Il Chronograph Longines Spirit Flyback, ora è anche in titanio

Dal lancio della collezione Spirit nel 2020, Longines ha costantemente arricchito la gamma con diversi modelli distintivi. A marzo di quest'anno, il brand ha presentato lo Spirit Flyback, integrando l'essenza della serie Spirit con un sofisticato cronografo flyback. È bene ricordare che Longines realizzò il primo cronografo flyback a due pulsanti al mondo nel 1925; questa complicazione è, da allora, divenuta emblematica per il marchio. La sua inclusione nella linea Spirit segna un'evoluzione determinante per la collezione. Per il 2023, Longines introduce una rivisitazione del cronografo flyback presentato in precedenza. Questa recente iterazione dello Spirit Flyback mantiene l'acclamato design dell'originale, ma viene eseguito in resistente titanio di grado 5.

Longines Spirit Flyback Titanium

Lanciata nel 2020, la collezione Longines Spirit si è rapidamente affermata come una delle linee più dinamiche del marchio. Da allora, ha visto una serie di varianti, molte delle quali sono state progettate pensando ai piloti. Abbiamo avuto modelli che mostrano solo l’ora e la data, cronografi, orologi senza data e, recentemente, un affascinante GMT Zulu. E tra tutte queste varianti di dimensioni, colori e materiali, Longines ha svelato il suo gioiello della corona: il Longines Spirit Flyback. Come suggerisce il nome, si tratta di un cronografo di alta gamma con funzione flyback e meccanismo a ruota a colonne. Inizialmente proposto in acciaio inossidabile, questo imponente cronografo, che rievoca una complicazione storica per Longines, è ora disponibile anche in titanio, scelta sensata considerando le dimensioni del pezzo.

Recensione del Longines Spirit Flyback Titanium

Longines Spirit Flyback in titanio

La profonda connessione di Longines con il mondo dell’aviazione è manifesta, come dimostrato dalla collezione Spirit. Grandi aviatori come Charles Lindbergh, Amelia Earhart e Howard Hughes hanno scritto la storia dell’aviazione con un Longines al polso. Questo illustre patrimonio è la linfa vitale dietro la serie Spirit. Con il Longines Spirit Flyback, l’azienda rende omaggio non solo alla sua storica associazione con l’aviazione, ma anche a un significativo progresso tecnologico. Longines, infatti, è stata tra le prime case orologiere, se non la primissima, a sviluppare un cronografo con funzione flyback. Si può tracciare la genealogia dei movimenti flyback di Longines al 1925, consolidata da un brevetto del 16 giugno 1936; altre fonti evidenziano una competizione cronologica con Breitling già nel 1923. La funzione flyback, o “retour-en-vol”, rappresenta uno strumento fondamentale per gli aviatori, offrendo una capacità di misurazione del tempo continua e immediata. Questa funzione permette, con un solo tocco, di azzerare e riavviare il cronografo, bypassando la tipica sequenza in tre passaggi di stop-reset-start.

Lo Spirit Zulu Time si posiziona come il fratello più robusto dei modelli standard a 3 lancette, e lo stesso rapporto si stabilisce tra lo Spirit Flyback e il cronografo automatico tradizionale. Entrambi i modelli accentuano il loro carattere sportivo con una lunetta girevole e un calibro più avanzato. Il Longines Spirit Flyback, inizialmente presentato in acciaio con una cassa di 42 mm e uno spessore di 17 mm, rappresenta il vertice della serie Spirit. Quest’anno, in considerazione delle sue dimensioni, il modello è stato reinterpretato in titanio di grado 5. Questo non solo accentua il suo aspetto sportivo, grazie alla tonalità più intensa del titanio, ma migliora anche la vestibilità, con il titanio che risulta essere il 40% più leggero dell’acciaio.

Longines Spirit Flyback Titanium prezzo

Oltre all’introduzione del nuovo materiale, lo Spirit Flyback in Titanio conserva tutte le caratteristiche dei suoi omologhi in acciaio: superfici sapientemente spazzolate affiancate da dettagli lucidi, corona avvitabile e fondello fissato con 6 viti, assicurando una resistenza all’acqua fino a 100 metri. La protezione del quadrante è garantita da un vetro zaffiro, sormontato da una lunetta bidirezionale con un inserto in ceramica. La graduazione di 60 minuti è rappresentata da sottili quadrati incassati affiancati da numeri e indici impreziositi da Super-LumiNova.

