BLOG OROLOGI: MAGAZINE DEDICATO A RECENSIONI OROLOGI, OPINIONI E NOVITÀ NEL MONDO DELL’OROLOGERIA

Gli anniversari più importanti degli orologi da conoscere e cosa aspettarsi nel 2023

Gli orologi più attesi nel 2023 da Rolex, Patek Philippe, Tudor e Omega. Senza dimenticare Swatch, Casio G-Shock, IWC, Blancpain e Seiko.

Ci sono alcuni orologi che sappiamo saranno presentati nel 2023. Poi, ci sono modelli che possiamo prevedere l’uscita. E infine, ci sono gli orologi che speriamo escano quest’anno. All’inizio del nuovo anno, vi presento un piccolo elenco di previsioni, aspettative e desideri inverosimili.

Benvenuti quindi in un nuovo anno. Benvenuti nel 2023. Se c’è una cosa che i marchi di orologi amano è la celebrazione del loro patrimonio. Il vintage è stato una delle principali ispirazioni degli ultimi 10-15 anni, e abbiamo visto molti modelli commemorativi uscire nel 2022 – si pensi al Royal Oak che compie 50 anni. Perché il 2023 dovrebbe essere diverso?

Quest’anno ricorrono importanti anniversari e possiamo scommettere che i marchi orologieri rilasceranno una serie di pezzi commemorativi. In effetti, alcuni hanno iniziato a farlo già alla fine del 2022 o prima di oggi. Ecco quindi gli anniversari di orologi da conoscere nel 2023 e cosa aspettarsi dalle principali maison.

Blancpain Fifty Fathoms (1953)

Il primo Blancpain Fifty Fathoms
Il primo Blancpain Fifty Fathoms del 1953

Il Blancpain Fifty Fathoms è considerato come uno dei modelli simbolo dell’orologio subacqueo moderno. Quest’anno, l’orologio da immersione archetipo di Blancpain del 1953 compie 70 anni. L’aspetto importante di questo modello è che ha definito una serie di caratteristiche che sarebbero diventate un modello per i moderni orologi subacquei.

Il progetto, guidato da Jean-Jacques Fiechter, sommozzatore dilettante e CEO di Blancpain, è nato per necessità. Fiechter sperimentò in prima persona i pericoli di una bombola subacquea esaurita e si rese conto dell’importanza vitale di avere un orologio in grado di rilevare il tempo trascorso sott’acqua. Dopo il suo ritorno nel 2003, il Fifty Fathoms è diventato un orologio essenziale nel portafoglio del marchio.

Per celebrare il suo 70° anniversario, Blancpain ha appena presentato il Fifty Fathoms 70th Anniversary Limited Edition Act 1. Il marchio precisa inoltre che si tratta di un orologio che non ha bisogno di essere usato. Il marchio indica anche che questo è il primo di una serie futura. Quindi, aspettatevi altri orologi di questo tipo nel corso dell’anno.

L’attuale Fifty Fathoms ha sostituito in pratica l’orologio subacqueo della collezione Trilogy, che comprendeva anche un orologio GMT e i cronografi Air Command. Orologi del 1997 – quando Blancpain è entrata a far parte di Swatch Group – con una particolare lunetta testurizzata che non ha mai fatto scalpore.

Un ritorno a quel design è molto improbabile. Tuttavia, un piccolo Fifty Fathoms dall’aspetto classico, in ceramica nera o grigio canna di fucile, con una lunetta aggiornata (quella in zaffiro mi sembra un po’ obsoleta), è qualcosa da potersi aspettare.

Omega Seamaster (1948) – 75° Anniversario

Omega Seamaster (1948)
Omega Seamaster (1948) – 75° Anniversario

Pensare a cosa farà Omega per il 75° compleanno del Seamaster può causare un po’ di mal di testa. Ricordate le classiche edizioni limitate del 1948 che Omega ha lanciato cinque anni fa? C’era un modello Seamaster Central Second e un orologio con piccoli secondi. Le due iterazioni sono state prodotte in 1.948 esemplari in acciaio e 70 in platino.

Forse, dato che il Seamaster è stata la prima famiglia di orologi Omega, il 2023 sarà un anno in cui si vedranno modelli speciali per l’anniversario di tutta la gamma. Penso a un cofanetto con edizioni speciali delle quattro sottofamiglie Seamaster: Aqua Terra, Diver 300M, Planet Ocean e Heritage. Sarei curioso di vedere un Seamaster 1948 Limited Edition in tutte le diverse leghe d’oro di Omega, in particolare una versione in oro bronzo nautico.

Non mi stupirei se Omega rilasciasse modelli che rendano omaggio alle origini della collezione per celebrare il suo 75° anniversario on una riedizione del modello CK2913 nel 1957.

Rolex Explorer (1953) – 70° Anniversario

Rolex Explorer (1953)
Rolex Explorer (1953)

L’anno 1953 viene spesso associato da Rolex alla nascita del Submariner. Tuttavia, c’è un altro modello importante che è stato rilasciato nello stesso anno, un orologio che è stato anche in produzione continua fin dalla sua uscita: l’Explorer.

Tenzing Norgay e Sir Edmund Hillary furono i primi esploratori a conquistare la vetta del Monte Everest; al polso Norgay portava un Rolex Oyster Perpetual referenza 6098.

Dopo la loro trionfale ascesa, il marchio ha lanciato un orologio dedicato all’esplorazione, appropriatamente chiamato Explorer. Anche questo orologio festeggia quest’anno il suo 70° anniversario. Come per il Submariner di cui sotto, nulla indica che la corona rilascerà un’edizione speciale, che si baserebbe sull’attuale 36 mm. Tuttavia, possiamo ancora sognare l’idea di una versione polar bianca…

Rolex Submariner (1953) – 70° Anniversario

Rolex Submariner (1953)
Rolex Submariner (1953)

Anche se non è stato il primo orologio subacqueo moderno, il Rolex Submariner è uno dei primi modelli mai creati – solo pochi mesi dopo il Fifty Fathoms e lo Zodiac Sea Wolf – ed è di gran lunga il modello più influente…

È un orologio che ha definito la categoria per 70 anni ed è ancora in attività. Quest’anno, infatti, il Submariner festeggia sette decenni di produzione continua e di progressiva evoluzione.

Vedremo un modello commemorativo? Nulla di certo, perché Rolex può ma non sempre celebra questi giubilei. Abbiamo visto un modello per i 50 anni nel 2003 (il Kermit 16610LV con lunetta verde), ma non ci sono certezze su un’eventuale edizione per l’anniversario che uscirà nel 2023.

Rolex Daytona (1963) – 60° Anniversario

Rolex Daytona (1963)
Rolex Daytona (1963)

Nel 1963 Rolex rilascia quello che probabilmente è il suo secondo orologio più iconico (dopo il Submariner): il Cosmograph Daytona. Questo cronografo, che prende il nome dall’emblematica corsa che si svolgeva dal 1936 sul circuito stradale di Daytona Beach, poi sostituito dalla Daytona International Speedway, è un orologio dedicato al cronometraggio degli sport motoristici.

Rispetto ai precedenti orologi cronografici di Rolex, la caratteristica distintiva di questo modello era il tachimetro inciso sulla lunetta esterna (un’invenzione di Omega, per ricordarlo…). Da allora, il Daytona è diventato uno dei più classici orologi da corsa e uno dei Rolex più ambiti della storia.

E dato che nel 2023 festeggerà il suo 60° anniversario, forse è giunto il momento che Rolex rilasci finalmente l’aggiornamento che tanti aspettano. Si tenga presente che il modello è rimasto pressoché invariato dal 2000, quando il marchio lanciò la serie a sei cifre con il calibro 4130.

Forse aspetteranno che il cronografo compia 75 anni per festeggiare con qualcosa di nuovo, o forse no. Se quest’anno saremo fortunati, mi aspetto di vedere un Daytona in acciaio con quadrante verde.

Rolex Milgauss

Rolex Milgauss

L’aggiornamento dell’Air-King Ref. 126900 del 2022 ci porta a pensare che ci sarà un nuovo Milgauss – la Ref. 126400 che sostituirà la Ref. 116400 – in arrivo.

Stessa cassa del nuovo Air-King, stesso movimento, stesso tutto tranne il quadrante e forse un vetro colorato sopra un quadrante scuro.

E la versione con quadrante bianco sarà probabilmente sormontata da un vetro trasparente. Non vedo l’ora di vedere una lancetta dei secondi rinnovata.

Tudor Black Bay Pro “Polar”

Tudor Black Bay Pro “Polar”
Foto trovata sul web: Tudor Black Bay Pro “Polar”

Non ho intenzione di parlare del Black Bay Pro originale e del suo aspetto. Soprattutto perché se Tudor deciderà di rilasciare un Black Bay Pro “Polar” con quadrante bianco, si tratterà di una creazione a sé stante.

Certo, avrà le vibrazioni dell’Explorer II, ma non così forti come quelle del “Freccione” del primo “BB Pro”.

E se Tudor vuole assicurarsi che nessuno pensi a un orologio con una corona sul quadrante, anche un BB Pro blu navy potrebbe essere molto interessante da vedere.

Swatch (1983) – 40° Anniversario

Swatch (1983)
Swatch (1983)

Nel 1983, l’industria orologiera svizzera era sull’orlo del collasso. Quella che in seguito fu definita la “crisi del quarzo” ebbe un effetto devastante sull’industria orologiera svizzera tradizionale, incentrata principalmente sulla produzione di orologi meccanici.

A salvare questo savoir-faire ancestrale è stato, ironia della sorte, un accessibile orologio di plastica alimentato da una batteria: lo Swatch.

Creato all’inizio degli anni ’80 sotto la guida del Dr. Ernst Thomke (CEO di ETA) e lanciato nel 1983, questo successo commerciale ha permesso di rilanciare l’idea dell’orologio svizzero e, per coincidenza, di riavviare lentamente l’industria dell’orologio meccanico (non possiamo negare l’immenso impatto che il piccolo Swatch in plastica ha avuto sull’industria).

Casio G-Shock (1983) – 40° Anniversario

G-Shock Flare Red Series for 40th Anniversary
G-Shock Flare Red Series for 40th Anniversary

Il 2023 è il 40° anniversario del Casio G-Shock, che ha debuttato nel 1983.

I G-Shock della Casio sono presenti in tutto il mondo e continuano a essere uno dei principali obiettivi del team di ricerca e sviluppo di Casio. Cosa hanno in serbo per noi i ragazzi di Tokyo quest’anno? È una bella domanda, ma possiamo dirvi che ci sarà una serie di prodotti e iniziative per il 40° anniversario, così tanti che Casio non poteva aspettare fino al 2023 per iniziare a parlarne!

In alto possiamo vedere due orologi Flare Red presentati a fine 2022 con una lunetta multicolore e una cassa prodotta da Casio in carbonio stratificato.

Casio afferma che la miscela di rosso e nero nel materiale di carbonio evoca i bagliori del sole. Ho anche il sospetto che il nero e il rosso siano la tavolozza di colori generale associata al marchio Casio G-Shock 40th anniversary, il che significa che vedremo altre varianti di colore nei prossimi prodotti G-Shock per il 40° anniversario. È inoltre importante sottolineare che, data la natura del modo in cui viene prodotto questo materiale di carbonio miscelato, ogni componente avrà un aspetto unico, con un proprio equilibrio di colori e di volute.

 Glycine Airman (1953) – 40° Anniversario

 Glycine Airman (1953) -
Glycine Airman (1953)

A chiudere il capitolo di un anno importante, l’ultima delle uscite significative del 1953 fu il Glycine Airman, un orologio che viene spesso considerato l’antenato dell’orologio da viaggio GMT, prodotto un anno prima che Rolex lanciasse il GMT-Master.

Questo orologio era in grado di rilevare contemporaneamente due fusi orari di 24 ore, grazie a una lunetta girevole di 24 ore e a un quadrante calibrato per visualizzare l’ora su base 24 ore.

A Longines viene attribuita l’invenzione del concetto nel 1925 con il suo orologio Zulu; tuttavia, la forma moderna dell’orologio GMT ha molto a che fare con questo Airman e con il successivo GMT-Master di Rolex.

 Ingenieur di IWC – In attesa di qualcosa di nuovo

IWC Ingenieur SL
IWC Ingenieur SL

Ho sentito dire che IWC sta lavorando sodo per rientrare nel mercato degli orologi sportivi integrati.

Con un Ingenieur rinnovato, naturalmente. Un modello basato sull’elegante Ingenieur SL “Jumbo” Ref. 1832, spero e non l’ingombrante Ingenieur Ref. 3239.

Heuer Carrera (1963) – 40° Anniversario

Heuer Carrera (1963)
Heuer Carrera (1963)

Stesso anno di presentazione, stessa ispirazione generale e stesso scopo, e quasi iconico come il Daytona di cui sopra… il 1963 vide anche l’introduzione dell’Heuer Carrera.

Progettato da Jack Heuer in persona per rispondere alle esigenze dei piloti di automobilismo, con il nome di una delle gare più leggendarie (la Carrera Panamericana), la ricetta era semplice: uno strumento pulito, ordinato, ultra-leggibile e affidabile per misurare il tempo e la velocità media durante le gare.

L’orologio del gentleman driver in persona. Quest’anno celebrerà il suo 60° anniversario e non c’è dubbio che vedremo orologi commemorativi per tutto l’anno.

 AP Royal Oak OFFSHORE (1993) – 30° Anniversario

AP Royal Oak OFFSHORE (1993)
AP Royal Oak OFFSHORE (1993)

Lo scorso anno si è celebrato il 50° anniversario del più importante orologio mai creato da Audemars Piguet, il Royal Oak del 1972. Quest’anno è l’anniversario del suo diretto discendente, il Royal Oak Offshore.

Il ROO è stato concepito per celebrare il 20° anniversario del Royal Oak, ma anche (e forse soprattutto) per incrementare le vendite. Il classico RO non stava andando molto bene e il marchio aveva bisogno di qualcosa che parlasse a un nuovo pubblico.

Il risultato, disegnato da Emmanuel Gueit, è una versione sovradimensionata e mascolinizzata dell’emblematico orologio ottagonale. E con il 30° anniversario alle porte, non ci stupiremmo se AP stesse preparando una serie di modelli commemorativi…

E voi cosa vi aspettate da questo 2023? Scrivetemi qui in basso e seguitemi su Instagram (clicca qui per accedere alla pagina @recensioniorologi.it), per non perdere tutte le novità.

Ciao da Carmine.

Dettagli
Gli anniversari più importanti degli orologi da conoscere nel 2023 e cosa aspettarsi dai brand
Nome Articolo
Gli anniversari più importanti degli orologi da conoscere nel 2023 e cosa aspettarsi dai brand
Descrizione
Ci saranno marchi e modelli di orologi che celebrano anni di nascita. L'Omega Seamaster, ad esempio, compie quest'anno 75 anni. Sapevate che quest'anno il Rolex Daytona ha compiuto sei decenni? Seiko ha raggiunto l'onorevole età di 110 anni. E sia lo Swatch che il G-Shock festeggiano 40 anni di fantastici orologi di plastica. Ma ci sono anche previsioni basate sulle uscite, sulle indiscrezioni e sui desideri irrealizzati del 2022.
Autore
RecensioniOrologi.it
Recensioniorologi.it
Logo
Altri articoli
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attiva notifiche per non perdere le nostre recensioni OK No Grazie