Quantcast
Home MarcheOrologi Rolex Rolex Daytona, la perfezione in un attimo.

Rolex Daytona, la perfezione in un attimo.

DALLE ORIGINI A OGGI DEL ROLEX DAYTONA. L’EVOLUZIONE E STORIA DI UN MITO

Lanciato nel 1963 e continuamente prodotto fino ai giorni nostri, il Cosmograph Rolex Daytona è un’icona, un cronografo da polso leggendario che ha ispirato diverse generazioni di appassionati di orologi. Progettato per il motorsport, la sua introduzione ha seguito la sponsorizzazione di Rolex della 24 Ore di Daytona, gara di endurance nata nel 1962 e oggi conosciuta come Rolex 24. Nel corso degli anni, il Daytona si è evoluto con sottili cambiamenti e miglioramenti funzionali, ma le sue principali caratteristiche estetiche sono rimaste coerenti grazie alla forza del suo design iniziale. Con il suo stile senza tempo, le sue perfette proporzioni e il suo pedigree da corsa, è ampiamente riconosciuto come l’ultimo orologio sportivo. L’attrattiva del modello è cresciuta negli ultimi anni, con molti risultati da record mondiali, inclusa la vendita di Phillips del Rolex di Paul Newman, “Paul Newman” Daytona, che ha raggiunto un record mondiale per il miglior risultato di sempre per un orologio da polso.

Daytona è un brand Rolex che deve la sua fortuna a tantissimi modelli. Per capire come questo marchio è diventato interessante dalla fine degli anni Cinquanta a oggi, ecco una carrellata dei modelli al top di questo brand.

Si parte con il Rolex Daytona International Speedway. Classe 1959, questo modello è veramente grande. Il segreto del suo successo è, ancora oggi, nell’anello di velocità e nella forma particolare.

Il carattere “possente” dei primi orologi non ne decretarono subito il successo che si ebbe, poi, nei decenni successivi, fino a oggi. Si pensava che questi modelli fossero talmente ingombranti da rovinare i vestiti, mentre non si badava a una grandissima innovazione per quei tempi: la possibilità di scegliere tra carica manuale e automatica.

Il nome, invece, derivava dal mitico circuito automobilistico, dove i primi modelli di Daytona, come il Cosmograph, risultavano tra i graditi omaggi per il pilota migliore in gara.

Il mito dell'orologio Rolex Daytona

Prima del Rolex Daytona: la Ref. 6238

Il modello 6238, invece, fu un vero successo. Per ben un lustro, questo orologio da polso Rolex Daytona tenne banco, grazie a scelte estetiche come il quadrante più piccolo.

Seguono il Cosmograph 6239 (con lunetta incisa, quindi semplice da identificare) e il modello 6241 (prezioso, in oro e lunetta nera. In entrambi, tutto poggiava sul calibro calibro 72B e sul movimento Valjoux. Anche all’interno, non mancavano gli elementi preziosi, come i 17 rubini e il sistema anti-shock. 

Il nero permetteva di giocare con l’oro e l’argento, ma non mancarono alcune scelte tecniche. Per esempio, le 200 unità per ora e la scala tachimetrica sulla lunetta. Rolex, all’inizio, inserì il marchio negli orologi da polso Daytona solo ai modelli inglesi, almeno fino al 1965.

Di quell’anno è la ref. 6240. Le novità di questo modello sono tre:

  1. Utilizzo del calibro 722, invece del 72B, mantenendo il movimento Valjoux;
  2. La sigla Oyster: il cliente sapeva di avere a che fare con un modello sportivo;
  3. Il serraggio a vite per i pulsanti.

Così, la ref. 6240 del Cosmograph evolve nel 1965 con i pulsanti del cronografo a vite, invece dei pulsanti a pompa del modello originale.

Rolex Daytona paul newman venduto all'asta per 15 Milioni di euro

Il modello Rolex Daytona Ref. 6239 appartenuto a Paul Newman è stato venduto a New York all’asta l’anno scorso per una cifra da capogiro. Infatti, la cifra è di 17.752.500 milioni di dollari (pari a 15.228.095 euro). L’orologio è stato venduto a un acquirente anonimo per telefono, 12 minuti dopo l’avvio dell’asta a colpi di cifre. Si tratta di un record per la storia dell’orologeria da polso.

Il Daytona Rolex degli anni ’60

informazioni sul rolex paul newmanLa versione Daytona Paul Newman, così chiamata perché il modello era in possesso del famoso attore nel film “Winning” (1969), presenta molte novità. La più evidente è la scala esterna al quadrante. Può essere in due colori: rosso, oppure in base ai contatori.

In più, la lavorazione a filets circulaires dei totalizzatori cattura l’attenzione, accanto alla grafica curata degli indici. Il “Paul Newman”, venduto recentemente all’asta da Phillips con Bacs & Russo a New York, è costato all’anonimo compratore ben 17.752.500 milioni di dollari (pari a 15.228.095 euro).

Un record, se si pensa anche che l’attore regalò questo modello all’allora fidanzato della figlia. Ora, il denaro appartiene alla fondazione a nome dell’attore.

A questo modello furono pure date caratteristiche “ufficiali” non reali. Per esempio, si parlava di quadrante tropicale o esotico.

LEGGI ANCHE: ROLEX PAUL NEWMAN

Rolex Daytona anni 70

Agli esordi degli anni Settanta, ritornarono i pulsanti a pompa. I due modelli, Ref. 6262 e Ref. 6264 avevano, però, il calibro 727. Solo verso la fine degli anni Settanta, Daytona scelse per le preziose Ref. 6263 e 6265 i pulsanti con serraggio a vite. La differenza è nella lunetta. La ref. 6263 ha la lunetta incisa, nell’altro modello è in plastica nera.

Questi modelli sono impermeabili fino a 100 metri. Si tratta di una vera innovazione per l’epoca. Se nei modelli in acciaio resta la sigla di riconoscimento Daytona, negli altri modelli c’è Cosmograph, merito anche del Certificato Ufficiale di Cronometro ottenuto dai modelli preziosi in oro.

Rolex Daytona Cronograph anni ’80

Nel 1988 il Daytona passa alla carica automatica. Il calibro è il 4030, derivato dal movimento cronografico automatico El Primero di Zenith. È certificato cronometro Cosc.

Nonostante molti dessero Daytona per morto, nel 1988 arriva la svolta. Merito della carica automatica e del calibro 4030. Infatti, il calibro deriva dal 400 di El Primero di Zenith. 

Si tratta del movimento migliore per quegli anni, con 28.800 alternanze all’ora. Come fare per ottenere questo risultato? Semplice. La carica automatica Perpetual con organo con bilanciere a inerzia variabile, accanto ai dadi di regolazione Microstelle e alla spirare a curva Breguet decretano questo successo di tecnica.

Le novità degli anni 2000

Daytona festeggiò gli anni 2000 con la Ref. 116520. Il movimento passò al 4130, ma senza fornitori. Proprio Rolex creò questo calibro, per evitare contraffazioni e una fornitura minore rispetto al previsto da parte di Zenith.

rolex 116520 prezzo

Il calibro 4130 di manifattura equipaggia il Daytona del 2000. Da quel momento, diventa la base per tutte le innovazioni dei modelli Daytona.

Come funziona il calibro 4130? Per l’innesto assiale, che serve per muovere la lancetta centrale, si utilizza un modulo impostato in anticipo da Rolex, che si può cambiare in caso di guasto. In più, c’è la ruota a colonne e la spirale brevettata Parachrom blu.

Questa spirale ha caratteristiche ben precise. Per esempio, mantiene la precisione anche se cade, c’è un campo magnetico particolare o una temperatura che cambia troppo velocemente. Il nuovo calibro permette anche una maggiore autonomia, che arriva a 72 ore per questo orologio.

