Come prendersi cura di un orologio meccanico per evitare danni

Riscopriamo i fondamentali: come maneggiare un orologio meccanico per prevenire danni. Le linee guida e pratiche comuni per possedere e utilizzare un orologio meccanico

Come prendersi cura di un orologio meccanico per evitare danni

Possedere un orologio meccanico, indipendentemente dal suo valore, significa accettare un impegno: quello di curarlo attentamente. In questa guida condividerò alcune dritte per chi si sta avvicinando ora al mondo degli orologi, ma mi auguro anche di fornire spunti interessanti ai collezionisti più navigati. Vi invito quindi a condividere le vostre esperienze e suggerimenti nella sezione commenti qui sotto, in modo da arricchire ulteriormente la discussione.

Quelli che seguiranno sono consigli piuttosto universali. Sebbene molti movimenti moderni siano progettati per essere più resistenti ai problemi che seguiranno, è sempre prudente adottare queste buone pratiche con tutti gli orologi. Come si dice, meglio prevenire che curare, specialmente perché è facile commettere errori nel maneggiare l’orologio in momenti di distrazione, come un frenetico lunedì mattina.

Partiamo con alcuni suggerimenti per utilizzare l’orologio in modo sicuro, evitando di danneggiare il meccanismo o altri componenti essenziali. Senza ulteriori indugi, iniziamo!

Carica di un orologio meccanico: manuale e automatico

Carica di un orologio meccanico

Un orologio raggiunge la massima accuratezza quando la sua molla è completamente carica. In pratica, questo significa che un orologio con la carica al massimo funzionerà più precisamente di uno che è solo parzialmente caricato. Quindi, per garantire la massima precisione, è fondamentale caricare completamente gli orologi a carica manuale. Il processo di carica dovrebbe continuare fino a quando si percepisce una resistenza decisa, segnale che ulteriori tentativi di carica sono impossibili. È cruciale non superare questa resistenza, ma allo stesso tempo è importante non interrompere la carica troppo presto.

Un suggerimento poco diffuso ma utile è quello di caricare un orologio muovendo la corona avanti e indietro tra il dito indice e il pollice. Questo metodo consente di mantenere il movimento costantemente sotto controllo. Se si ruota la corona senza questa precauzione, il meccanismo può subire uno stress inaspettato e sgradevole al momento dell’arresto. Questa pratica potrebbe causare uno sforzo non necessario sul meccanismo. Anche se non dispongo di dati concreti che confermino un’usura significativa a causa di questo, adottare un approccio più delicato e sicuro non può che essere benefico.

Per gli orologi automatici, la situazione è leggermente diversa. Si possono caricare per quanto tempo si desidera, grazie alla presenza di una frizione nel meccanismo che evita il sovraccarico. Questo elimina la resistenza tipica che si avverte durante la carica manuale di un orologio. La carica manuale degli orologi automatici quindi, coinvolge le ruote del meccanismo in un modo che non avviene negli orologi esclusivamente manuali. In un meccanismo ben mantenuto questo non dovrebbe causare problemi. Nonostante ciò, per precauzione, è consigliabile caricare manualmente gli orologi automatici solo per avviarli e poi affidarsi al rotore per mantenere la carica.

Evitare di caricare l’orologio mentre lo si indossa

Evitare di caricare l'orologio mentre lo si indossa

Caricare un orologio mentre è indossato al polso può causare una tensione eccessiva sullo stelo di carica, che è l’elemento che connette la corona all’interno dell’orologio e funge da interfaccia tra la corona e il movimento. È importante tenere a mente che gli orologi automatici sono progettati per evitare la sovraccarica, quindi è inutile ruotare la corona quando sono al nostro polso.

Come menzionato in precedenza, un orologio a carica manuale inizierà a opporre una resistenza quando raggiunge la piena carica. In tale stato, tentare di ruotare ulteriormente la corona può rischiare di sovraccaricare e danneggiare il meccanismo interno. Di conseguenza, è consigliabile cessare il caricamento non appena si avverte tale resistenza. Il mio suggerimento, quindi, è di togliere l’orologio dal polso per caricarlo, evitando di farlo mentre si indossa, per garantire la corretta manipolazione e proteggere l’integrità dell’orologio.