Longines Spirit Flyback Titanium Recensione

Seguendo l’estetica degli orologi Spirit in titanio con sola funzione di indicazione del tempo, il nuovo cronografo flyback sfoggia un quadrante dorato. La base presenta una sfumatura antracite, in perfetta armonia con il grigio del titanio. Elementi quali lancette, indici, cifre, cerchi dei sottodischi e il rehaut interno sono tutti in tonalità oro, conferendo un tocco retrò e distintamente raffinato al design. Grazie all’abbondante applicazione di Super-LumiNova, la visibilità notturna è assicurata. Le cinque stelle distintive, posizionate sul quadrante, testimoniano la precisione del calibro al suo interno.

Longines Spirit Flyback Titanium Nato

In occasione del suo debutto, il Longines Spirit Flyback in titanio si presenta con una singola opzione cromatica. Gli estimatori, tuttavia, hanno la libertà di optare tra un cinturino NATO o un bracciale in titanio di grado 5. Esteticamente, il bracciale riprende le linee di quello proposto per i modelli in acciaio, con un design tri-link e dettagli lucidi che contornano le maglie centrali spazzolate. La chiusura presenta un doppio cursore con meccanismo di rilascio a pulsante, e, per una maggiore praticità, le maglie terminali si agganciano alle anse mediante un sistema di sgancio veloce. Il cinturino NATO, nelle tonalità di nero e grigio, sfoggia una fibbia in titanio e viene offerto esclusivamente per questa edizione in titanio del Spirit Flyback.

Calibro L791.4 con funzione  flyback

Calibro Longines Spirit Flyback Titanium

Il Longines Spirit Flyback in titanio è mosso dal Calibro L791.4, lo stesso movimento cronografico automatico flyback che equipaggia le versioni in acciaio. Questo calibro, progettato esclusivamente per Longines dalla consociata del Swatch Group, ETA, lavora a 28.800 vph (4 Hz) offrendo una riserva di carica di circa 68 ore. Si distingue per l’adozione di una spirale in silicio, che garantisce un’eccezionale precisione cronometrica e resistenza magnetica. La presenza di una ruota a colonne assicura una gestione impeccabile delle funzioni cronografiche. Come sottolineato sul quadrante, il Longines Spirit Flyback vanta la certificazione cronometrica COSC, attestando che il Cal. L791.4 rispetta i severi standard di precisione di -4/+6 secondi al giorno.

Opinioni e prezzo dello Spirit Flyback Titanium di Longines

Longines Spirit Flyback Titanium Opinioni

Il titanio tende a essere più costoso rispetto all’acciaio inossidabile per orologi dalle stesse caratteristiche. Il Longines Spirit in titanio ha un prezzo di listino di 5.400 euro nella variante con cinturino (ref. L3.821.1.53.2) e di 5.750 dollari per quella con bracciale in titanio (ref. L3.821.1.53.6). La differenza di prezzo per il materiale è evidente confrontando le varianti con cinturino e bracciale. Mentre il costo aggiuntivo per il bracciale nella versione in acciaio è di soli 100 euro, si arriva a 350 euro di differenza per il modello in titanio di grado 5. Nonostante ciò, il prezzo rimane concorrenziale per un cronografo flyback in titanio di un marchio rinomato. Prevedo che Longines continuerà a sfruttare sempre di più il titanio nella sua offerta contemporanea.

Longines, con questo modello, riesce ad intrecciare con maestria passato e presente. L’introduzione di un cronografo flyback nella gamma aeronautica del marchio è un’evoluzione degna di nota. E, osservando l’espansione dello Spirit Zulu Time, inizialmente presentato con un diametro di 42 mm e successivamente disponibile anche in 39 mm, non mi sorprenderebbe vedere Longines proporre presto la funzionalità flyback in altri formati di cassa.

Ulteriori dettagli sono disponibili sul sito ufficiale di Longines.

Altri articoli
Orologi con quadrante Panda: l’intramontabile fascino vintage senza tempo

I cronografi con quadrante panda sono un simbolo indimenticabile nel panorama orologiero, apprezzati da generazioni di appassionati. La loro presenza ha lasciato un segno indelebile fin dagli anni ’60 e ’70, quando marchi iconici come Rolex, Omega e Heuer decisero di adottare questo design distintivo. L’associazione di questi orologi con il mondo del motorsport ne ha amplificato l’appeal, grazie alla loro leggibilità ottimale in pista, offerta dal contrasto tra i contatori scuri e il fondo chiaro. Questo stile non solo ha aiutato i piloti a tenere traccia del tempo e della velocità, ma ha anche arricchito l’estetica del mondo orologiero. Nonostante il passare degli anni, il “quadrante panda” si dimostra più vivo che mai.

Leggi Tutto »
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.