Finalmente, compare anche il nome Daytona sul quadrante. Tra le scelte grafiche, c’è quella di mettere più in alto i contatori dei minuti e delle ore e più in basso (ore 6) quello dei secondi continui.

Infine, per il bracciare si usa la lega 904L, particolarmente nemico della corrosione. I quadranti possono essere dei colori: bianco, nero, madreperla rosa, argenté e in molti altri, per offrire un orologio gioiello, nello stile di Rolex.

LEGGI ANCHE: ROLEX 116520

I modelli più noti degli anni 2000 sono: la Ref. 116549, la Ref. 116509 e la variante in trama leopardata del 2004. Le tre referenze utilizzano elementi preziosi come l’oro bianco, la madreperla e la pelle di lucertola per la Ref. 116549.

Il più discusso fu, però, il modello Ref. 116509 leopardato, sostituito velocemente da un modello in oro con 38 diamanti e solo con quadrante e cinturino leopardati. Questo modello si riconosce anche per i 36 zaffiri sulla lunetta.

Verso il 2010 e oltre

Nel 2016, il Cosmograph Daytona in acciaio adotta una nuova estetica e va a sostituire la lunetta incisa nel metallo con la lunetta Cerachrom monoblocco in ceramica nera.

LEGGI ANCHE: ROLEX DAYTONA 2016

Nel decennio 2011, Daytona presenta diverse innovazioni stilistiche e grafiche. Prima di tutto, nel 2011 si parte con una lega oro e platino brevettata da Rolex per ottenere un effetto rosato. In più, si ottiene anche maggiore resistenza all’ossidazione.

Questo orologio da polso Daytona ha dalla sua anche la lunetta nera in ceramica con zaffiri per un effetto multicolore, il quadrante avorio e dettagli in oro (oltre alla cassa). Anche i contatori sono realizzati in una lega brevettata a base d’oro con effetto nero.

Recensione dei Rolex Daytona 2017

Il Daytona del 2017 con cassa Everose e lunetta Cerachrom in ceramica nera. Per la prima volta viene adottato il bracciale Oysterflex in elastomero rinforzato all’interno da una lama metallica.

Per i 50 anni di Daytona, nel 2013 nasce il modello completamente in platino. La lunetta è sempre in ceramica, ma stavolta è marrone. Il quadrante, invece, si presenta blu ghiaccio. Il platino si trova anche sulla ghiera e si ottiene tramite la particolare lavorazione PVD.

Tre anni dopo, Daytona riprende il modello del 1965, aggiungendo l’innovazione della lunetta in ceramica nera e un nuovo riconoscimento: la certificazione Cronometro Superlativo, ottenuta l’anno prima. Questa certificazione consente di rendere note alcune caratteristiche:

  • Precisione: errore di massimo -2/+2 secondi al giorno;
  • Carica automatica;
  • Impermeabilità;
  • Autonomia di tutto rispetto.

Infine, l’anno scorso Daytona presenta al pubblico il nuovo bracciale Oysterflex. Questo bracciale è resistente come uno in metallo ed elastico e comodo come uno in gomma. Il segreto è nell’elastomero che riveste le parti in metallo, oltre al sistema Easylink, che consente di regolare il bracciale senza problemi.

Gli orologi Daytona oggi

nuovo orologio Rolex Daytona presentato al Baselworld 2018

In alto la nuova versione gioiello del celebre Daytona, con cassa in oro Everose, diamanti e lunetta con zaffiri arcobaleno presenato al Baselwolrd 2018. I tradizionali contatori cronografici sono realizzati in Gold Crystals rosa. Sarà disponibile da ottobre, al prezzo di 90.200 euro.

Il Daytona oggi è un gioiello di tecnica e di grafica per l’orologeria da polso di lusso. Partito come un cronografo, oggi indica un ceto sociale, che lo sceglie per precisione certificata e riconoscibilità. D’altra parte, il Rolex Daytona ha uno stile affascinante, che non può che sorprendere ancora oggi e che sorprenderà anche in futuro.

 

Riassumiamo quanto letto fin’ora e scopriamo i modelli attuali

Riassumendo, avviamo visto che il Daytona nasce nel lontano 1963 con il nome di Oyster Cosmograph Daytona. Due le referenze iniziali: la 6239, caratterizzata dalla lunetta in metallo incisa, e la 6241 con lunetta nera e la scala stampata in bianco. Per entrambe, cassa in acciaio oppure in oro a 18 o 14 carati. Sarà invece solamente in acciaio la successiva referenza 6240 del 1965, la prima interamente impermeabile in quanto dotata degli innovativi pulsanti cronografici con un sistema di serraggio a vite. Cosa singolare, non furono inizialmente apprezzati dagli acquirenti a causa del loro ingombro. Bisognerà aspettare cinque anni e nel 1970 arriveranno le referenze 6262 e 6264, ancora una volta con i pulsanti a pompa, ma dotate di un nuovo calibro: il 727 di Valjoux. A partire dal mese di settembre di quello stesso anno, sarebbe stato possibile acquistare nei negozi Rolex i nuovi 6263 e 6265, realizzati sia in oro che in acciaio. Anche in questo caso la differenza tra le due referenze era sostanzialmente nella lunetta: in plastica nera con la scala stampata la prima, in metallo inciso la seconda. A queste seguiranno le Ref. 6270 e 6269, all’inizio degli anni ’80, le ultime prima della svolta in chiave automatica.

Di seguito un il Rolex Daytona indossato mio al polso:

Rolex daytona al polso

Daytona Rolex: il gusto della velocità unito ad un’unica raffinatezza.

Il primo Rolex Daytona, venne lanciato sul mercato, nel lontano 1963, il modello rinnovato è ancora una punta di diamante nel settore degli orologi. La perfezione e la precisione di questo modello sono dati dagli esperti dell’orologeria mondiale i maestri della Rolex. 

Cosmograph Daytona introdotto nel 1963

Cosmograph Daytona introdotto nel 1963

Il nome non è scelto a caso, infatti il movimento cronografico brevettato per questo orologio consente ai piloti la misurazione esatta della velocità fino ai quattrocento chilometri orari. Una caratteristica davvero impressionante per un “semplice” orologio.

La collezione Daytona Rolex 2017

Alla Fiera dell’orologeria di Basilea 2017 è stato presentato il nuovi Daytona in oro bianco, oro giallo e oro Everose. 

Una delle novità è data dal bracciale, non più in acciaio ma in elastomero (speciale gomma molto resistente alla’usura e alle sollecitazioni esterne); l’altra novità interessante è data dalla lunetta in ceramica di colore nero

Questi modelli sono dotati di movimento Rolex con calibro perpetual 4130. Per maggiori informazioni potrete leggere le nostra recensione cliccando di seguito: Rolex Daytona 2017

La collezione Rolex Daytona 2016

Nel 2016 la casa svizzera ha presentato il suo modello Rolex Daytona con Referenza 116500LN.

nuovo rolex daytona 2016

Questo a nostro avviso è uno dei modelli più belli della linea Daytona

Il modello con Ref. 116500LN è realizzato interamente in acciaio 904L e la cassa ha un diametro di 40 mm ed è caratterizzata a da una lunetta monoblocco in Cerachrom. Il bracciale è di tipo Oyster ed è sempre realizzato in acciaio; Il movimento monta un calibro 4130 di casa Rolex. Per maggiori approfondimenti potrete leggere la nostra recensione del Rolex Daytona 2016.

Le qualità del Cronograph Rolex Daytona

caratteristiche COSMOGRAPH DAYTONA

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, oro Everose. Fonte foto: Rolex.com

Sono innumerevoli i pregi di questo orologio, a partire dalla cassa Oyster di 40 mm, in acciaio inox, con carrure monoblocco e fondello e corona a vite. L’orologio possiede una lunetta tachimetrica incisa in acciaio 904L, la corona di carica è a vite con un incredibile sistema Triplock che lo rende completamente impermeabile e resistente all’acqua anche sotto i 100 metri. Il vetro non poteva che essere, in zaffiro il miglior materiale al mondo per un quadrante di qualità. Il movimento e il cronografo dalle prestazioni eccezionali sono certificati dalla Rolex dopo la messa in cassa. Questo orologio è un’icona dell’orologeria mondiale è unico nella struttura e nella funzionalità. Il modello è da uomo, principalmente studiato per gli sportivi e gli amanti della velocità. 

Rolex Daytona Acciaio – Il Cronograph Daytona in Acciaio Inossidabile 904L

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, acciaio inossidabile

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, in acciaio inossidabile. Fonte Foto: Rolex.com

Rolex utilizza già per la cassa di tutti i suoi orologi questa tipologia di acciaio inossidabile. La lega è incredibilmente potente e solitamente utilizzata nell’industria chimica e in quella dell’alta tecnologia. L’acciaio inossidabile 904L fornisce una forza unica e indistruttibile e una lucentezza incredibile, questa lega nel Cosmograph Daytona è stata utilizzata anche per il bracciale, che rende veramente bene insieme alla cassa, con sfondo bianco e ai contatori in azzurro intenso. La chiusura dell’orologio è a maglia piatta con fermaglio di sicurezza e prolunga rapida.

Rolex Daytona platino – Cosmograph Daytona Oyster

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, in platino

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, in platino. Fonte foto: Rolex.com

Il platino, è una delle leghe più di moda degli ultimi periodi, sia per il suo gusto prezioso che per la sua colorazione argentea e luminosa. Il platino però oltre a essere prezioso e sofisticato è anche un materiale ultra-resistente. Il platino utilizzato per il cinturino del Cosmograph Daytona è platino 950, la migliore lega presente nel mondo della gioielleria moderna. Il Cosmograph Daytona in platino offre un quadrante dallo sfondo blu ghiaccio, colore intenso che si sposa bene con l’argento del platino e con contatori leggermente azzurrati.

Rolex Daytona Oro – La magnificenza dei 18kt per il Rolex Cosmograph Daytona

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, in oro giallo

Cosmograph Daytona Oyster, 40 mm, in oro giallo. Fonte foto: Rolex.com

Tra i modelli di questo fantastico orologio non poteva mancare l’oro, materiale simbolo dell’orologeria Rolex. Infatti l’azienda possiede una fonderia propria, grazie alla quale può realizzare le migliori leghe in oro a 18 kt, per le colorazioni di giallo, rosa o bianco. Il Cosmograph Daytona si presenta quindi in un magnifico oro bianco, splendente e luminoso, prezioso e senza tempo. Tutta l’eccellenza del Rolex si può osservare attraverso la manifattura di questo orologio, che offre bracciale in oro bianco 18 kt, quadrante nero con inserti rossi. Qui per maggiori approfondimenti sul modello in oro.

Ecco il Video Ufficiale del Rolex Cosmograph Daytona:

Potrebbe interessarvi anche la nostra recensione sul Rolex Paul Newman, passato alla storia in quanto l’attore Americano ha indossato questo modello sia sul set che quotidianamente nella vita privata. 

Rolex Daytona Prezzo

Il prezzo di un Daytona parte da 11.150,00 euro per il modello in acciaio, fino ad arrivare al modello in Platino, che costa 69.900,00 euro

Per sommi capi in media questo modello costa circa 30.000 euro. 

Dove acquistare un Rolex Daytona usato

Alcuni Daytona usati posso arriva e superare anche i 90.000 euro come il modello Cosmograph 6263. Acquistare un Rolex usato tuttavia è sempre un rischio. Vi consigliamo di leggere la nostra guida per riconoscere un Rolex falso, perché è molto facile reperire una replica. Se avete una gioielleria di fiducia vi consigliamo di rivolgervi ad essa, altrimenti dovrete affidarvi a portali specializzati nell’acquisto e nella vendita di Daytona usati. 

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.