Attenzione alla corona

Dopo aver completato la regolazione e la carica dell’orologio, è essenziale spingere la corona verso l’interno. Nel caso di corone a vite, assicurarsi di riavvitarle.

Abituarsi al meccanismo di avvitamento della corona potrebbe richiedere un po’ di tempo. È importante premere la corona verso l’interno e contemporaneamente ruotarla lontano da sé per agganciare correttamente la filettatura. Procedere con cautela e evitare di serrare eccessivamente la corona, poiché danneggiare le filettature potrebbe comportare riparazioni costose.

Regolazione della data

Regolazione della data

È importante prestare attenzione durante la regolazione della data sul proprio orologio. La maggior parte degli orologi viene fornita con un manuale d’uso, che spesso è anche disponibile online sul sito del produttore. In questo manuale, di solito, troverete indicazioni specifiche su come e quando regolare manualmente la data in modo sicuro. Nonostante la data cambi automaticamente intorno a mezzanotte, ci possono essere delle differenze a seconda del tipo di movimento dell’orologio.

Per regolare l’ora e la data su un orologio meccanico in modo sicuro, si consiglia di procedere unicamente in senso orario. Sebbene la maggior parte dei movimenti tolleri regolazioni in entrambe le direzioni, l’approccio più prudente è quello di imparare a regolarlo nel modo più sicuro. C’è un certo dibattito tra gli esperti riguardo al fatto che la regolazione antioraria possa causare usura superflua, soprattutto in orologi con calendari complessi. Pertanto, è preferibile optare per la sicurezza piuttosto che rischiare.

È fondamentale evitare di regolare la data di un orologio meccanico tra le 21:00 e le 03:00. Durante queste ore, le rotelle del meccanismo di cambio data potrebbero essere già attive. Regolare la data in questo lasso di tempo potrebbe, nel peggiore dei casi, provocare la rottura dei denti delle ruote. L’ideale sarebbe impostare l’ora al di fuori di questo intervallo e poi procedere con la regolazione della data, preferibilmente facendolo sempre in senso orario per evitare danni.

Non utilizzare la corona o i pulsanti dell’orologio mentre ci si trova sott’acqua

Non utilizzare la corona o i pulsanti dell'orologio mentre ci si trova sott'acqua

È fondamentale evitare l’uso di corone e pulsanti quando l’orologio è immerso in acqua o siamo a contatto con essa. Questa precauzione potrebbe sembrare banale, ma è facile incappare in un uso accidentale. Se l’orologio dispone di una corona avvitata, è prudente mantenerla in tale posizione durante la permanenza in acqua. Per quanto riguarda i pulsanti del cronografo, il loro utilizzo sott’acqua dovrebbe essere evitato a meno che l’orologio non sia specificamente progettato per resistere a tali condizioni, come nel caso di alcuni modelli quali il Seamaster 600M Chronograph.

Altri orologi, quali il Rolex Cosmograph Daytona e il Royal Oak Chronograph, sono equipaggiati con pulsanti del cronografo avvitati proprio per prevenire un utilizzo inopportuno sott’acqua. Anche se alcuni orologi con un buon grado di impermeabilità potrebbero sopravvivere a un’immersione dopo l’uso di corone o pulsanti, non esiste una garanzia assoluta contro i danni. Di conseguenza, è meglio non correre rischi inutili mettendo a repentaglio la funzionalità dell’orologio.

Attenzione al magnetismo

Prestare attenzione al magnetismo è cruciale per gli orologi meccanici. Questo problema, noto da tempo nel mondo dell’orologeria, riguarda la maggior parte degli orologi che sono suscettibili ai campi magnetici. Le leghe tradizionalmente usate nei meccanismi possono essere influenzate dal magnetismo, compromettendo la precisione del segnatempo. Spesso, di fronte a un orologio che perde significativamente in precisione (sopratutto modelli vintage), la prima operazione da effettuare è la smagnetizzazione, per la quale esistono appositi strumenti; gli smagnetizzatori non costano tanto e si possono acquistare anche su Amazon (qui per maggiori informazioni). Per contrastare il magnetismo, i produttori di orologi hanno lavorato per decenni.

In passato, una soluzione comune era l’uso di una cassa interna in ferro dolce, nota anche come gabbia di Faraday, come negli orologi IWC Ingenieur e Rolex Milgauss. Oggi, alcuni marchi, tra cui Rolex, Omega e Tudor, hanno adottato leghe speciali per le parti del movimento, rendendole resistenti al magnetismo e rendendo inutile la necessità di casse speciali. Anche altri marchi, come Oris con il suo calibro 400, stanno facendo progressi in questo settore. Se il vostro orologio non è dotato di queste tecnologie antimagnetiche, è importante mantenerlo lontano da dispositivi elettronici e elettrodomestici che generano campi magnetici.

Manutenzione periodica degli orologi

Manutenzione periodica degli orologi

La manutenzione periodica è cruciale per un orologio meccanico. È importante considerare che un servizio completo effettuato da un orologiaio qualificato può avere un costo notevole, arrivando a centinaia di euro. Ad esempio, una manutenzione da 500 euro su un orologio del valore di 6.000/10.000 euro potrebbe apparire ragionevole.

È importante sottolineare che la componente principale dei costi di manutenzione è rappresentata dal lavoro manuale. Di conseguenza, anche per un orologio il cui valore si situa nella fascia dei 700 ai 1.000 euro, le spese di manutenzione possono variare dai 300 ai 500 euro. Questo tipo di intervento si rende necessario generalmente ogni cinque o sette anni, rendendolo un elemento da valutare con attenzione e su cui basare decisioni consapevoli in anticipo.

Alcune persone scelgono di non sottoporre i propri orologi a controlli periodici, optando per attendere fino a un eventuale malfunzionamento. La scelta di mantenere o meno un regolare stato di manutenzione è naturalmente personale. E’ fondamentale essere consapevoli che, senza interventi regolari, un orologio inizierà a perdere in precisione e vedrà ridursi la propria riserva di carica nel tempo. Posticipare la manutenzione può portare a spese più elevate in futuro, a causa dell’aggravarsi dell’usura meccanica. Lo scopo della manutenzione programmata è minimizzare l’attrito tra le componenti e scongiurare un degrado significativo, assicurando così una durata prolungata e prestazioni affidabili dell’orologio.

Riflessioni Finali

Prima di condividere le vostre esperienze nella sezione commenti, sono consapevole che molti di voi hanno orologi che funzionano impeccabilmente da decenni senza seguire alla lettera questi suggerimenti. È vero, alcuni orologi possono avere intervalli di manutenzione più estesi e molti modelli tollerano regolazioni in senso antiorario senza problemi. Ma, il mio discorso è principalmente indirizzato ai principianti, a coloro che stanno appena iniziando e non hanno ancora sviluppato particolari abitudini nel mondo dell’orologeria.

Se vi riconoscete in questa categoria, è opportuno adottare fin da subito le pratiche più caute e sicure. Seguire i consigli sopra menzionati può essere un metodo efficace per evitare danni al vostro nuovo orologio meccanico.

Detto ciò, sono curioso di conoscere le vostre opinioni e suggerimenti. Quali consigli avete per coloro che sono già esperti in materia? Quali sono le migliori pratiche per possedere e mantenere un orologio meccanico? Condividete i vostri pensieri e consigli nei commenti qui sotto.

Altri articoli
I migliori Smartwatch Cinesi del 2024: la classifica dei migliori modelli

Negli ultimi anni, vista l’importanza acquisita dalle notifiche, sempre più utenti si sono avvicinati al mondo dei w. In più di un’occasione, infatti, risulta particolarmente utile gestire le notifiche direttamente dal polso piuttosto che utilizzare lo smartphone. Ma non solo, visto che questi dispositivi integrano numerose funzioni. Ecco perché in questo articolo vi proponiamo la nostra classifica dei migliori smartwatch cinesi.

Leggi Tutto »
2 risposte
  1. È vero che durante la notte è meglio fare riposare l’orologio Meccanico automatico, togliendo dal polso e appoggiandolo sul comodino ?

  2. Ciao Angelo, la decisione di togliere l’orologio di notte può dipendere dalle preferenze personali e dalla comodità, piuttosto che da una necessità tecnica specifica. Non c’è quindi nessun beneficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.