko Speedtimer Mechanical Chronograph: collezione completa e caratteristiche

Il Seiko Speedtimer è un tributo allo Speedtimer originale della fine degli anni ’60. La nascita del Seiko Speedtimer nel 1969 ha rappresentato un’importante pietra miliare nella storia dei cronografi.

È stato uno dei primi cronografi automatici al mondo e, soprattutto, il suo calibro 6139 è stato il primo a combinare una ruota a colonne con un innesto verticale, caratteristiche che hanno permesso di misurare il tempo in modo sempre più preciso e privo di errori, come no mai.

Recensione della collezione Seiko Prospex Speedtimer Chronograph 1969

Seiko Prospex Speedtimer Chronograph 1969

Introdotto nel 2021, il Prospex Speedtimer celebra il contributo di Seiko al cronometraggio sportivo con una fusione di dettagli di design e caratteristiche meccaniche di cronometri e cronografi da polso prodotti negli anni ’60.

La cassa e il quadrante, ad esempio, riprendono specifiche caratteristiche di design e l’impeccabile leggibilità dei cronometri portatili Seiko e del suo orologio da polso Crown Chronograph 5179 del 1964 a carica manuale. Onorando il sofisticato movimento cronografo automatico del leggendario calibro Seiko 6139 del 1969, il Prospex Gli speedtimer sono azionati dal calibro 8R46 con frizione verticale e ruota a colonne.

  • Modello: Seiko Prospex Speedtimer 1969
  • Cassa/quadrante: 42,5 mm di diametro x 15,1 mm di altezza, cassa in acciaio inossidabile, quadrante blu
  • Impermeabilità: 100 m (10 bar)
  • Movimento: calibro 8R46, automatico, di manifattura, 34 rubini
  • Frequenza: 28.800 vph (4 Hz)
  • Riserva di carica: 45 ore
  • Funzioni: Ore, minuti, piccoli secondi, data, cronografo con secondi centrali e contatore dei 30 minuti
  • Cinturino: Bracciale in acciaio inossidabile
  • Prezzo/disponibilità: 3.200 euro versioni con bracciale in acciaio e 3.000 euro con cinturino in pelle.

La serie Calibro 8R

calibro 8R46

Questo nuovo Speedtimer è alimentato dal calibro 8R46, che, come l’originale nel 1969, include si una ruota a colonne che l’innesto verticale. Quest’ultimo elimina ogni vibrazione delle lancette, migliorando la precisione della misurazione, mentre la ruota a colonne garantisce un controllo preciso del movimento del cronografo.

Forse non il più attraente visivamente, dal momento che le funzioni del cronografo sono posizionate sotto il quadrante, il movimento è dotato di una ruota a colonne di alto livello e di un’architettura a frizione verticale. Battendo ad una frequenza di 4Hz, offre una riserva di carica di 45 ore. Oltre alle funzioni cronografiche, visualizza piccoli secondi e data.

Meccanicamente, la ruota a colonne è il modo in cui la funzione cronografo si impegna con la ruota motrice principale: quando si preme il pulsante di avviamento, la ruota a colonne ruota per attivare la frizione e innestare la complicazione. Questo è un metodo preferito in quanto reagisce istantaneamente a ogni pressione dello spintore, consentendo una maggiore precisione.

Una frizione verticale significa che la ruota motrice e il cronografo sono sullo stesso asse, come un disco su un giradischi, il che significa che non c’è usura o salti di tempo causati da denti non agganciati correttamente, come può accadere in un sistema orizzontale. La combinazione garantisce la migliore esperienza utente e precisione.

La parte tecnica non termina qui in quanto, il movimento utilizza l’esclusivo martello a tre punte di Seiko, che assicura che la posizione zero delle lancette sia perfettamente sincronizzata quando si preme il pulsante di ripristino.

Grazie all’uso della tecnologia MEMS, lo scappamento è leggero e resistente, migliorando la stabilità della precisione dell’orologio. Il movimento 8R46 è interamente progettato e assemblato a mano dai più abili orologiai di Seiko, garantendo il massimo livello di precisione e durata.

Seiko Speedtimer Chronograph 1969 SRQ043J1

Come approfondimento della collezione prenderemo in esame la Ref. SRQ039J1 lanciata nel 2022. La caratteristiche tecniche sono le stesse in tutti i modelli della collezione, ciò che cambia sono il design e i colori.

Seiko Speedtimer Chronograph

Lo sport è fondamentale per l’identità di questo Speedtimer, poiché si ispira a un orologio che faceva parte della collezione Seiko 5 Sport nel 1969. In particolare, si basa sull’orologio che ha introdotto nel mondo i cronografi automatici con ruota a colonne con frizioni verticali.

