Zenith El Primero: Recensione, prezzi e storia delle migliori referenze

Il 1969 fu un anno impegnativo. Gli astronauti hanno portato gli orologi sulla luna, Richard Nixon è stato eletto 37° presidente e il primo Woodstock in assoluto ha scosso i calzini di circa 350.000 hippy. Nel mondo degli orologi, Zenith ha lanciato il suo ormai iconico El Primero A386, un cronografo automatico dal significato orologiero con un design colorato che non potrebbe essere più degli anni ’60 se ci provasse. Da allora, Zenith ha avuto una sorta di traiettoria selvaggia.

Soffrì gravemente durante la crisi del quarzo, ma fu fortunatamente uno dei marchi in grado di uscire dalle ceneri. Come mai? Bene, perché ha prodotto praticamente il miglior calibro cronografo a carica automatica in circolazione, e quando sei il migliore, le cose hanno un modo per risolversi. Nonostante quell’abilità meccanica, l’A386 di Zenith era un design distintivo e appariscente che si distingueva in un mare di offerte monocromatiche di numerosi marchi dell’epoca.

Zenith El Primero Storia

calibro 3019 PHC

Zenith orologi 3019 PHC


Curiosità

Non è facile trovare uno dei primi El Primero, uno di quelli della fine degli anni ’60. Non è parimenti facile trovarlo in buone condizioni di funzionamento, non fosse altro per il mezzo secolo che è quasi passato e per la complessità nella manutenzione della sofisticata meccanica. Se però si ha la fortuna di trovarne uno in buone condizioni, allora è impossibile resistergli e investire qualcosa nel suo acquisto potrebbe rivelarsi estremamente interessante. Naturalmente, che nessuno si aspetti delle performance miracolose, perlomeno nel breve periodo. Nel lungo, invece, le soddisfazioni potrebbero diventare estremamente interessanti e remunerative.


Il mondo degli orologi meccanici ha sempre cercato una precisione sempre maggiore. La lettura dell’ora è, dopo tutto, la funzione centrale di qualsiasi orologio. Farlo con una precisione crescente è, probabilmente, il principio fondamentale della microingegneria dell’orologiaio. Ma da decenni c’è anche una ricerca parallela: per la registrazione meccanica sempre più accurata del tempo trascorso. È per questo che è stato inventato il cronografo, quando, quasi un secolo fa, nel 1923,

Gaston Breitling ha introdotto il primo cronografo da polso con pulsante stop/start. Con esso è arrivata un’estetica – quel quadrante ricco di informazioni, quei pulsanti giocosi – e un’associazione – il cronometraggio degli eventi, dai bombardamenti di artiglieria alle gare automobilistiche – che ha assicurato che il cronografo rimanga, nessuno escluso, la singola complicazione più popolare nell’orologeria maschile , uno che ci ha regalato icone di orologi duraturi come il Rolex Daytona o l’Omega Speedmaster. Le sue sfumature di mascolinità e di azione, nel 2021, sono sopravvissute a lungo alla sua effettiva funzionalità quotidiana nel mondo reale. Ci sono solo così tante uova perfettamente sode di cui un uomo ha bisogno.

Eppure gli orologiai vedono ancora la registrazione meccanica del tempo trascorso a livelli di precisione sempre più fini come un’attività degna di per sé. Solo un decennio fa Tag Heuer ha lanciato il suo Mikrogirder, un prototipo in grado di cronometrare gli eventi a 1/2000 di secondo, per il quale è stata necessaria l’invenzione di un sistema di regolazione completamente nuovo – e quindi i progressi dell’orologeria.

Calibro Zenith

Zenith El Primero Striking 10th

Ma quello era solo il punto finale – o forse semplicemente l’ultimo benchmark – di una corsa agli armamenti iniziata mezzo secolo prima. Fu allora che Zenith iniziò il suo lavoro segreto per sviluppare il primo cronografo automatico: la sfida di spremere sia la carica automatica che una funzione cronografica in uno spazio così piccolo come la cassa di un orologio da polso, avendo superato tutti i tentativi precedenti. Ecco l’offerta di un attore dell’industria svizzera di sentirsi ancora parte dei progressi tecnologici dell’epoca, per creare quella che alcuni hanno soprannominato la più grande invenzione orologiera del 20° secolo.

“Un cronografo automatico era considerato una sfida così grande perché, mentre potresti essere in grado di crearne uno aggiungendo un modulo, in un sandwich di complicazioni, rendeva l’orologio troppo spesso, quindi crearne uno richiedeva davvero un ripensamento completo del meccanismo, ” spiega Laurence Bodenmann, responsabile del patrimonio di Zenith. “Ma il movimento automatico esisteva da molto tempo e nel settore si sentiva generalmente che era strano che nessuno lo avesse aggiunto a un cronografo. Ricorda che i cronografi non erano un punto fermo delle collezioni della maggior parte degli orologiai fino agli anni ’50, ma la domanda era in crescita e nel settore si era accorto che era necessaria una versione automatica, una versione moderna e razionale. Ciò che è emerso nei prossimi anni è diventato materia di mito nel mondo dell’orologeria e sono state le origini del fascino duraturo degli appassionati di orologi per questa categoria di segnatempo.

Certamente quando El Primero di Zenith fu finalmente lanciato circa otto anni dopo, nel 1969, quattro anni dopo il previsto, molti nel mondo degli orologi rimasero scioccati. O almeno un consorzio di Breitling, Dubois Depraz, Heuer-Leonidas e Buren-Hamilton lo era, dal momento che questo supergruppo di specialisti della misurazione del tempo breve aveva anche lavorato in segreto dal 1966 per produrre un cronografo automatico. In effetti, l’esito di quello che è stato chiamato Project 99, il calibro 11, doveva essere lanciato – ahimè – meno di tre mesi dopo.

“Penso che in Zenith gli orologiai fossero più interessati a fare le cose in un modo nuovo, ma ovviamente per gli addetti al marketing essere i primi era un grosso problema”, ride Bodenmann. La scelta del nome di Zenith, El Primero, ha portato a casa il punto. Ma il soprannome era adatto dato il suo approccio pionieristico. Permetteva al bilanciere di oscillare a 36.000 battiti all’ora, una frequenza che a sua volta consentiva la misurazione del tempo trascorso fino a un 1/10 di secondo mai sentito prima – letteralmente un battito di ciglia – con rotore centrale, ruota a colonne e gli altri gubbins ora standard di un movimento automatico hanno subito una notevole impresa di miniaturizzazione. È stato un tale salto di qualità che il suo stesso movimento è ciò che si sarebbe trovato all’interno di leggende come la Daytona di Rolex per i prossimi 30 anni.

Al contrario, il calibro 11 del Project 99 – che avrebbe poi alimentato il Navitimer e il Chromomat, il Carrera e il Monaco, tra i numerosi classici più venduti – integrava un micro-rotore in una disposizione a sandwich che significava che la corona doveva essere posizionata sul lato sinistro della custodia. Abilmente, il consorzio ha aggirato questa idiosincrasia commercializzandolo come “il cronografo che non ha bisogno di carica”. Non importa che la corona sia laggiù, non ti serve comunque… Il calibro 11 è stato soppiantato da tempo, alimentando quello che sembra essere il nostro insaziabile appetito per i cronografi meccanici.

Ma l’El Primero è rimasto in produzione quasi continua fino ad oggi, sorprendentemente ancora il cronografo più accurato della produzione in serie, con versioni più recenti in grado di segnare il tempo trascorso a 1/100 di secondo. Sembra che non manchino le uova che devono essere bollite in modo molto preciso, anzi.

Alla scoperta degli orologi Zenith El Primero

La sua storia inizia “formalmente” il 1° gennaio del 1969 a Le Locle, nel Cantone svizzero di Nauchâtel. In quel giorno la Zenith presentava in maniera ufficiale il suo nuovo calibro 3019 PHC, ovvero in assoluto il primo movimento automatico con cronografo integrato al mondo. Il primo quindi, come anche ribadito dal suo soprannome ufficiale, quell’El Primero che da allora lo accompagna nella sua storia e nella sua evoluzione.

La forma dello Zenith El Primero anni 70 (stiamo parlando a questo punto naturalmente dell’orologio) cambia e assume la tipica fisionomia “a televisore”. Tra il 1971 e il 1972 viene prodotta la referenza A787, tonneau con anse coperte, valutata circa 1.500/2.000 euro. Seguirà fino al 1975 la referenza 01.0180.415, sportivo, sempre tonneau, ma con lunetta girevole unidirezionale. Invariata, rispetto al precedente, la stima. Nel 1978, in piena crisi del meccanico, il tonneau si trasforma in un rettangolo orizzontale (un vero e proprio televisore, manca solo il selettore per i canali…), con dei grossi pulsanti di forma e il quadrante colorato (referenza 01.0200.415). Sostanzialmente non indossabile oggi (a meno che non si disponga di tanto coraggio e di una Ritmo Cabrio…), la sua stima scende a circa 1.000/1.500 euro.

Quotazioni maggiori naturalmente vengono raggiunte dalle versioni con calendario completo e fasi lunari, dove possono anche essere superati i 4.000 euro se con cassa in oro. Il massimo della valutazione, con buona probabilità, viene raggiunto dalla Collezione 125°, realizzata in serie limitata e numerata nel 1990 per celebrare i 125 anni dalla fondazione della Casa, e contraddistinta da una particolare cura nelle finiture della cassa e del quadrante. In ogni caso, pur non potendo considerare certo El Primero come un “investimento economico” (sono ben altri i modelli che lo rappresentano), può e deve tuttavia entrare di buon diritto in una qualsivoglia collezione legata alla cronografia da polso, o più semplicemente alla modellistica rappresentativa della seconda metà del secolo scorso. Possederlo, comunque, saprà essere di grande soddisfazione per l’appassionato, che vi scoprirà un fedele quanto altamente preciso strumento per la misurazione esatta del tempo.

Zenith El Primero Chronomaster Sport

Zenith Chronomaster Sport

Il calibro El Primero 400 è un anacronismo, ma meraviglioso. Primo movimento cronografo automatico ad alta frequenza, è stato introdotto (insieme al Seiko 6309 e al calibro Breitling/Heuer/Buren 01) nel 1969 e, in modo piuttosto sorprendente, è persistito fino ai giorni nostri. Il design del movimento, tuttavia, è anche una reliquia del suo tempo: ad esempio, ci sono un numero di viti di dimensioni diverse, più di quelle che vedresti in un movimento progettato oggi, il che rende la produzione relativamente dispendiosa in termini di tempo, manodopera e costi . Il Chronomaster Sport, lanciato oggi da Zenith, utilizza un nuovo movimento: il calibro 3600, progettato per ridurre il numero di parti, sfruttare materiali e processi di produzione moderni e offrire una migliore funzionalità. L’orologio ha anche, a prima vista, una sorprendente somiglianza con il Rolex Daytona: esattamente quanto è vicina la somiglianza e se la vicinanza è problematica, lo spiegheremo a breve.

Il nuovo Chronomaster Sport attinge da un vocabolario di design consolidato. I contatori sovrapposti e la combinazione di colori risalgono all’El Primero A386 del 1969 e Zenith afferma che la configurazione generale della cassa è stata ispirata dai cosiddetti modelli “De Luca”. Questi sono stati prodotti a partire dalla fine degli anni ’80 e sono stati i primi orologi Zenith a utilizzare il calibro El Primero 400 dopo che il movimento è stato resuscitato – anche se in una configurazione altamente modificata – da Rolex, per il Daytona ref. 16520 (questo era il calibro 4030, il primo movimento cronografo automatico ad essere utilizzato nella Daytona).

Il De Luca non ha aperto nuove strade nel design del cronografo, con la sua cassa rotonda e pulsanti a pompa, ma è un orologio che sono sorpreso non abbia suscitato più interesse tra i collezionisti, poiché è nato in un momento significativo nella storia di Zenith e la storia del movimento El Primero: un design accattivante se non rivoluzionario. Oggi, la cassa Chronomaster è una parte consolidata del catalogo Zenith esistente, e anche il nuovo Chronomaster Sport non stabilisce nuovi paradigmi nel design del cronografo, ma è un bell’esempio moderno di orologio vintage adiacente, che fa molto al giorno d’oggi

A 41 mm e sul cinturino in acciaio, sembra una solida aggiunta alla gamma Zenith e un’aggiunta attraente, se non immediatamente avvincente, alle offerte di cronografi El Primero dell’azienda. Tuttavia, uno sguardo ravvicinato alla cornice ti suggerisce che c’è di più sotto il cofano di quanto sembri prima. La lunetta del Chronomaster Sport è contrassegnata con incrementi di 1/10 di secondo e la lancetta centrale del cronografo gira una volta ogni dieci secondi. Ciascuno dei segni di graduazione più piccoli rappresenta un decimo di secondo.

L’El Primero 3600 è un nuovo movimento per Zenith e la versione più recente del calibro originale El Primero: Zenith lo ha utilizzato in una manciata di edizioni limitate ( incluso un 50th Anniversary LE ), ma il nuovo Chronomaster Sport è il primo Zenith di produzione regolare a usalo. Anche se a prima vista sembra quasi identico a El Primero 400, ci sono stati alcuni importanti aggiornamenti tecnici.

Nel diagramma sopra, il meccanismo di azionamento del cronografo per El Primero 400 è a sinistra e quello per 3600 a destra. Il 400 è una configurazione tradizionale: la 4a ruota del movimento (la marcia gialla inferiore) aziona la ruota motrice e la ruota di accoppiamento (le due marce gialle superiori). Quando il cronografo è attivato, la ruota di accoppiamento cade a contatto con la ruota centrale del cronografo e il cronografo inizia a funzionare, con la lancetta centrale del cronografo che gira intorno al quadrante una volta al minuto.

Nel calibro 400, la lancetta avanza ogni decimo di secondo. Se ti piacciono i cronografi, lo riconoscerai come un classico meccanismo cronografico a frizione laterale con ruota a colonne. Il calibro 3600 impostato sembra superficialmente lo stesso, ma se guardi da vicino, vedrai che le ruote motrici e di accoppiamento del cronografo non sono azionate dalla quarta ruota. Sono invece azionati da un pignone sulla ruota di scappamento (la ruota con i raggi a forma di stella a sinistra). Guidare il cronografo fuori dalla ruota di scappamento è ciò che consente al calibro 3600 di misurare incrementi di 1/10 di secondo – per quanto ne so, questo è uno dei pochissimi cronografi da 1/10 di secondo a utilizzare un unico sistema oscillante per entrambi i cronografo e il treno principale.

Zenith El Primero 1969

Le alte pretese per quest’orologio, fecero si che invece di uscire in commercio nel 1965, El Primero, uscisse in commercio nel 1969. Ci vollero per la costruzione dell’orologio, più di 2500 operazioni, il lavoro assiduo di 300 esperti e più di 18 tipologie di metallo. Così questo cronografo usci il 10 gennaio del 1969, accompagnato da prestazioni eccezionali che lo videro animato da due movimenti differenti, il 3019 PHC per il cronografo realizzato con datario, e il 3019 PHF per il cronografo con datario e rilevamento delle fasi lunari.

Purtroppo, però, gli anni ’70 rappresentarono senza dubbio il periodo più nero dell’industria svizzera, e quindi i primi veri riconoscimenti furono raccolti soltanto con la naturale rinascita del mercato orologiero, avvenuta a partire dagli anni ’80.

Primo cronografo automatico integrato, El Primero racchiude alcune soluzioni tecnologiche assolutamente avveniristiche, sia relativamente all’epoca in cui fu progettato e realizzato, sia rispetto alla produzione odierna. In primo piano naturalmente lo scappamento Clinergic 21, studiato appositamente per l’alta frequenza, con ruota a 21 denti al posto dei tradizionali 15, impegno totale di 6/7 centesimi di millimetro, contro i normali 15, lubrificazione a secco con polvere di Bisolfuro di Molibdeno.

Questo particolare lubrificante crea tra i metalli che vengono a contatto un effetto simile a un microscopico cuscinetto a sfere. Il bilanciere in Glucydur, con spirale piana autocompensante di prima qualità e una frequenza di 36.000 alternanze/ora, che permetteva la misurazione dei tempi cronografici con la precisione del decimo di secondo.

Il sistema di ricarica automatica ad alta efficienza, integrato con il movimento e con ricarica nei due sensi, disponeva di un rotore scheletrato nella parte centrale, montato su di un cuscinetto a 6 sfere e dotato di un segmento esterno in carburo di tungsteno, che ne aumentava l’efficienza.

La sua riserva di carica massima era di circa 56 ore in condizioni di utilizzo normale, che diventavano 52 con il cronografo sempre in funzione. Lo smistamento delle funzioni cronografiche era garantito da una “classica” ruota a colonne, realizzata con 7 colonne e con un rocchetto a 14 denti. Tutte le leve di azionamento erano poi di disegno e costruzione esclusiva Zenith. Tre le varianti disponibili, una per così dire “storica” è sicuramente il calibro 3019 PHF con calendario completo e fasi lunari.

Zenith “Chronograph, Automatic, El Primero”,

Zenith “Chronograph, Automatic, El Primero”, Ref. SP 1205, dell’inizio degli anni ‘70. A destrA: Zenith “El Primero, Chronometre”, Ref. 0240. 410, cassa acciaio, realizzato alla fine degli anni ’90.

Lo Zenith El Primero, oltre ad offrire due cronografi eccezionali con movimento automatico, diede anche spazio a nuovi canoni estetici che lo differenziavano dagli altri modelli in commercio. Infatti, mentre le altre case orologiere giocavano sul tono su tono, Zenith creo un quadrante che vedeva un crescendo di colori, passando a contrasto dai colori più chiari per i contatori dei secondi, a quelli medi per i contatori dei minuti, alla tonalità più scura per i minuti.

La scala di colori utilizzata dall’azienda fu combinata dai colori del grigio chiaro, antracite e blu. Dopo quarant’anni dall’ideazione di questo Zenith anni settanta,e messa in commercio, quest’orologio viene considerato ancora uno dei cronografi più precisi al mondo, grazie alla sua capacità di misurare il tempo anche fino al decimo di secondo. 

Presentato nel 2010 a Basilea, il cronografo El Primero Striking 10th rappresenta il grande ritorno di Zenith ai valori tecnici che hanno decretato il successo del marchio. In questa fortunata versione la novità è la leggibilità dei decimi di secondo, vale a dire delle pulsazioni di questo straordinario movimento. Uno sviluppo che costituisce un’eccezionale evoluzione del principio della lancetta foudroyante, a dimostrazione di un netto ritorno ai valori dell’orologeria.

Il movimento montato sullo Striking 10th del 2010 è il El Primero calibro 4052B. Sua caratteristica distintiva è che la lancetta cronografica effettua una rotazione completa in 10 secondi e ciascuno dei suoi scatti indica con estrema precisione il decimo di secondo grazie alle 100 dentellature incise sul quadrante.

ZENITH EL PRIMERO Calibro 4052b

Il movimento El Primero calibro 4052B montato sullo Striking 10th del 2010. Sua caratteristica distintiva è che la lancetta cronografica effettua una rotazione completa in 10 secondi e ciascuno dei suoi scatti indica con estrema precisione il decimo di secondo grazie alle 100 dentellature incise sul quadrante.

Nel 2012 Zenith presenta l’El Primero Chronomaster 1969, un concentrato genetico dei modelli più interessanti che lo hanno preceduto: i colori storici del primo cronografo El Primero vengono associati all’emblematica apertura del quadrante sul bilanciere, firma della manifattura.

Nel 2014, Palazzo Serbelloni a Milano ospita la presentazione di El Primero Stratos Sprindrift Racing, cronografo dedicato alla regata di 3.500 miglia in solitario tra St. Malo e Pointe-à-Pitre.


Curiosità: La realizzazione di un movimento El Primero prevede:

  1. lavori della durata simbolica di 9 mesi durante i quali 20 esperti orologiai alternano competenze differenti per sviluppare e creare il movimento;
  2. non meno di 5.500 operazioni complessive;
  3. 50 diversi tipi di lavorazioni per la creazione del quadrante;
  4. 77 altri tipi di lavorazioni per i ponti;
  5. da 5 a 50 operazioni per ogni componente;
  6. l’utilizzo di 18 tipi di metallo per la versione classica.

Le caratteristiche tecniche di un calibro unico

zenith el primero chronomaster

Zenith 410

El Primero, ha un cronografo tra i migliori al mondo e un movimento che gli permette di considerare il suo calibro quasi leggendario. Il calibro, ha un modulo giroscopico chiamato Gravity Contrl, inoltre questo calibro si distingue da altri per la sua cadenza di 36.000 mila alternanze l’ora.

Zenith EL Primero Moonphase 18.2091.410/01.C494
  • Produttore: Zenith, modello: El Primero, Referenza: 18.2091.410/01.C494
  • Cronografo.

La sua precisione è accompagnato da un movimento con il più alto numero di oscillazioni e con le più piccole variazioni nel tempo, a causa dei fattori esterni. La carica dell’orologio ha una riserva di oltre 50 ore, mentre il calibro integrato realizzato per El primero, fornisce la più precisa interpretazione del cronografo, con una delle realizzazioni più incredibili e precise al mondo che ancora oggi lo fanno apprezzare dagli amanti del cronografo. 

Calibro Zenith

Striking 10th

Il calibro El Primero inoltre, ha visto la costanza dell’azienda negli anni, per la sua evoluzione e il suo perfezionamento, ad oggi si contano ben 23 versioni differenti del cronografo El Primero, anche se il migliore di tutti per la sua precisione, la sua storia e il suo valore è considerato lo Zenith El Primero Striking 10th, spesso infatti gli appassionati di orologi sono molto indecisi fra l’acquisto di uno Striking 10th è un cronografo Rolex come il Cosmograph Daytona, sicuramente entrambi hanno un’eccezionale valore per le loro prestazioni uniche.

Cronografo automatico El primero Flyback

El Primero Lightweight

Una versione più sportiva e maggiormente alleggerita di El Primero è il Lightweight quest’orologio è una versione esclusiva di El Primero Striking 10th, ed è realizzato con materiali high tech che gli danno una leggerezza unica. In edizione limitata con solo 100 esemplari questo orologio vanta di avere la prima cassa in Carbonio realizzata per un orologio Zenith.

Questo è un modello di Cronografo automatico El primero Flyback con indicazione di decimi di secondo, il prezzo di questo orologio è di circa 15.000 mila euro.

La pagella

L’acquisto di un El Primero è sempre una buona scelta, sia che si tratti di un vecchio modello anni ’70 che di uno degli ultimi di realizzazione recente. Si tenga però sempre a mente che le versioni moderne sono molto più affidabili di quelle precedenti. Immutata la piacevolezza al polso e la costruzione generalmente di alto livello. A questo proposito, le maggiori soddisfazioni verranno regalate proprio dalla produzione più recente, quella del periodo post-Nataf (Thierry Nataf, ex Ceo del marchio), quindi a partire dal 2010. I modelli recentissimi, infatti, esprimono al meglio lo stile classico Zenith e la ricerca di una meccanica di altissima precisione.
Costruzione ◉◉◉◉◎
Movimento ◉◉◉◉◉
Prezzo ◉◉◉◎◎
Valore nel tempo ◉◉◉◎◎
Portabilità ◉◉◉◉◉
Reperibilità ◉◉◉◎◎

Orologio Zenith El Primero Rainbow

Il prezzo di uno Zenith Rainbow è di circa 3000 mila euro. Un El primero original 1969, può costare anche sui 15,000 mila euro, l’El primero Moonphase Gold in oro 18 ct. invece ha un prezzo che oscilla sui 9000 mila euro.

I modelli El Primero sono veramente tantissimi, per questo motivo potete considerare di poter ottenere un ottimo cronografo a partire da una base di prezzo al di sotto dei 2000 mila euro. Infatti, a parte per alcuni modelli in edizione limitata e i primi modelli del 1969, gli orologi Zenith rispetto a marchi come i Rolex, subiscono una svalutazione più veloce nel prezzo di mercato, questo però non indica che il valore effettivo dell’orologio sia sminuito, perché nonostante la sua discesa di prezzo dopo l’acquisto, un cronografo El primero, rimane sempre uno dei migliori cronografi al mondo.

El Primero 36.000 Vph

El Primero 36000 VpH Ref. R576

Cassa in alluminio ceramizzato nero (42 mm di diametro), impermeabile fino a 10 atm. Movimento automatico, di manifattura, ad alta frequenza, con ruota a colonne, secondi continui, datario e certificato ufficiale di cronometro (Cosc). Quadrante soleil, réhaut con scala tachimetrica

Orologi Zenith El primero prezzo

zenith El primero original 1969

Il prezzo degli orologi El primero Zenith varia a seconda dei modelli, si possono trovare anche usati, a un prezzo minore, naturalmente se si decide di acquistare un cronografo usato, è bene controllare di persona la sua funzionalità, la data dell’ultima revisione, la confezione e la ricevuta d’acquisto.

Per darvi un’idea vi mostrerò alcune referenze tra le più interessanti con i prezzi.

Defy El Primero 21 (2017)

Zenith Defy EL Primero 21 95.9002.9004/78.R584
  • Produttore: Zenith, modello: Defy, riferimento: 95.9002.9004/78.R584
  • Cronografo
Zenith Defy EL Primero 21 95.9002.9004/78.M9000
  • Produttore: Zenith, modello: Defy, riferimento: 95.9002.9004/78.M9000
  • Cronografo.

 

E’ in grado di misurare il centesimo di secondo il nuovo Defy Primero 21, grazie alla lancetta al centro che compie un giro del quadrante in un secondo. Sul quadrante, a vista sul movimento, troviamo anche l’indicazione dei secondi crono (al 6), dei minuti crono (al 3) e della riserva di carica lineare (al 12), pari ad almeno 50 ore (l’autonomia per la misurazione cronografica è di 50 minuti).

Il movimento che lo anima, calibro El Primero 9004 (203 componenti, 53 rubini, 36.000 alternanze/ora, cronometro Cosc), è dotato di due spirali, realizzate in un composito di nanotubi di carbonio a matrice di carbonio, nuovo materiale brevettato, insensibile ai campi magnetici e ai gradienti di temperatura. La cassa è in titanio da 44 millimetri di diametro ed è impermeabile fino alla pressione di 10 atmosfere. Prezzi da 9.700 a 11.500 euro

Zenith Defy El Primero 21 Brushed Titanium (2018)

Qualche anno fa Zenith ha presentato il Defy El Primero 21, in grado di misurare il centesimo di secondo grazie alla lancetta centrale che compie un giro del quadrante in un secondo.

DEFY El Primero 21 | Zenith

Il movimento, il calibro El Primero 9004, vanta una frequenza di 360.000 alternanze/ora (50 Hz), dieci volte quella del suo celebre predecessore del 1969. Quest’anno la Casa, allontanandosi dal caratteristico quadrante scheletrato, offre una nuova variante con quadrante argentato chiuso e non a vista sul movimento, che presenta indicatori neri a contrasto (60 secondi crono al 6, 30 minuti crono al 3, piccoli secondi al 9) e riserva di carica del cronografo al 12. La cassa è in titanio spazzolato da 44 millimetri di diametro. Prezzo: 11.100 euro.

  • Approfondimenti a cura de l’Orologio- La macchina del tempo
Dettagli
Data Recensione
Nome Orologio
Zenith El Primero
Autore
51star1star1star1star1star

Nessun commento ancora.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie