Le tendenze e gli orologi che dovremmo aspettarci nel 2024

In questo articolo, esploreremo i potenziali cambiamenti nell'accessibilità ai Rolex, le novità attese da Omega in occasione del 55° anniversario dello sbarco sulla Luna, i possibili sviluppi da Universal Genève sotto la guida di Breitling, e l'innovazione nei quadranti con l'uso di materiali esotici. Parleremo anche della tendenza verso orologi subacquei e sportivi di dimensioni più ridotte, della continuazione del rinnovamento di TAG Heuer, e del significativo anniversario di Christopher Ward che potrebbe segnare ulteriori traguardi innovativi. Questo articolo è un viaggio attraverso le anticipazioni e le speranze per il prossimo anno nel mondo dell'orologeria, un settore sempre in movimento e pieno di sorprese. Preparatevi a scoprire insieme a me orologi e tendenze che ci aspettiamo di vedere nel 2024.

gli orologi che dovremmo aspettarci nel 2024

In questo periodo dell’anno, amo immergermi nel futuro dell’orologeria, facendo le mie previsioni personali per l’anno che ci apprestiamo a vivere. Posso ripensare a come sono andate le mie ipotesi passate (e se siete curiosi, date un’occhiata ai miei resoconti precedenti). Certo, potrebbe darsi che nessuna delle mie previsioni si realizzi, ma di solito qualcuna la prendo sempre. ;) Mi piace indossare il cappello da veggente, applicando tutto ciò che ho imparato e scritto nel 2023 per immaginare cosa ci porterà il 2024.

Riflettendo sull’ultimo anno, l’industria orologiera ha vissuto un periodo pieno di dinamismo, segnato da eventi notevoli quali importanti acquisizioni e il debutto di orologi che hanno rapidamente conquistato popolarità, provenienti sia marchi sia consolidati che emergenti. E non dimentichiamo l’ondata di quadranti viola che hanno colorato il panorama. Ora che il 2023 è alle spalle, è tempo di chiedermi cosa ci riserverà il 2024 nel settore degli orologi. Sarà l’anno in cui finalmente si potrà acquistare più facilmente un Rolex a prezzo di listino? Vedremo TAG Heuer continuare il suo percorso innovativo? Quali saranno i primi modelli Universal Genève? Queste sono tutte domande aperte. Quindi, ecco le mie previsioni personali su quali nuovi orologi e tendenze ci aspettano nel prossimo anno.

55° anniversario dell’atterraggio lunare per Omega

omega moonwatch Speedmaster Professional

Dopo un anno 2023 che ha visto Omega procedere con una certa calma, il 2024 si profila come un momento cruciale per il brand. Con le Olimpiadi estive in arrivo in Francia, Omega, come cronometrista ufficiale dell’evento, si prepara a lanciare edizioni speciali celebrative. Inoltre, il 2024 potrebbe rivelare il nuovo volto di James Bond, potenzialmente accompagnato da un’edizione commemorativa del Seamaster. E, naturalmente, non va dimenticato il legame emblematico tra Omega e le missioni lunari: lo Speedmaster, indissolubilmente legato allo storico allunaggio. Questi eventi promettono di rendere il 2024 un anno di significativa attività e innovazione per Omega.

Il 2024 segna il 55° anniversario dello storico allunaggio dell’Apollo 11 nel 1969, un evento reso ancora più memorabile dal fatto che l’astronauta Buzz Aldrin indossava uno Speedmaster sul suo polso lunare. Nonostante il 55° anniversario possa non sembrare un traguardo convenzionale, mi aspetto che la celebrazione venga onorata con il lancio di un Moonwatch speciale. Sembra improbabile che il marchio aspetti il 60° anniversario nel 2029 per celebrare, quindi prevedo che un omaggio a questo epico momento della storia spaziale possa benissimo essere all’orizzonte nel 2024.

Perché credo in un lancio imminente di un Moonwatch speciale? Innanzitutto, Omega ha sempre colto ogni opportunità per introdurre edizioni speciali dello Speedmaster. Poi, c’è la recente avvistamento di Daniel Craig, il celebre ex James Bond e ora ambasciatore Omega, con un enigmatico Speedmaster dal quadrante bianco ancora non svelato al pubblico. E non dimentichiamo che Buzz Aldrin, l’eroico astronauta americano, ha festeggiato i suoi 94 anni a gennaio, e Omega potrebbe voler capitalizzare il suo ruolo di ambasciatore per lanciare un nuovo orologio celebrativo mentre è ancora attivamente coinvolto. Questi elementi insieme mi fanno pensare che un nuovo Moonwatch speciale sia nell’aria per il 2024.

Sarà più semplice acquistare un Rolex a prezzo di listino?

Rolex GMT Master II

Negli ultimi anni, uno degli aspetti più esasperanti per gli appassionati di Rolex è stato il tentativo quasi vano di acquistare uno dei loro orologi. Racconti di liste d’attesa interminabili e concessionari che negano i modelli sportivi ai nuovi clienti sono diventati la norma, così come le speculazioni che il marchio stia deliberatamente limitando la produzione – un’affermazione che sfida la logica, dato che Rolex produce approssimativamente un milione di orologi annualmente. I prezzi esorbitanti nel mercato secondario hanno reso l’idea di ottenere un Rolex a prezzo di listino un sogno lontano. Tuttavia, emergono indizi che suggeriscono un imminente mutamento di questa tendenza.

Nel corso del 2023, sono avvenuti importanti cambiamenti che si prevede influenzeranno positivamente i prezzi degli orologi Rolex nel 2024. Inizialmente, Rolex ha annunciato l’ampliamento delle sue capacità produttive; e sebbene la nuova fabbrica principale non entrerà in funzione prima del 2029, è previsto che un impianto più piccolo e temporaneo inizi a operare già nel 2024. Inoltre, verso la fine del 2023, Rolex ha fatto una mossa significativa acquisendo Bucherer, uno dei più grandi rivenditori di orologi, e ha inaugurato un programma dedicato alla vendita di orologi usati, segnando un potenziale cambiamento nel modo in cui i consumatori possono accedere e acquistare orologi Rolex.

Infine, nel 2023 abbiamo assistito a una marcata diminuzione dei prezzi dei Rolex usati, che sono calati notevolmente rispetto ai massimi raggiunti durante la pandemia, indicando un possibile sfaldamento della bolla dei prezzi Rolex. Preparatevi e tenete pronta la carta di credito: il 2024 potrebbe finalmente offrirvi l’opportunità di acquistare quel tanto desiderato Rolex Pepsi a una cifra più accessibile.

I nuovi modelli Universal Genève

UNIVERSAL GENEVE 3014

Non mi aspetto che nel 2024 emerga un nuovo orologio Universal Genève nonostante l’entusiasmo suscitato dalla notizia che Breitling ha acquisito questo storico marchio con l’ambizione di riportarlo alla sua gloria passata verso la fine del 2023. La realizzazione di orologi è un processo che richiede tempo, spesso anni, e quindi è improbabile che vedremo il lancio di nuovi modelli Universal Genève nel prossimo anno, a meno che Breitling non abbia già lavorato in segreto su questo progetto per un tempo considerevole, ipotesi che sembra piuttosto improbabile.

Sono convinto che Breitling presto rivelerà le novità in arrivo per la rinata Universal Genève, incluso il possibile ritorno di alcuni modelli storici. Universal Genève custodisce nel suo catalogo diverse icone dimenticate, tra cui il celebre Polerouter di Gerald Genta e numerose varianti eminenti della sua eclettica collezione di cronografi Compax. Non mi sorprenderebbe se Breitling annunciasse l’imminente rilancio di uno o più di questi classici. E quale momento migliore per Breitling di annunciare queste novità se non poco prima di Watches and Wonders ad aprile, cogliendo l’occasione per attirare l’attenzione in un periodo di grande visibilità nel mondo orologiero, nonostante la loro assenza all’evento stesso.

Quadranti Innovativi: L’ascesa dei Materiali Esotici nell’Orologeria del 2024

Oris ProPilot X Calibre 400 Laser

Una tendenza emersa nel 2023 e che prevedo diventerà sempre più predominante nel 2024 è l’impiego di materiali esotici per i quadranti degli orologi. Recentemente, abbiamo visto un’evoluzione verso una tavola di colori più ampia nei quadranti, con il 2023 che ha segnato un picco particolare per i quadranti viola. Tuttavia, i produttori orologieri stanno continuando a esplorare nuove frontiere, integrando materiali insoliti e esteticamente straordinari per conferire ai loro quadranti un aspetto distintivo e accattivante. Questo esperimento con texture e colori non convenzionali promette di aprire nuove strade nell’arte del design orologiero.

Oris ha introdotto un ProPilot con un quadrante rivoluzionario trattato al laser, che varia di colore a seconda della luce senza utilizzare pigmenti. TAG Heuer ha innovato con un quadrante realizzato da diamante sintetico. Allo stesso tempo, i quadranti in pietra naturale sono rinati nella collezione di marchi prestigiosi come Girard-Perregaux, Rolex e Audemars Piguet, e insieme a marchi più accessibili come Christopher Ward, hanno adottato l’uso dell’avventurina stellata per un effetto scintillante. Prevedo che nel 2024 l’innovazione nei quadranti raggiungerà nuove vette, con i marchi che sfrutteranno materiali e tecniche inediti per creare effetti visivi mai visti prima.

Orologi subacquei e sportivi con dimensioni di cassa più piccole

Tudor Black Bay 54

Dopo un periodo dominato da orologi dalle dimensioni generose, negli ultimi anni abbiamo assistito a un ritorno gradito agli orologi di dimensioni più contenute e tradizionali. Questo movimento verso il minimalismo ha guadagnato slancio nel 2023, in particolare grazie a Tudor che ha introdotto il suo Tudor Black Bay 54 da 37 mm a Watches and Wonders. Anche altre case orologiere hanno iniziato a proporre modelli sportivi e subacquei con casse sotto i 40 mm, come i Legend Diver e Spirit Zulu Time GMT da 39 mm di Longines e il PRX Powermatic 80 da 35 mm di Tissot. Persino IWC ha reso il suo iconico Big Pilot’s Watch più accessibile, riducendolo a 43 mm. Questa tendenza evidenzia un interesse crescente per orologi più pratici e discreti, con un occhio di riguardo per l’estetica classica.

Per il 2024, spero e prevedo che la tendenza verso orologi sportivi e subacquei di dimensioni più ridotte prosegua e si rafforzi. Ci potrebbe essere un’attesa rinascita dell’Omega Seamaster 300m in una dimensione intermedia, un Blancpain Fifty Fathoms sotto i 40 mm o forse anche una nuova versione del Rolex Explorer II da 39 mm. Il ritorno al “piccolo è bello” sta guadagnando terreno nel mondo degli orologi subacquei e sportivi, e sarebbe saggio da parte dei marchi capitalizzare su questa tendenza nel 2024, beneficiando non solo della preferenza dei consumatori ma anche di potenziali riduzioni nei costi dei materiali. Quest’anno potrebbe segnare un ritorno al comfort e all’eleganza discreta negli orologi di lusso.

La rinascita di TAG Heuer continuerà?

TAG Heuer Carrera Skipper

TAG Heuer ha preso una svolta decisa. Negli anni recenti, il marchio ha silenziosamente intrapreso un percorso di rinnovamento, sembrando puntare a riconquistare gli appassionati che lo avevano giudicato troppo elitario e poco rilevante. Con una dedizione costante al miglioramento della qualità dei suoi orologi e dei meccanismi interni, TAG Heuer ha sapientemente attinto al ricco patrimonio dei suoi modelli iconici. Questo impegno ha trovato la sua apoteosi nel 2023 con l’introduzione del nuovo Carrera Chronograph “Glassbox”, che celebra il 60° anniversario del più celebre modello di Heuer. Questo orologio rappresenta un’armoniosa fusione tra l’eleganza vintage e l’innovazione contemporanea, segnando un punto di svolta per il marchio nell’orologeria.

Credo che TAG Heuer non abbia alcuna intenzione di rallentare e per il 2024, prevedo che il marchio continuerà il suo cammino di rinnovamento, puntando a posizionarsi come un’opzione intrigante rispetto a concorrenti come Longines, Tudor e Breitling. All’interno del suo catalogo, TAG Heuer possiede una serie di modelli pronti per essere rivisitati con lo spirito innovativo visto nel Carrera. Ci potrebbe essere il ritorno di versioni aggiornate degli amati cronografi Autavia o forse vedremo un Monaco ridimensionato (mi piacerebbe molto), più compatto e pratico, o ancora potrebbe esserci una rielaborazione moderna della collezione Link, trasformandolo da un’icona degli anni ’90 a un contendente nel mondo degli orologi sportivi di lusso con bracciale integrato. Le opportunità sono vastissime e decisamente entusiasmanti. Il 2024 potrebbe essere un anno di significative evoluzioni e rilanci per TAG Heuer, segnando un’era di rinascita e innovazione.

Christopher Ward compie 20 anni

Christopher Ward

Christopher Ward ha conosciuto una crescita notevole negli ultimi anni, rilanciandosi in modo significativo dopo la partenza del fondatore omonimo nel 2020. Con un rinnovamento dell’immagine del marchio, un miglioramento nella qualità e un adeguamento dei prezzi, ha continuato a lanciare orologi di grande successo. Il 2023 è stato un anno straordinario per Christopher Ward, con l’introduzione della nuova collezione di orologi sportivi con bracciale integrato, The Twelve, che ha rapidamente catturato l’attenzione del mondo orologiero. Il marchio ha inoltre consolidato la sua reputazione con il Bel Canto, un orologio con suoneria lanciato a fine 2022 a meno di 4.000 euro, che ha ottenuto il prestigioso premio GPHG “Petite Aiguille” battendo concorrenti di calibro come Tudor e Bulgari, posizionandosi come uno dei migliori orologi nella fascia di prezzo tra 2.000 e 8.000 franchi svizzeri.

Mentre alcuni potrebbero speculare che Christopher Ward abbia raggiunto il suo culmine e che possa solo declinare, personalmente prevedo che il marchio sia all’alba del suo periodo più rilevante. Il 2024 rappresenta un momento storico per Christopher Ward, segnando il 20° anniversario dalla sua fondazione nel 2004 come primo marchio di orologi venduti esclusivamente online e il 10° anniversario dalla sua significativa fusione con Synergies Horlogères SA, un’importante manifattura svizzera. Questi traguardi non solo rappresentano tappe miliari del percorso del marchio, ma offrono anche l’opportunità di riaffermare e potenzialmente superare il successo già ottenuto.

Questi anniversari mi portano a credere che Christopher Ward ci riserverà sorprese ancora più grandi nel 2024, a tal punto che potremmo chiederci perché rimaniamo sorpresi dalla sua capacità di innovazione e qualità. Da piccola impresa emergente, Christopher Ward si è trasformato in un rispettato produttore di orologi di lusso svizzeri. Il 2024 potrebbe benissimo essere l’anno in cui il marchio consolida ulteriormente la sua reputazione e il suo status nel settore orologiero, continuando a ridefinire le aspettative e rafforzando la sua posizione come leader nell’innovazione e nella qualità orologiera.

Altri articoli
Oris ProPilot X Calibre 400 Laser: uno spettacolo di luci unico e senza precedenti

Da quando è stato lanciato nel 2022, il ProPilot X di Oris, dotato del Calibro 400 e realizzato interamente in titanio, ha ospitato una serie di quadranti eccezionalmente colorati. La sua prima versione ha conquistato gli appassionati con un delicato rosa pastello dalla texture finemente granulosa. Poi, all’inizio di quest’anno, è arrivato “Kermit” con il suo quadrante verde che ha colpito nel segno, catturando cuori e menti. Durante la Dubai Watch Week, Oris ha proseguito nel suo viaggio cromatico con il lancio del ProPilot X Calibre 400 Laser, che si distingue per un quadrante creato, come si può intuire, con la tecnica laser.

Leggi Tutto »
2 risposte
  1. Gent.mo Sig. Carmine, mi da un suo personale giudizio sulla azienda Venezianico ? Nel 2024 ci saranno nuovi modelli ? La ringrazio.

  2. Ciao Giacomo, personalmente apprezzo molto il progetto e gli orologi Venezianico.
    Ovviamente nel 2024 ci saranno interessanti novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.