L’originale da cui è ispirato aveva un quadrante singolo a ore 6 con una complicazione day/date a ore 3, mentre il nuovo Prospex ha un layout bicompax con timer da 30 minuti, quadrante dei piccoli secondi e datario a ore 6.

Tuttavia, mentre il layout del Prospex Speedtimer Chronograph 1969 Re-interpretation SRQ043J1 è notevolmente diverso dal modello storico, rende omaggio alla colorazione originale. In particolare, un quadrante blu intenso con una lancetta del cronografo rossa e accenti bianchi per il tachimetro e la scala dei minuti. Anche gli indici quadrati hanno una somiglianza con l’originale, sebbene gli indici moderni siano più spigolosi.

Ha una cassa in acciaio inossidabile di 42,5 mm di diametro con una lunetta liscia e bordi spazzolati. Elegante nella sua semplicità. A questa estetica si aggiungono i pulsanti a pompa, utilizzati per azionare la funzione cronografo, che sono stati semplificati rispetto ai pulsanti a fungo dell’SRQ039J1.

Le piccole regolazioni migliorano la natura sportiva della Reinterpretazione del 1969, riflettendo lo sviluppo dello Speedtimer dal 1964 al 1969.

Seiko Speedtimer Chronograph 1969

Grazie a una finitura speciale, il quadrante cambia da blu navy a blu scuro a seconda dell’angolazione in cui lo si guarda osservato. Proprio come l’originale del 1969, ogni dettaglio di design di questo orologio è stato meticolosamente realizzato per garantire la massima precisione necessaria per misurare il tempo trascorso.

I contatori del cronografo e gli indici delle ore sull’anello esterno del quadrante sono bianchi per risaltare sullo sfondo blu. Le lancette del cronografo sono rosse per garantire una chiara lettura del tempo. La lancetta dei secondi del cronografo si piega leggermente verso il quadrante, portando la sua estremità il più vicino possibile agli indici delle ore ed estendendosi fino all’indicatore tachimetrico.

Le lancette dei minuti e delle ore, così come i bordi degli indici delle ore, sono rivestite di Lumibrite per garantire la lettura dell’ora anche in condizioni di scarsa illuminazione. I pulsanti sono evidenziati e visualizzati con un’ampia superficie superiore piatta per una maggiore sicurezza e precisione d’uso. La precisione ha ispirato il design di questo orologio in ogni modo.

Prezzo Seiko Prospex Speedtimer Chronograph 1969

L’orologio è dotato di un bracciale in acciaio inossidabile appositamente progettato per questa collezione. Il suo spessore e peso, uniti al baricentro basso della cassa, garantiscono stabilità del polso e un elevato livello di comfort.

Inoltre, questo orologio è dotato di un secondo cinturino in pelle con cuciture appositamente progettate per aumentare la durata del cinturino.

Seiko Prospex Speedtimer Mechanical SRQ037J1

Seiko SRQ037

La prima referenza Seiko che ha dato vita a un nuovo Prospex Speedtimer, cronografo alimentato dal calibro automatico 8R46, con innesto verticale e ruota a colonne è la SRQ037J1.

A ospitarlo è una cassa in acciaio che fa da cornice a un quadrante grigio antracite la cui texture richiama quella delle piste da corsa, mentre la lancetta dei secondi del cronografo e l’indicatore dei 30 minuti a ore 9 sono di colore giallo, la tonalità di tutti i dispositivi di cronometraggio usati da Seiko.

Progettato esclusivamente per questa edizione è il bracciale in acciaio, che può essere sostituito con un cinturino in pelle nera.

Seiko Speedtimer Automatic SRQ035J1

Seiko Speedtimer Automatic SRQ035J1

Entra a far parte della collezione Prospex di Seiko un cronografo ispirato nel design allo storico Speedtimer, cronometro con incrementi di 1/5 di secondo realizzato dal brand nel 1964.

Sul quadrante bianco risaltano gli indici numerici posti ogni 10 secondi, garantendo un alto livello di leggibilità, così come la lancetta dei secondi in nero che si estende fino agli indicatori del tachimetro collocati sul rehaut.

La facilità d’uso è assicurata dai grandi pulsanti concavi, caratteristica per cui il cronometro originale era rinomato. Motore dell’orologio è il nuovo calibro automatico 8R46, con ruota a colonne e innesto verticale. Con cassa e bracciale in acciaio (insieme a un secondo cinturino in pelle nera), è in edizione limitata di 1.000 esemplari.

