Tudor Black Bay GMT “Opaline”: recensione della versione Albino

Svelato a marzo 2023 al Watches & Wonders, il Black Bay GMT "Opaline" si distingue come uno dei pezzi più emblematici della collezione Tudor per i viaggiatori, grazie al suo quadrante opalino di colore bianco/argentato, che potrebbe implicitamente omaggiare il Rolex GMT-Master "Pan Am". Una variante del suo predecessore nero, il Black Bay GMT con il suo nuovo quadrante, incarna la tipica filosofia Tudor di alta qualità a un valore eccezionale, e al contempo gioca con un cenno storico al leggendario, e a volte dibattuto, GMT-Master "Pan Am". Pur mancando di una dichiarazione ufficiale sull'ispirazione storica, il GMT "Opaline" rappresenta una sottile allusione che non mancherà di essere colta e apprezzata dagli affezionati della cronografia e della storia orologiera.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Il potere di trasformazione di un quadrante… Un concetto che ho rimarcato più volte, e il cambio a un quadrante bianco/argentati opalino del Black Bay GMT, svelato all’inizio di quest’anno durante Watches & Wonders, ne è la dimostrazione perfetta. Per lungo tempo, a mio avviso, questo orologio si è avvicinato un po’ troppo all’estetica del GMT-Master II “Pepsi” di Rolex. Tuttavia, Tudor sta attraversando un’era di maturazione. La fase adolescenziale sta cedendo il posto a scelte adulte e consapevoli. Questo nuovo quadrante bianco dona al Black Bay GMT un’identità propria, ma è l’aura che suscita ad essere di primaria importanza, un richiamo non dichiarato… Ciò che si ha di fronte è un tributo ad un orologio quasi mitologico, talvolta controverso ma estremamente ambito, noto come il GMT “Albino”…(anche se a me non piace questa terminologia).

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Il Tudor Black Bay GMT sfoggia un nuovo volto, e mentre alcuni potrebbero minimizzare, sostenendo che è solamente un cambio cromatico, oggettivamente parlando, siamo di fronte allo stesso modello in una nuova tonalità. In circostanze normali, questo dettaglio non spingerebbe oltre la narrazione, preferendo invece concentrarsi sulle caratteristiche tecniche, vantaggi e svantaggi, per poi concludere la discussione. Tuttavia, il quadrante di questa recente variante del BB GMT narra una vicenda da raccontare, una storia che né Tudor né il Gruppo Rolex ammetteranno apertamente, ma che non manca di fascino. Nell’ambito dei Rolex vintage, ci imbattiamo in alcune rarità… Immaginate il quadrante bianco “Polar” dell’Explorer I, il cronografo Split-Seconds 4113 o il Daytona “Paul Newman” di dell’attore stesso. E poi esiste il Rolex GMT-Master “Albino” Referenza 6542, così battezzato per il suo distintivo quadrante bianco, l’unico tratto che lo differenzia dal convenzionale 6542 con quadrante nero e lunetta Pepsi in bachelite.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Il raro GMT-Master di prima generazione con quadrante bianco è noto in pochi esemplari e attorno alla loro autenticità aleggiano dibattiti incessanti. Nonostante le incertezze sulla sua origine, il GMT Albino è diventato un pezzo leggendario, quasi iconico, che molti collezionisti hanno solo osato sognare di ammirare dal vivo. E c’è stato, naturalmente, un palpabile desiderio collettivo che Rolex presentasse un quadrante bianco nella sua contemporanea versione in acciaio del GMT-Master II Pepsi (con l’alternativa più vicina rappresentata dal modello 126719BLRO in oro bianco con quadrante meteorite). Quest’anno, il sogno non si è avverato sotto l’egida di Rolex, ma si è concretizzato tramite un Tudor. Ciò non equivale a un riconoscimento ufficiale dei GMT Albino vintage da parte di Rolex, e sarebbe prematuro suggerirlo. Ciò nonostante, Tudor ha reso realtà l’Albino GMT moderno, e ancora una volta offre agli appassionati di orologi quello che Rolex si astiene dal fare: pezzi con un’anima vintage e dall’estetica iconica, proprio come il Black Bay Pro dell’anno scorso che ha evocato l’essenza del primo Explorer II.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Ed ecco l’elemento distintivo, il tocco di fascino in più. Il particolare che impreziosisce il Black Bay GMT con il suo quadrante opalino bianco-argentato, donandogli un allure di desiderabilità che potrebbe surclassare (o no, secondo i gusti personali) la sua variante con quadrante nero. E per quanto riguarda l’orologio stesso? A dir la verità, non ci sono molte novità da segnalare. E qui, ammetto, si insinua una lieve delusione, forse sono troppo puntiglioso. Tuttavia, ci si poteva attendere da Tudor qualche modifica più incisiva nelle specifiche di questo modello. Abbiamo assistito a rinnovamenti significativi in altri lanci recenti, come il Black Bay rielaborato con una cassa affinata e un profilo più snello. Molti dei nuovi modelli si fregiano ora di un sistema di microregolazione integrato nella chiusura, di lancette rivisitate o di una corona rinnovata che si integra meglio con la linea della cassa. E non dimentichiamo il graduale passaggio ai movimenti Master Chronometer, un cambiamento che richiederà tempo per essere completato.

Eppure, Tudor non ha introdotto nessuna delle potenziali migliorie sopracitate e ha optato per conservare invariato il design del Black Bay GMT Opaline rispetto alla sua controparte nera. Non che questo ne pregiudichi la qualità, però avrei apprezzato la presenza di alcune novità tecnologiche insieme al nuovo quadrante, indubbiamente attraente. Facciamo una breve sintesi. Lanciato nel 2018 con un quadrante nero, in concomitanza con la reinterpretazione del GMT Pepsi da parte di Rolex (entrambi presentati a Baselworld nel 2018), il Black Bay GMT si colloca a metà strada tra un orologio da immersione e uno da viaggio – un abbinamento che ho sempre trovato efficace, creando uno degli orologi sportivi più versatili in circolazione.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Alloggiato in una cassa di acciaio abbastanza imponente da 41 mm, si allinea al design dei modelli Black Bay non GMT, con una corona di dimensioni maggiorate, smussature sulle anse e una lunetta girevole bidirezionale con indicazione delle 24 ore su un inserto in alluminio anodizzato blu e rosso “Pepsi”.

Anche se Tudor ha intrapreso la strada verso la sveltezza dei suoi segnatempo, il BB GMT mantiene un’impressione di solidità, con uno spessore di 14,5 mm, fianchi che alcuni potrebbero considerare eccessivi e una lunghezza complessiva di 50 mm da estremità ad estremità dell’ansa. Con la sua resistenza all’acqua fino a 200 metri, preserva il fascino rétro del vetro di zaffiro bombato che caratterizza la serie, ed è offerto con la scelta tra un cinturino in tessuto o un bracciale in acciaio con rivetti… tuttavia, manca dell’opzione di microregolazione T-fit sulla fibbia.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Non si riscontrano novità neanche sul piano meccanico: il cuore pulsante rimane il calibro di manifattura MT5652 fornito da Kenissi, robusto e ottimamente equipaggiato per la precisione di un cronometro, con l’aggiunta di una funzione GMT. E per chi se lo chiedesse, sì, è un GMT del tipo “flyer” o “traveller”, dove la corona permette di regolare l’indicazione dell’ora locale in incrementi di un’ora senza influire sul resto dell’orologeria.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

Il quadrante merita una menzione particolare. Nonostante l’entusiasmo suscitato dall’idea di un’estetica albina o polare su un GMT Pepsi, è importante sottolineare che non è semplicemente bianco. Presenta piuttosto una nuance bianco-argento opalina, il risultato di un processo galvanico che produce un effetto metallico con riflessi sottili e giochi di luce iridescenti. Questa tonalità, quando accostata al bianco immacolato del lume su lancette e infici, regala al quadrante un look contemporaneo e tecnologico, distante dall’aura vintage che si potrebbe attendere. Per questa edizione, lancette e indici hanno subito un trattamento di scurimento per esaltarne il contrasto. Il risultato è a mio avviso senz’altro accattivante, ma la bellezza è negli occhi di chi guarda.

Tudor Black Bay GMT “Opaline” recensione

In sostanza, ci troviamo di fronte a un modello già noto che si rinnova con un quadrante inedito, portando con sé i punti di forza e le debolezze preesistenti. Non va sottovalutato il suo notevole appeal: stiamo parlando del primo GMT Albino ufficialmente offerto dal gruppo Rolex. Questo dettaglio potrebbe sembrare trascurabile per alcuni, ma è proprio ciò che accresce esponenzialmente il suo fascino presso un pubblico ben definito di collezionisti e appassionati. Ed è indubbio che questo orologio si presenti con una ventata di novità, mantenendo l’elevato standard di qualità che contraddistingue i prodotti Tudor. È inserito nella collezione permanente, con un prezzo di 3.940 euro per la versione con cinturino in tessuto e di 4.250 euro per quella con bracciale in acciaio.

Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito ufficiale www.tudorwatch.com.

Altri articoli
DOXA SUB 300β Sharkhunter: una spettacolare combinazione di Ceramica Nera e Oro

Nel 1967, DOXA introdusse il SUB, un pioniere degli orologi subacquei professionali. La doppia scala della lunetta si ispirava alle tabelle della Marina Militare degli Stati Uniti per le risalite in sicurezza. Riconoscibile per il suo quadrante arancione, il SUB è stato indossato da numerosi subacquei, tra cui il famoso pioniere delle immersioni, Jacques Cousteau.
Il marchio svizzero presenta ora il SUB 300β Sharkhunter, un modello che combina la cassa in ceramica nera con la lunetta e la corona in oro 3N a 18 carati, ottenendo uno splendido look nero e oro che unisce resistenza e raffinatezza urbana.

Leggi Tutto »
Una risposta
  1. acquistato due anni fa quadrante nero sempre e costantemente in ritardo fino ad oggi poi nessun segno di vita pessimo orologio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.