Henry Jay Orologi

Oggi andiamo a recensire un orologio. anzi una linea di orologi, che sono venuto a conoscenza grazie ad alcuni utenti e che a quanto pare stanno ricevendo buoni risconti e un discreto successo, non facile di questi tempi. Nel dubbio ho deciso di scrivervi questa recensione ma solo alla fine avrete il mio Feedback.

Sto parlando degli orologi Henry Jay, la quale linea presenta diverse referenze:

Henry Jay HJ2001

Henry Jay HJ2002

Henry Jay HJ2003

Henry Jay HJ2005.1

Henry Jay HJ2005.2

Recensione Henry Jay orologio

Recensione Henry Jay

Si tratta di una linea dal look molto appariscente, a tratti forse pacchiano, ma con uno stile proprio, un homage al Rolex Submariner Blu, di ottima qualità e dedicato esclusivamente ad una clientela maschile, ma con la referenza HJ2003 dedicato anche al pubblico femminile.

Sono orologi diver, perfetti cioè per chi non vuole preoccuparsi di togliere l’orologio in acqua o di immersioni subacquee professionali, grazie ad una resistenza fino a 100 metri.

Abbiamo le versioni economiche con referenze HJ2001 e HJ2005.2 con sistema Henry Jay Specialty Speciality Miyota e le altre referenze con movimento automatico.

Design Henry Jay Aquamaster

Entriamo ora più nello specifico nei modelli e vediamo come si presentano alla vista di un possibile acquirente. Ma per scelta prenderò in considerazione il modello con Referenza Henry Jay HJ2001, in modo da farci un’idea specifica.

Se amate passare inosservati sicuramente allora non prendete in considerazione questi modelli.

L’orologio è realizzato in acciaio Inox e tutti con quadrante blu elettrico, con finitura opaca contrapposto ad indicatori e lancette di color bianco platino, totalmente dorato o in acciaio. Il tutto è rifinito con indici applicati dorati o in acciaio a seconda del modello.

Già questo li rende molto appariscenti, ma non è ancora finita qui!

Cinturino Henry Jay

La finitura che spicca di più infatti è quella del cinturino. Ammetto che non mi dispiace ad esempio quella della Henry Jay HJ2001, realizzato in maglie di acciaio inossidabile all’esterno e con maglie di oro 23 K quelle al centro. Lo stile dei colori richiama “teoricamente” quello del Jubilee classico.

La chiusura è deployante ed è realizzata sempre in acciaio inox. E’ presente anche un gancio di sicurezza per evitare che l’orologio possa sganciarsi liberamente ed essere perso.

Sempre rimanendo sulla referenza HJ2001, fa particolare effetto il contrasto tra blu elettrico e oro del cinturino.

Recensioni del Peso, dimensioni e caratteristiche della cassa

Il suo essere sgargiante è anche amplificato dalle dimensioni generose di tutte le sue parti: dalla cassa al cinturino, tutto è realizzato in acciaio molto spesso.

Come potrete ben immaginare il peso di questo orologio è elevato, ciò può essere dedotto già solo dalla quantità di materiali usati nella sua realizzazione e dal fatto che il cintuirno non è il classico in pelle ma bensì è anch’esso in metallo.

Sollevandolo sentirete che pesa tanto, non è quindi proprio il massimo tenerlo sul polso tutto il giorno, potreste sentirvi affaticati.

Il peso ad esempio del modello HJ2001 (ricordo essere il modello più economico) è infatti di 159 grammi.

Diamo adesso un po’ di numeri per questa referenza: la cassa realizzata in acciaio inox ha un diamtero di 40 mm e uno spessore davvero notevole, di ben 13 mm. Ciò rende Henry Jay HJ2001 dall’aspetto molto massiccio. Il bracciale invece ha una larghezza di 20 mm. Il vetro protettivo è anti graffio e realizzato in cristallo minerale.

Continuando ad analizzare il look dell’orologio possiamo individuare all’esterno della cassa la corona a vite, anch’essa di dimensioni generose, ovviamente anch’essa è dorata in contrapposizione al colore acciaio della cassa.

Sopra la cassa è presente una ghiera unidirezionale che combina le due tonalità principi del modello: oro e blu.

Il meccanismo

Henry Jay prezzo

Entriamo ora nel cuore dell’orologio, analizziamo il meccanismo! Come già citato in apertura di articolo questo Henry Jay HJ2001 è dotato di un meccanismo Henry Jay Specialty Speciality Miyota dalla buona affidabilità e precisione. Si tratta di un meccanismo al quarzo base che richiede poca manutenzione. Inoltre è presente anche un datario che per essere meglio letto sul quadrante ed è realizzato in classici colori nero e bianco con numeri arabi.

Il movimento automatico degli altri modelli dovrebbe essere di tipo Giapponese di casa Seiko. Non ho avuto riscontri ma credo sia un NH35, anche se qualcuno lo possiede sarei felice di avere una conferma.

Questo orologio è un diver, è cioè perfetto per tutti coloro che amano fare immersioni. Si tratta di un modello professionale per subacquea con resistenza certificata dalla casa costruttrice fino ai 100 metri di profondità.

Non dovrete temere quini infiltrazioni di acqua grazie ai materiali con cui sono costruiti. L’acciaio inox infatti resiste senza alcun problema all’acqua salata e, grazie al vetro antigraffio, è molto resistente anche ai colpi accidentali.

Assai comoda durante le immersioni risulta la ghiera unidirezionale per contare il tempo passato in immersione. L’unidirezionalità permette di non doversi preoccupare di sbagliare lato di rotazione della ghiera e avendo sempre a portata di mano indicazioni esatte.

Henry Jay Prezzo

E ora veniamo al prezzo. Il modello più economico è l’Henry Jay HJ2001 e costa 80 euro!

Si tratta di un prezzo accettabile se rapportato alle funzionalità e alla qualità.

Opinioni

E per finire il mio giudizio finale. Per me è no!

Se cercate orologi simili ai Rolex, a mio avviso esistono modelli molto più interessanti e di qualità dimostrata. Ad esempio l’Invicta 8926OB è di un livello superiore e cosa poco di più.

Nel complesso però l’orologio risulta piacevole alla vista e permette una facile lettura del quadrante. E’ molto resistente per via dei buoni materiali utilizzati nella sua costruzione.

Spero che questa recensione vi sia stata utile. Carmine.

Altri articoli
Venezianico con quadrante Ultrablack, capace di assorbire il 99,4% della luce. Scopriamo i modelli Redentore e Nereide

Venezianico, un nome che inizialmente può sembrare enigmatico, ma che viene prontamente chiarito una volta compreso come nasca dalla fusione di “Venezia” — città rinomata per le sue antiche tradizioni nell’arte orologiera — e “meccanico”, termine che evoca la precisione tecnica e l’abilità manuale necessarie per assemblare minuziosi ingranaggi. Un’occhiata ai nuovi modelli Ultrablack è sufficiente per dissipare ogni incertezza e riconoscere quanto l’ispirazione veneziana abbia giocato un ruolo cruciale nello sviluppo del loro design.

Leggi Tutto »
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.