Seiko Prospex SPEEDTIMER Mechanical Chronograph SRQ039J1

Seiko Prospex Speedtimer SRQ039J1

Seiko amplia la sua serie di cronografi Prospex Speedtimer con un nuovo quadrante blu in stile panda con sottoquadranti neri a contrasto

Il nuovo colore blu del quadrante è spazzolato verticalmente e presenta indici applicati con profili a doppia sfaccettatura e finiture lucide. Rispetto all’SRQ037, noterai che gli indici sono leggermente più corti e le lancette delle ore e dei minuti dalla punta acuta sono più smussate sulla punta. Sulla flangia nera interna, la scala non presenta più un tachimetro ed è ora una classica traccia di precisione di 60 secondi.

Il Seiko Prospex Speedtimer Chronograph SRQ039J1 è dotato di un cinturino in pelle di coccodrillo blu lungo 185 mm con una tripla fibbia pieghevole con rilascio a pulsante. .

Prezzo Seiko Prospex Speedtimer

Tutti i modello Seiko Prospex Speedtimer Chronograph 1969 con bracciale in acciaio hanno un prezzo di 3.200 euro.

Il prezzo al pubblico invece della ref. SRQ039 con cinturino in pelle è di 3.000 euro.

Il mio consiglio per acquistarlo è rivolgersi a rivenditori autorizzati o in alternativa ho trovato ottime proposte su Ebay (QUI PER CONSULTARE LE OFFERTE).

La corsa contro il tempo, come nasce il Seiko Prospex Speedtimer

Seiko Speedtimer 1969 calibre 6139

Sebbene tendiamo a ricordare il 1969 come l’anno in cui l’America vinse la corsa allo spazio e sbarcò un uomo sulla Luna, c’è stata un’altra corsa tra i produttori di orologi svizzeri per sviluppare il primo movimento cronografo automatico. Mentre Zenith e la coalizione Heuer/Hamilton/Breitling si precipitavano al traguardo, un altro contendente in Giappone, Seiko, stava anche sviluppando un movimento cronografo automatico con nome in codice 6139 con ruota a colonne e frizione verticale.

Tuttavia, il primo cronografo da polso di Seiko precedette di cinque anni il 6139 e fu introdotto nel 1964, giusto in tempo per le Olimpiadi estive del 1964. Contrassegnando il primo orologio da polso cronografo prodotto in Giappone, il calibro 5179 è stato sviluppato da Toshihiko Ohki e prodotto presso la manifattura Seikosha di Seiko a Suwa.

Collocato all’interno del Cronografo Corona da 38 mm del 1964, era un cronografo monopulsante con un’alta frequenza di 5,5 Hz, letture di 1/5 di secondo e nessun sottoquadrante. Invece di contatori secondari per registrare i tempi trascorsi, il Crown Chronograph si basava su una lunetta girevole nera con incrementi di 1 minuto.

Nel 2019, Seiko ha fatto un viaggio nella memoria e ha reso omaggio al suo Crown Chronograph del 1964 con il modello Presage Chronograph 55th Anniversary e un cronografo per commemorare il 50 ° anniversario del suo famoso calibro 6139 del 1969, il Prospex SRQ029.

Solo due anni dopo, ha rilasciato due cronografi meccanici Prospex Speedtimer SRQ035 e SRQ037 , per catturare l’aspetto dei suoi strumenti di cronometraggio ad alta precisione degli anni ’60. L’SRQ035, un’edizione limitata di 1.000 pezzi, ha catturato il minimalismo rigoroso di 1/5 di Seiko di un secondo cronometro portatile del 1964 con il suo quadrante bianco e segni neri e replicava i pulsanti a pistone dell’orologio da polso Crown Chronograph del 1964.

Sebbene il secondo modello, referenza SRQ037, condivida una cassa simile e un movimento identico al modello sopra menzionato, il look è più in linea con l’attuale collezione Prospex, proprio come il modello blu.

Dettagli
Seiko Speedtimer Mechanical Chronograph
Nome Articolo
Seiko Speedtimer Mechanical Chronograph
Descrizione
Il Seiko Prospex Speedtimer porta il nome dal primo cronografo automatico al mondo con ruota a colonne e innesto verticale, lanciato dalla Casa nel 1969. Il design (automatico in acciaio, prezzo al pubblico di 3.200 euro) si ispira a uno stop-watch a 1/5 di secondo, realizzato nel 1964 per il cronometraggio sportivo.
Autore
RecensioniOrologi.it
Recensioniorologi.it
Logo

Nessun commento ancora.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie